21°

35°

Sport

Costa lascia la Clinica Mobile a Michele Zasa e Dalla Rosa Prati

Il medico di Parma si è distinto "per mente, cuore e anima"

Costa lascia la Clinica Mobile a Michele Zasa e Dalla Rosa Prati
Ricevi gratis le news
0

La Clinica Mobile del Motomondiale ha una nuova guida: il dottor Michele Zasa e il Centro Diagnostico Europeo Dalla Rosa Prati prendono il testimone dal dottor Claudio Marcello Costa per il rilancio della struttura a livello internazionale.
Costa ha deciso di nominare un "successore" all'età di 73 anni e, spiega in una nota, ha scelto Michele Zasa perché «si è distinto per mente, cuore e anima, per prendere in mano la mia figliola preferita, la Clinica Mobile».


Il comunicato stampa di Dalla Rosa Prati e Zasa

La Clinica Mobile accelera e dà il via ad un nuovo percorso di eccellenza fatto di specializzazione e tecnologia, grazie alla sinergia con il Centro Diagnostico Europeo Dalla Rosa Prati di Parma.
Un progetto di ampio respiro, con un obiettivo ben preciso continuare ad offrire un servizio sanitario moderno e innovativo di prossimità - a livello internazionale - di diagnostica e terapia della traumatologia, con terapie metodologie d’avanguardia, secondo protocolli sanitari di eccellenza. La Clinica Mobile specializzata nella traumatologia sportiva, da oltre 30 anni presta assistenza ai motociclisti che si sfidano su più prestigiosi circuiti di tutto il mondo: oggi si arricchisce dell’avanzatissimo patrimonio diagnostico tecnologico del Centro Dalla Rosa Prati.
Il dr. Claudio Costa, fondatore della Clinica Mobile accompagnerà, l’avvio di questo nuovo e ambizioso progetto, guidato dal Dr. Michele Zasa, medico parmigiano, già da anni in forza alla Clinica Mobile, insieme al dr. Guido Dalla Rosa Prati, amministratore delegato dell’omonimo Centro Diagnostico, che gestirà e coordinerà la nuova Divisione specialistica e ne curerà lo sviluppo.
«E’ per me un grande onore raccogliere il testimone del dr. Costa ed essere da lui prescelto per condurre negli anni a venire la sua creatura, la Clinica Mobile - dice il dr. Michele Zasa -. In questi anni di lavoro fianco a fianco, nel servizio di emergenza in autodromo a Imola prima e nei circuiti del Motomondiale poi, ho appreso dal dr. Costa e condiviso l’amore infinito per i piloti. Gli eroi mitologici dei giorni nostri, come lui ama chiamarli, ragazzi straordinari dotati di infinito coraggio e guidati da una Passione. Per loro, e per onorare il dr. Costa e quanti nel paddock hanno creduto in questa successione, proseguirò con passione e impegno l’attività iniziata oltre 40 anni fa. Un pensiero colmo di gratitudine va in particolare a tutti i collaboratori della Clinica Mobile che in tutti questi anni si sono adoperati per mantenere viva questa struttura, a volte con sacrifici ma sempre con tanto entusiasmo, dedizione e professionalità. E sarà proprio con diversi di loro che proseguirà l’attività, in un ideale passaggio di consegne che non ha il significato di cambiamento ma piuttosto di rinnovamento.
Ringrazio Guido Dalla Rosa Prati per aver creduto nel progetto e raccolto il mio invito, sicuro che l’apporto del Poliambulatorio Dalla Rosa Prati–Centro Diagnostico Europeo permetterà un’ulteriore crescita della Clinica Mobile sia in termini di know-how che di apporto tecnologico».
«Siamo orgogliosi di affrontare questa nuova sfida con un ambizioso progetto che esalta due realtà Italiane sanitarie d'avanguardia - dice il Dr. Guido Dalla Rosa Prati -. La Clinica Mobile ha una storia unica, incredibile, nata dall’ingegno italiano e diventata un’eccellenza mondiale, costruita con la passione, con l’amore per questo lavoro e con la collaborazione dei piloti e di tutti i team che lavorano intorno alle corse. Riconosciamo al dr. Costa il grande talento umano e professionale per avere creato e sviluppato una realtà unica nel suo genere e per averla portata ai massimi livelli di specializzazione medica, in tutto il mondo ed abbiamo voluto dare continuità a questa storia. Insieme al dr. Michele Zasa, preparatissimo medico erede prescelto dal dr. Costa, metteremo a disposizione del nuovo progetto tutte le tecnologie avanzate e l’esperienza che abbiamo sviluppato in questi anni, durante i quali la diagnostica è divenuta punto di forza del nostro centro. Per il Centro diagnostico europeo Dalla Rosa Prati questa nuova sfida rappresenta una grande opportunità per migliorare i nostri servizi entrando in un percorso sanitario per gli sportivi, al fianco degli straordinari piloti che il dr. Costa definisce eroi. Dalla meravigliosa storia della Clinica Mobile nel Mondo impareremo e prenderemo spunto per svolgere il nostro lavoro con tutto l’amore che serve per conquistare il cuore ed i sentimenti dei coraggiosi cavalieri dei tempi nostri e di tutti i nostri pazienti. La Clinica Mobile continuerà così ad essere il punto di riferimento nei circuiti di tutto il mondo per tutti coloro che si adoperano per farci vivere le straordinarie emozioni delle sfide motociclistiche». 

 

Il comunicato stampa di Claudio Marcello Costa: "Michele Zasa si è distinto per mente, cuore e anima, per prendere in mano la mia figliola preferita, la Clinica Mobile"

Ci sono maestri che non hanno designato alcun successore della loro geniale attività; ci sono maestri che solamente molto vecchi hanno preso questa tardiva decisione, quando il loro successore era già anziano.
La cosa migliore per un maestro è scegliere un successore che possa rilevare la sua eredità in epoca giovanile, quell’epoca in cui il cuore dei giovani è nutrito dalle passioni.
È per questo motivo, e anche perché il mio compleanno di qualche giorno fa mi caricato sulle spalle 73 anni, che ho deciso con grande senso di amore, umanità e responsabilità, di designare un valido discepolo per continuare l’attività della Clinica Mobile che ho inventato il 3 febbraio 1977, con l’aiuto insostituibile di mio padre Checco.
Per questo umano motivo mi capiterà di essere sempre meno presente alle gare del motomondiale, e quando ci sarò, sarò sicuramente orgoglioso di quello che farà di bene il mio successore.
Per mia fortuna, fra tanti miei capaci e lodevoli allievi, uno si è distinto per mente, cuore e anima, per prendere per mano la mia figliola preferita, la Clinica Mobile.
Si chiama Michele, il dott. Michele Zasa, originario di Parma, conoscitore delle lingue e bravo per avere appreso come aiutare gli eroi del motomondiale: i piloti, i nostri più cari amici.
A garanzia della solidità del progetto, il dr. Zasa porterà avanti questa avventura insieme al dr. Guido Dalla Rosa Prati, amministratore delegato del Poliambulatorio Dalla Rosa Prati - Centro Diagnostico Europeo.
Quindi la Clinica Mobile continuerà a far parte dei team del paddock, dove è stata sempre ben accolta da tutti gli operatori ed in particolare da un amico fraterno, Mike Trimby.
Infine la DORNA, che è a capo di questo mondo, mi ha promesso che continuerà a proteggere questa mia creatura, la Clinica Mobile, e aiuterà i miei successori a far vivere la filosofia e lo spirito da cui è nato questo mezzo insostituibile nell’aiuto e nella cura dei piloti.


 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Usa, morto John Heard

STATI UNITI

Trovato morto l'attore John Heard ("Mamma ho perso l'aereo") Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro nella notte

Scontro attorno all'una e trenta

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

BASSA

Pensionato scomparso: continuano le ricerche nel Po

Da venerdì non si hanno notizie di un 68enne di Soragna

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

1commento

Il caso

Liti stradali, un'epidemia

2commenti

Soragna

Anziano cade dal trattore: è gravissimo in Rianimazione

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

6commenti

VALMOZZOLA

Il partigiano russo ritrovato... al museo 

Varano

Salgono a 20 i ragazzi intossicati

OSPEDALE VECCHIO

Quel museo straordinario degli oggetti ordinari

Sant'Ilario

Tari azzerata a chi si occupa del verde pubblico

Incidente

Carro attrezzi e furgone si scontrano sull'Asolana

Spettacoli

Lorenzo Campani: «Sogno Jesus Christ Superstar»

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

METEO

Ancora caldo africano ma da lunedì temperature in calo

Consulta le previsioni comune per comune

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

2commenti

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

ITALIA/MONDO

Toscana

Auto schiacciata da un grosso albero: paura nel Livornese

GRECIA

Terremoto a Kos: due nuove forti scosse, evacuato l'aeroporto

SPORT

baseball

Scalera, 2 home run in un giorno: Parma Clima vittorioso

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

CINEMA

A Firenze la "temutissima" Coppa Cobram per ricordare Paolo Villaggio

1commento

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up