-4°

Parma

I «veci e bocia» parmigiani all'Adunata di Latina

I «veci e bocia» parmigiani all'Adunata di Latina
Ricevi gratis le news
0

di Francesco Canali
Non esistono barriere e distanze insormontabili quando l’Adunata chiama.
Se solo quattro anni fa il grande evento dell’Adunata Nazionale degli alpini ha portato migliaia di «penne nere» nella nostra città mentre negli anni successivi questo grande evento si è fermato rispettivamente ad Asiago, Cuneo e Bassano del Grappa, quest’anno è la città di Latina ad accogliere i «veci e bocia» di tutta Italia. I numerosi chilometri che separano questa località del Lazio dal Nord Italia, maggior fulcro delle tradizioni alpine, non ha scoraggiato i numerosi soci e non dell’Ana che ieri, e molti già a partire dall’inizio settimana, avevano invaso pacificamente le vie della città e della prima periferia.
Tanti sono anche i rappresentanti della sezione parmigiana-la prima fondata dell’Emilia Romagna-per la maggior parte arrivati ieri. L’adunata di quest’anno ricorderà i novant’anni di costituzione dell’Associazione Nazionale Alpini nata più precisamente l’8 luglio 1919 per opera di alcuni reduci della prima guerra mondiale. Risale al 1920 la prima adunata che si svolse sull’Ortigara. A quel primo appuntamento ne seguirono altri venti per giungere, nel giugno 1940, a Torino.
Il secondo conflitto mondiale sospese la manifestazione per sette anni sino a quando, nel 1948, venne riproposta a Bassano del Grappa. Da allora, ogni anno l’allegria e la solidarietà degli alpini - l’associazione conta attualmente più di 380 mila soci con 81 sezioni in Italia, 31 sezioni nelle varie nazioni del mondo, più 6 gruppi autonomi (4 del Canada, Colombia e Romania) - non è mai venuta meno. Latina, che un tempo era chiamata Littoria, ha quindi quest’anno l’onore di ospitare questo grande evento che, pur non svolgendosi fra i monti, ha affinità con gli alpini; il motto dell'adunata prende lo spunto dal lavoro dei bonificatori e dalla tenacia alpina: «Dai ghiacciai alle paludi con tenacia a difesa del dovere».
Le opere della bonifica pontina iniziarono nel 1923, quella di Littoria nel 1927. Il periodo tra ottobre e novembre del 1932 fu caratterizzato dall'immigrazione di circa 60 mila contadini veneti, friulani ed emiliani che dovevano popolare il territorio bonificato. A loro furono affidate le unità poderali, dapprima a mezzadria quindi, dal 1942, a riscatto. Per ogni cento poderi furono creati i centri aziendali che si sarebbero poi sviluppati autonomamente e che attualmente sono dei centri popolosi molti dei quali mantengono tuttora la vocazione agricola: ad essi furono dati nomi delle località della Prima Guerra Mondiale ed oggi sono Borgo Isonzo, Borgo Grappa, Borgo Piave, Borgo Montello, Borgo Faiti, Borgo San Michele, Borgo Montenero, Borgo Pasubio, Borgo Vodice e Borgo Hermada.
Ecco quindi che questo raduno rievoca in alcune «penne nere» emiliane un ritorno alle origini. Oggi vi saranno numerose manifestazioni ufficiali prima della grande sfilata di domani. La sezione di Parma è presente a Latina con il suo presidente, Mauro Azzi e con il nuovo consiglio direttivo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Ex Eridania

Rubata di nuovo la bacchetta di Toscanini

WEEKEND

Tra sci, escursioni e tavole golose: l'agenda della domenica

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

AMMINISTRATIVE

Nasce il progetto civico «Siamo Salso»: «Insieme per costruire il futuro»

GAZZAREPORTER

Domenica, ore 7: "Sta nevicando abbondantemente a Panocchia" Foto

Traversetolo

I profughi spalano la neve: tregua tra Comune e Betania

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

VIADANA

Sequestrato un furgone carico di agnelli maltrattati

PARMA 2020

Capitale della cultura: svelati tutti i progetti

felino

Ladri sbadati beccati dalla polizia grazie al gps Video

APPENNINO

Il sindaco Lucchi: "Gelo e neve in arrivo, lunedì scuole chiuse a Berceto e Ghiare"

Serie B: 27a giornata

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

APPENNINO

Frana sulla strada fra Varsi e Ponte Lamberti: operai al lavoro Video

VIABILITA'

Buche in A1: problemi anche nel tratto parmense dell'autostrada

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Uccide il suo datore di lavoro dopo una lite per 100 euro

ORVIETO

E' morto Folco Quilici: il grande documentarista aveva 87 anni

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

MODA

Borsalino, la finanza sequestra il marchio: si può vendere Foto: star di Hollywood

Irruzione

Lo streaker più famoso colpisce (ancora) alle Olimpiadi Gallery

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day