19°

Comune

Movida, giro di vite per chi non rispetta le regole. Per l'estate si pensa a uno spostamento in via dei Mercati

L'assessore Casa ha incontrato gestori dei locali e residenti

Movida, giro di vite per chi non rispetta le regole. Per l'estate si pensa a uno spostamento in via dei Mercati
Ricevi gratis le news
20

L'assessore Cristiano Casa ha incontrato i rappresentanti dei gestori dei locali e dei residenti delle strade coinvolte dalla "movida", per trovare soluzioni condivise in vista della scadenza del regolamento sui pubblici esercizi, prevista per il 10 marzo prossimo. L'assessore ha sottolineato che, per quanto riguarda i controlli, la situazione è migliorata ma il Comune farà ancora di più. Ci sarà un occhio di riguardo per i locali con un impatto acustico più contenuto. Previsti un giro di vite per le “slot machine” e la confisca degli impianti per chi certifica il falso; orario prolungato, invece, per chi assume steward urbani che tengono libere le strade da occupanti impropri.
Per l'estate, inoltre, si cercherà di spostare "la parte più invasiva della movida" in strada dei Mercati, dove ora c'è il luna park, proponendo sotto i portici di via D'Azeglio "attività a basso impatto e di alto valore sociale".


Ecco il comunicato stampa del Comune: 

 

Incontro ravvicinato in Municipio con gestori di pubblici esercizi e residenti delle strade della movida, via Farini e via Massimo D’Azeglio.
L’assessore al Commercio Cristiano Casa ha voluto sentire il parere degli interessati prima di arrivare a proporre al Consiglio comunale il regolamento sui pubblici esercizi, che scade il 10 marzo prossimo. Presenti anche il presidente del Consiglio Marco Vagnozzi e i consiglieri Andrea De Lorenzi e Chiara Gianferrari.
Ovviamente gli interessi fra le due categorie non coincidono, ma il confronto è rimasto sui binari della civiltà, per trovare soluzioni condivise.
Dai residenti sono arrivate segnalazioni di criticità e proposte di miglioramento: fra le prime il frequente mancato rispetto degli orari da parte di alcuni locali, gli effetti dell’impatto acustico e la carenza di controlli per una movida che alcuni definiscono !”troppo aggressiva”. In particolare i residenti di via Farini hanno lamentato anche la chiusura temporanea di alcune strade che crea difficoltà, mentre quelli di via D’Azeglio si trovano troppo di frequente alle prese con segnali di degrado urbano conseguenti a comportamenti incivili, e chiedono al Comune di risolvere il problema dell’uso improprio continuato dei portici dell’Ospedale Vecchio.
Manuel Fava di Ascom e Stefano Cantoni di Confesercenti hanno messo in guardia contro il rischio che regole troppo stringenti portino alla chiusura delle imprese insediate e alla conseguente desertificazione di altre strade della città storica: “In via Farini le cose vanno meglio rispetto a via D’Azeglio – ha affermato Cantoni – ma bisogna trovare regole condivise che siano di garanzia per tutti, residenti ed esercenti” ed ha auspicato che si proceda ad una robusta semplificazione amministrativa intensificando il controllo sul territorio e facendo ricorso anche allo strumento della diffida amministrativa, proposta nella recente legislazione in materia. 

“Dal punto di vista dei controlli – ha risposto Cristiano Casa – si sono fatti passi avanti, ma faremo di più. Sul regolamento – ha anticipato – prevederemo una robusta opera di semplificazione venendo incontro alle esigenze delle imprese, ma renderemo anche più incisive e immediatamente applicabili le misure per chi sgarra”. Ai residenti che invocano al presenza di vigili, Casa ha risposto che bisogna agire in condizioni di sicurezza nelle situazioni che si presentano, e ha ribadito che una delle soluzioni possibili sta nell’azione congiunta delle forze dell’ordine.
Le innovazioni proposte per il regolamento sono state illustrate dal responsabile tecnico Vincenzo Fusco, che ha annunciato novità, soprattutto in merito delle pratiche relative all’impatto acustico, con un occhio di riguardo per i locali che attuano sistemi di insonorizzazione e per quelli che fanno musica live con strumenti già “testati” da Arpa. Giro di vite anche per le “slot machine”, confisca degli impianti per chi certifica il falso e orario prolungato, invece, per chi assume steward urbani che tengono libere le strade da occupanti impropri.
Infine l’assessore, con il pieno accordo dei presenti, riferendosi al problema dell’Ospedale Vecchio, ha annunciato che per l’estate si cercherà di spostare la parte più invasiva della movida in strada dei Mercati, nell’area ora occupata dal luna park, che sotto i portici si proporranno attività a basso impatto e di alto valore sociale, e che si sta meditando di tamponare i porticati stessi con pannelli per evitare usi notturni impropri. Si lavorerà anche sulla proposta avanzata da Stefano Cantoni di ripristinare spazi di aggregazione in periferia, che rispondano alle esigenze del popolo della movida.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • HARRIS

    26 Febbraio @ 08.14

    Vedi anche Maurizio la pensa come me. In centro ci deve essere ordine, disciplina, non il vomito, il piscio, il sudiciume sfattoniano fuori sede e dei figli di papà che si è impossessato dell'Ospedale Vecchio. Servono quindi sanzioni che vengono applicate senza chiudere occhi: multe a go go a chi non rispetta le regole. Questo sposterà questa mandria sudicia di ubriaconi verso altri lidi e io e altri abbiamo proposto la zona ex Salamini facendola diventare una sorte di Kultfabrik come c'è a Monca di Baviera. Esisterà quindi una movida colta, intellettuale, educata, intelligente, didattica in centro e una movida del sudicio, libertina in area ex Salamini. HARRIS

    Rispondi

  • HARRIS

    25 Febbraio @ 20.19

    @goldwords. Ho fatto fatica seguirti. I bar di via D'azeglio continueranno ad esistere mentre mi aspetto regole severe e punizioni contro chi bivacca, contro chi urla, inflessibilità sugli orari. Sino ad ora c'è stato permissivismo. Non è accettabile vedere fila di giovani con la bottiglietta di birra sotto i portici o gente che si porta le bottiglie da casa per bivaccare lì sotto. . Con regola fatte rispettare la movida si sposta lasciando comunque aperti i bar. Dove è il problema per loro? Quanto alla zona ex salamini servirebbe una riqualificazione e siccome ci sono già locali frequentati da quella gente lì non sarebbe difficile spostare in massa la movida di via D'azeglio all'ex salamini. harris81

    Rispondi

  • Enrico

    25 Febbraio @ 19.38

    Continuiamo a far morire il CUORE di Parma. Stanno chiudendo bar e negozi e il tutto perchè si continua a bastonare sia chi ha attività economiche in quella zona, sia i frequentatori, tra multe, ordinanze, tasse e altro. Assessore Casa....vai a casa!! Vacci te al venerdì sera tra trans e prostitute in viale dei Mercati! Facciamola in via Palermo intanto che ci siamo!! Poi alla prima sera lamentiamoci perchè qualcuno prende una coltellata in un angolo. Io mi chiedo se un assessore che promuove un'iniziativa del genere sta scherzando.

    Rispondi

  • Goldwords

    25 Febbraio @ 16.27

    @Harris, e gli sfattoni figli di quelli di sinistra cosa ne fai? Allora non mi sono spiegato, non è la maggioranza, che crea problemi, devo scriverlo in maiuscolo? Sono gli sfattoni figli di quelli di sinistra, che devi dedicare i tuoi pensieri!!!! Le minoranze, i barboni, insomma, tanto per dirla in retorica, tanto cara a voi, la goccia di caffè nel latte bianco, che lo sporca!!! Quelli che si prendeva cura Mario Tommasini, quelli che nessuno vuole, quelli che puzzano. Di quelli ti devi preoccupare, il figlio di papà, della sinistra, coi capelli unti, nulla facente, ecco quello!! Cosa farai per quelli? Degli altri poco mi importa, non hanno bisogno di regole. Quelli che nessuno sa se esistono, se non quando vomitano o pisciano!! Quelli cosa ne fai? Li mandi nel campus di Genova per la rieducazione? Chiaro che la ex Salamini va bene, ma come li convinci ad andare, o il centro Torri ,o qualsiasi altra cosa, va bene, ma come li convinci? I bar del centro li hai sentiti se sono d'accordo? Troppo semplice il dire!! Tocca a te adesso pedalare e al momento siete maglia nera, in questo giro della città!!

    Rispondi

  • HARRIS

    25 Febbraio @ 13.36

    @Goldwords. Con Movida intelligente non si intende da quello che ho capito il luogo ma bensì il contenuto della movida: se si organizzano certe serate a tema, con un certo pubblico in via D'Azeglio si popola la via senza quel gregge di parmigiani e fuori sede dall'accento improbabile che vomitano, pisciano sui muri, urlano, fumano droghe e bivaccano sotto i portici dell'ospedale vecchio che è diventato un porcile (spesso della sinistra sfattona con figli di papà dai capelli sudici che non fanno niente dalla mattina alla sera). E' un sudiciume schifoso di giovani deliranti. Ci vado anch'io a fare una passeggiata alla sera in via d'Azeglio ma fa veramente schifo. . Allora, Goldwords, se noi facciamo una movida intelligente in via D'Azeglio con serate a tema riempiamo la via con persone tranquille, la via non è frequentata da spacciatori e si allontana la criminalità che si creerebbe lasciando la via morire su stessa. Ammetto che la scelta dei Mercati è poco felice, sarei più favorevole per la zona Eurotorri/Centrotorri come ha detto qualcuno ma pensare di traslocare la "movida del vomito" da via D'azeglio alla Ghiaia no, dai. NOn possiamo trasformare un luogo così come la Ghaia in una terra di nessuno in mano a sfattoni, fuori sede che pisciano, urlano e vomito. SEcondo me il luogo migliore è la zona ex salamini: questa sarebbe la zona ideale per la movida sfattona, "fuori sede", rastaioloa, e alcolica. Potremmo trasformare la zona ex salamini in una Kultfabrik come hanno a Monaco di Baviera che è diventato uno dei simboli della Monaco by night. HARRIS81

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma - Entella 3 - 1: fai le tue pagelle

10' GIORNATA

Parma-Entella 3-1: fai le tue pagelle

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

8commenti

Parma 1913

Ai domiciliari per maltrattamenti, va a lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga: marocchino in manette

Studente straniero 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

32commenti

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

SPORT

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro