Parma

Circonvallazione: emergenza pedoni - I lettori: "Più controlli e dossi". "Punire anche chi non attraversa sulle strisce"

Circonvallazione: emergenza pedoni - I lettori: "Più controlli e dossi". "Punire anche chi non attraversa sulle strisce"
Ricevi gratis le news
42

LA CRONACA DI IERI - Un uomo è stato investito da un'auto in viale Fratti mentre attraversava la strada. L'auto ha percorso un breve tratto con l'uomo sopra al cofano, che poi è caduto.
L'incidente è avvenuto questa mattina. La dinamica dell'accaduto sarà chiarita dalla Polizia municipale. L'uomo, che nella vita fa il personal trainer, stava passando sulla carreggiata quando è stato centrato da una Lancia Ipsilon con a bordo un 60enne e la moglie. L'automobilista si è trovato l'investito sul cofano e, pur fermandosi subito, ha percorso un breve tratto con l'uomo sull'auto. L'investito è stato soccorso dal personale di un'ambulanza. Le sue ferite non sono gravi.
Traffico in tilt per circa un'ora, fra le 10,30 e le 11,30.

L'EMERGENZA PEDONI - Dalle cronache rimbalza an­che una mappa delle strade più a rischio, dove il popolo su quattro ruote quasi mai resiste alla ten­tazione di pigiare sull'accelera­tore e addio limite dei cinquan­ta. Vedi i viali della circonval­lazione dove il marciapiedi op­posto diventa un miraggio per chi deve arrivarci con le sue gam­be. In quest'ultimo periodo, al­meno due vie si sono guadagnate il bollino rosso della pericolosi­tà: una è via Montebello, dove nell'arco di tre giorni sono state travolte due donne (una è l'an­ziana urtata da un'auto in re­tromarcia, finita in rianimazio­ne).
  Viale Fratti non è da meno e qui siamo alla cronaca di ieri. Proprio il punto davanti al Duc, dopo la curva, con tanto di stri­sce pedonali, è quello dove or­mai lo stillicidio di pedoni è im­pressionante. Ieri mattina, in viale Fratti è schizzata l'ennesi­ma ambulanza per soccorrerne uno. «Stamattina alle 8 c'è stato un altro investimento, meno grave. E ieri sera un altro an­cora », chiosava un testimone oculare, esasperato. Anche la rabbia di chi vive e lavora in via Montebello si fa sentire. Traffico che sfreccia a gran velocità, spe­cie di sera. Sensi unici che nes­suno rispetta, strisce pedonali che non servono a nulla, un pe­ricoloso restringimento della carreggiata.
  Ma perché quest'impennata terrorizzante di pedoni-birilli?
  «Il primo problema riflette il comandante della polizia muni­cipale, Giovanni Jacobazzi è senz'altro il volume di traffico notevolmente aumentato in una città che non è certo Manhattan. Ciò è collegato all'aumento com­plessivo degli incidenti stradali: nel 2008 ne abbiamo rilevati più di mille, un dato elevatissimo. La verità è che la gente corre trop­po. E diventa fondamentale l'at­tività repressiva verso chi mette in pericolo la vita degli altri, in questo caso i pedoni».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pier luigi

    09 Maggio @ 12.21

    giusto quanto scritto da francesco ore 11.30 del 8.05.09, per quanto riguarda fabio delle ore 11.34 stesso giorno, anziche inviare raccomandate recatevi presso la sede del vostro quartiere e contattate i vostri 'rappresentanti' esponendo i problemi di vario tipo non possono decidere ma se le proposte partono dai quartieri forse sono recepite meglio dal comune. . la partecipazione è questa e non scrivere iin questo spazio in quanto lo stesso rimane in un tempo limitato e a volte non si ha il tempo di leggerlo tutto!

    Rispondi

  • Mary

    09 Maggio @ 01.38

    ah ma poi a proposito,li ho visti anch'io quelli che guidano l'auto o la bici parlando al cell,ma quelli sì che sono causa di incidenti e van multati,pericolosì per sè e per gli altri,io sono stata investita in bici da uno in bici contromano sul marciapiede,veloce e che parlava al cell.mi sono spelata e caduta ma fatta niente,però gli avrei tirato dietro la bici.io non ce la farei nemmeno ad andare in bici e tenere cell,e in auto men che meno.perchè fare acrobazie,non è meglio fermarsi per la conversazione al tel,anzichè mandare all'altro mondo qualcuno ancora sano e intatto?perchè vivere sul filo del rasoio?perchè il mondo è così in bilico,sempre piu'trafficato e sempre piu'distanti dalla propria natura?mi auguro e auguro che cambi

    Rispondi

  • Mary

    09 Maggio @ 01.33

    Sì ,la gente corre troppo,e tutta,anche a piedi! Negli ultimi anni il fenomeno è aumentato.tutti di fretta,e per arrivare dove o a cosa?perchè non è sempre verso il lavoro la meta o ad appuntamenti improrogabili.è piu'un atteggiamento di arroganza.avete mai provato ad andare in via cavour,o via garibaldi nelle ore di punta?intanto in via garibaldi in alcuni tratti prospicienti le fermate bus affollate,spec.di fronte al Regio dal lato opposto,se non si scende nella sede stradale non si passa perchè i marciapiedi sono stretti.non si contesta la fretta,ma soprattutto la scarsa attenzione,considerazione,precedenza data agli altri,al prossimo altrui. addiritura c'è il rischio di scontro a piedi,perchè tante persone tagliano la strada agli altri e sia in bici che a piedi,di corsa.si può punire chi corre in auto,ma a piedi è assurdo porre limiti di velocità e idem bici.anche se le precedenze è obbligatorio rispettarle per tutti,e idem sensi unici.ma quella di multare chi non attraversa sulle strisce è na grossa strunzata,e spec.perchè: si rischia la vita anche sulle strisce!!! le macchine che si fermano sono RARE.le persone gentili idem...eppure quando si prende la patente si studia che è obbligatorio fermarsi e lasciar passare.ma le strisce anche vanno ricolorate perchè sbiadite,così chi ci vede bene passa credendo siano visibili ma per gli autisti,distratti,frettolosi,non è così...e si finisce all'ospedale con una gamba rotta.speriamo di noo...facciamo le corna..andiamo tutti piu'piano e si vivrà anche meglio,piu'pacifici,sereni,meno stressati,e il tempo paradossalmente sarà anche di piu'perchè come dice un proverbio:presto e bene mai stati insieme. eppoi chi va piano va sano e va lontano.chi va forte va contro alla morte.sono luoghi comuni ma sempre veri e attuali.ciaoo

    Rispondi

  • anna

    08 Maggio @ 22.27

    Molti automobilisti dovrebbero ridare l'easme, ogni giorno mi scontro con gente che non rispetta le distaanze di sucurezza, corre molto come se in ogni momento della giornata ci fosse un treno da prendere..sorpassi in zone pericolose..ci vorrebbero le pattuglie in ogni luogo come in America ma non ferme ad aspettare il....POLLO ..ma a fare ronde..

    Rispondi

  • peterproud

    08 Maggio @ 22.07

    ai nuvolari in erba che scambiano le normali strade ,cittadine e non, per piste di formula 1 consiglerei di togliersi lo "sfizio" facendosi una mezz'ora all'autodromo di Varano Melegari con la speranza che si ribaltino senza danni personali e passino alla bici.................................o a piedi

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene record, perché e come è succeso

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è succeso

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perchè Parma non capì il suo talento?

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS