-3°

Processo

Crac Parmalat, udienza in Cassazione: venerdì la sentenza?

Il sostituto procuratore generale: "Processo celebrato in modo rigoroso". La difesa di Tanzi: "Eccessiva la condanna a 17 anni e 10 mesi"

Crac Parmalat, udienza in Cassazione: venerdì la sentenza?
Ricevi gratis le news
2

 

Ha preso l’avvio questa mattina, innanzi alla Quinta sezione penale della Cassazione, l’udienza sul filone principale del processo per il crac Parmala.
Il default maturò nel 2003 ai danni di 38 mila risparmiatori truffati. Hanno fatto ricorso in Cassazione tutti i 15 imputati nel megadissesto, a partire dal patron dell’azienda di Collecchio Calisto Tanzi, l’unico ad essere in regime di detenzione seppure agli arresti domiciliari al Maggiore. Ha una condanna a 17 anni e 10 mesi di reclusione. Con lui sono stati condannati anche l’ex braccio destro Fausto Tonn (9 anni, 11 mesi e 20 giorni) e il fratello Giovanni (10 anni e 6 mesi).

La relazione sul crac è stata svolta finora dal consigliere Paolo Oldi, al quale è da poco subentrato il consigliere Giuseppe De Marzo. Il collegio è presieduto da Giuliana Ferrua ed è composto anche da Carlo Zaza e Ferdinando Lignola. Nel primo pomeriggio dovrebbe prendere la parola il rappresentante della Procura della Suprema corte Pietro Gaeta. Poi l’udienza dovrebbe essere aggiornata a domani e il verdetto potrebbe arrivare venerdì sera. Tuttavia non è da escludere che i tempi di attesa slittino a lunedì 10, data per la quale l’aula è ancora "prenotata" per la vicenda Parmalat.


LA DIFESA DI TANZI: "ECCESSIVA LA CONDANNA A 17 ANNI E 10 MESI". La difesa di Calisto Tanzi - rappresentato dagli avvocati Filippo Sgubbi e Magnani - contesta, giudicandola «eccessiva», la condanna a 17 anni e 10 mesi di reclusione decisa dalla Corte d'Appello di Bologna il 23 aprile 2012.
Nel ricorso articolato in sette motivi i legali di Tanzi come prima cosa chiedono che ci sia «una rideterminazione della pena base che è stata applicata nella massima estensione, anche nel caso in cui sia accolto uno solo dei motivi di ricorso anche su un singolo fallimento». In pratica i legali chiedono che ci sia un «riflesso a cascata» sulla mitigazione della condanna anche nel caso in cui sia accolta una minima parte delle richieste difensive.

Inoltre i legali di Tanzi sostengono che «per i fallimenti delle società estere della galassia Parmalat, la giurisdizione deve essere affidata allo Stato estero dove le società erano residenti dal momento che la residenza all’estero è stata accertata e non è stata messa in discussione da nessuna sentenza». I legali, poi, sostengono che Tanzi, per alcuni degli illeciti contestatigli nel processo per il crack, «è già stato processato e condannato per aggiotaggio, a Milano, con sentenza definitiva e non si può violare il principio del "ne bis in idem". 

Un altro punto contestato dalla difesa, riguarda l'imputazione di associazione a delinquere nella quale Tanzi è stato indicato come capo. Per i legali «è tutto prescritto» ed inoltre non è vero «che Parmalat sia stata fondata per commettere illeciti». Il momento di inizio del reato, infatti, viene fatto risalire dai giudici al primo gennaio 1989 quando il gruppo di Collecchio entrò in borsa subentrando ad un’altra società. Infine i legali di Tanzi protestano per la «mancata escussione, in qualità di testimoni, di tutte le parti civili costituitesi nel processo». Si tratta di circa 38mila risparmiatori, 32mila dei quali rappresentati dall’avvocato Carlo Federico Grosso. Nell’ultimo motivo di ricorso, Tanzi contesta l’entità dei risarcimenti riconosciuti e la configurabilità «del danno di rilevante entità», e chiede ancora di avere il diritto a patteggiare la pena.

IL SOSTITUTO PROCURATORE GENERALE: "PROCESSO PARMALAT CELEBRATO IN MODO RIGOROSO". Il verdetto d’appello del processo Parmalat ha «una aderenza assoluta e fedele ai principi della giurisprudenza e ai dati probatori e i ricorsi delle difese degli imputati, per quanto meritevoli di interesse, non diminuiscono i pregevoli profili argomentativi svolti dalla Corte d’appello di Bologna»: così il sostituto procuratore generale della Cassazione Pietro Gaeta ha esordito all’inizio della sua requisitoria all’udienza Parmalat in Cassazione. Gaeta sta parlando davanti alla Quinta sezione penale.
Il pg Gaeta, che ha scritto 400 pagine di appunti sul processo Parmalat, ha sottolineato che «dalla lettura dei ricorsi presentati dai difensori degli imputati, emergono due verità».
La prima è che - ha proseguito il pg - «il processo Parmalat è stato celebrato in modo rigoroso, secondo il codice di rito. E le censure difensive sono assolutamente marginali rispetto alla mole e alla complessità del processo, e anche rispetto alla gravità delle vicende». Ad avviso del pg, «le censure non sono tali da scalfire la sentenza d’appello».
La seconda verità attiene alla correttezza del verdetto di secondo grado che si configura con «aderenza assoluta e fedele ai principi della giurisprudenza e ai dati probatori». In pratica il rappresentante della procura della Suprema corte – uno dei più autorevoli magistrati dell’ufficio "requirente" guidato da Gianfranco Ciani – ha fatto capire che al termine della sua requisitoria, previsto per domani in mattinata, chiederà la sostanziale conferma della sentenza emessa dalla Corte d’appello di Bologna.
Gaeta sta affrontando, in linea generale, le obiezioni procedurali avanzate dalle difese al verdetto d’appello. Domani, invece, affronterà le posizioni dei singoli imputati. «La mole dei ricorsi - ha sottolineato il pg – sfiora le mille pagine, e supera i cento motivi di ricorso».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Stefano

    05 Marzo @ 02.36

    reinard.alfa@gmail.com

    Mi piacerebbe anche che il prode magistrato dicesse anche come mai Tanzi ha avuto la stessa condanna che si da per omicidio. Non voglio dire che tanzi merita meno, voglio dire che è stato condannato come se avesse ucciso. per il delitto di Cogne 16 anni, per tanzi 17 anni e rotti. qualcosa non funziona. O nella giustizia o nei magistrati.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La festa di Natale del Bar Gianni

DADAUMPA

La festa di Natale del Bar Gianni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

tg parma

Via Spezia: rapina con coltello al centro scommesse

Un bottino di circa 1.500 euro

PARMENSE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: arrivano 55 milioni di euro

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento