13°

31°

lettera aperta

Pagliari scrive a Pizzarotti: "Parma in sofferenza: fai delle proposte"

Il senatore al sindaco: "Fino ad oggi un Comune assente. Lavoriamo insieme per il bene della città: batti un colpo""

Il Senatore Giorgio Pagliari

Il Senatore Giorgio Pagliari

13

Parla di una città in sofferenza fortissima, di responsabilità diffuse ma di soluzioni che devo necessariamente vedere in prima linea il sindaco. E proprio a Federico Pizzarotti scrive il senatore Pd Giorgio Pagliari. Una lettera aperta in cui elenca le principali criticità della città ma in cui non fa sconti nemmeno all'attuale Giunta. La politica urbanistica, per citarne una: "che  si riduce alla realizzazione delle peggiori scelte della Giunta dimissionata, nell'assenza di una benché minima inversione di tendenza non foss'altro (e sarebbe, comunque, pochissimo) per avviare a soluzione i disastri di un utilizzo inconsulto del territorio". Pagliari tende la mano, parla di una lettera dallo spirito "collaborativo", chiede al sindaco di battere un colpo e conclude: "Mi auguro che Tu voglia provvedervi, non lasciando nell'imbarazzo quanti sentono il problema e non prendono per ora iniziative per il rispetto del Tuo ruolo istituzionale".

Ecco il testo integrale della lettera aperta del senatore Pagliari al sindaco Pizzarotti

Caro Sindaco,
non ho la verità in tasca e, meno che meno, ho la presunzione di averla.
Il dovere di verità, nella consapevolezza della naturale sua soggettività, è in carico a me, come a tutti, epperò, in questo momento, in misura peculiare per la funzione, che temporaneamente svolgo.
E’ questa la ragione delle “riflessioni ad alta voce”, che vado a sviluppare, guardando al futuro e non al passato.
In altri termini, le considerazioni, che so scomode, non sono tese alla ricerca della responsabilità, ma alla sottolineatura della necessità di guardare al futuro, di non restare passivi e di ricercare soluzioni: dovere di tutti.
Parma è in forte (per non dire: fortissima) sofferenza.
Il sistema economico sente la crisi con pesanti riflessi sull’occupazione:

(a)chiudono le imprese;
(b) si susseguono piani di ristrutturazione corredati da esuberi
(c)si registrano vendite sempre più frequenti a gruppi esteri rispetto alle quali è lecito il dubbio che siano finalizzate al mero acquisto del marchio con auspici nefasti per l'occupazione;
(d)il sistema commerciale è in una drammatica crisi, che non ha bisogno di essere descritta, al pari di quello artigianale;
(e)cala la capacità di creare e di salvaguardare l'occupazione.

Il sistema sociale è in evidente sofferenza:
(a)l’allargamento dell’area dell’emarginazione sociale e lavorativa
(b)le crescenti difficoltà economiche delle Persone e delle Famiglie
(c) la caduta delle opportunità di lavoro per i giovani, e per i disoccupati, con i drammi conseguenti
(d) l'ampliamento delle nuove povertà;
(e) i rapporti interpersonali, quale che ne sia la motivazione, ma anche a causa della sensazione di scarsa sicurezza, sono diventati pur complessi e duri a tutto danno della solidarietà e della tolleranza;
(f)il senso della solidarietà e della tolleranza quasi del tutto spariti.

L’elenco, purtroppo, potrebbe continuare: quanto indicato ha una funzione esclusivamente esemplificativa.
Il quadro non migliora - e non potrebbe essere diversamente, stante la profonda interrelazione – quando si osservi il c.d. sistema Parma.
Città e Provincia hanno rischiato di perdere l’aeroporto Giuseppe Verdi; il Festival Verdi è a forte rischio; l’Università è in difficoltà per le contrazioni degli iscritti, ma non di meno per difficoltà proprie; le strutture ospedaliero-universitarie vedono incrinarsi il consolidato prestigio e diminuire i punti di eccellenza; l’insediamento dell’EFSA, pur nella positività di fondo della sua presenza, mostra elementi di criticità sia sotto il profilo dell’integrazione con il territorio, sia sotto quello dell’auspicato valore aggiunto per Parma, sia per l’incompiuta attuazione dell’accordo tanto da parte dell’U.E., che non ha reso la sede parmigiana davvero centrale.
La Città nel suo complesso è piegata su se stessa come - tra l'altro - plasticamente evidenziano
(a)lo scetticismo, quando non lo scoraggiamento, delle Persone;
(b)lo stato esteriore;
(c)il deserto delle strade e delle zone industrial-artigianali minori
(d)il palpabile immobilismo.

 

E il Comune, in questo contesto ?
Lasciami dirlo con franchezza: assente, incapace di iniziativa e di proposta, piegato sul quotidiano e sulla continuità amministrativa.
Tutto questo è il frutto di un'azione incerta, priva di un ordito e lenta. Le conseguenze sono evidenti su più fronti:

(a)le politiche del welfare prive di incisività - sia sul piano quantitativo, che su quello qualitativo - e incapaci di rispondere tanto alla domanda tradizionale, quanto a quella generata dall'attuale crisi;
(b)la politica urbanistico-ambientale si riduce alla realizzazione delle peggiori scelte della Giunta dimissionata, nell'assenza di una benché minima inversione di tendenza non foss'altro (e sarebbe, comunque, pochissimo) per avviare a soluzione i disastri di un utilizzo inconsulto del territorio, i cui effetti sono sotto gli occhi di tutti almeno in termini di urbanizzazioni non realizzate o incompiute e di necessità di ricucitura del tessuto urbano;
(c)la politica di bilancio rimane ridotta ad un'operazione ragionieristica di risanamento contabile priva di un'idea strategica e di un'anima, con la conseguenza che il Comune perde sempre di più ambiti di (doverosa) incidenza e capacità di risposta: la crescente sporcizia delle strade, le buche nelle strade e sui marciapiedi nonchè l'abbandono delle aree verdi ne sono gli effetti più visibili;
(d)la riorganizzazione del Comune e la politica del Personale sono al palo, talvolta utilizzate per messaggi pubblicitari propri e niente più. E chi frequenta il Comune sa quanto la Città avrebbe bisogno di un profondo ridisegno della macchina burocratica, e non di qualche "esternalizzazione" fittizia, peraltro verso società in precarie condizioni, come Parma Infrastrutture spa;
(e)la politica delle società partecipate, caratterizzata da un'incredibile continuità con la Giunta dimissionata, ridotta alla gestione dell'esistente con logiche di "eutanasia" (= fallimento) senza costrutto;
(f)le politiche giovanili, quelle per la Famiglia e per le giovani coppie sono abbandonate a loro stesse;
(g)il ruolo politico del Comune, la sua funzione di traino e di promozione e di quella interrelazione con le altre Istituzioni e la realtà cittadina sono stati "messi in soffitta", cosicchè i fattori di crisi evidenziati all'inizio si aggravano giorno dopo giorno.

Mi fermo qui!

Bisogna "battere un colpo"!


Sia chiaro il problema è di tutti (però, … non “di nessuno”) e non può che essere risolto con la sinergia di tutti, ma, non di meno, il Sindaco non può (nè deve) rinunciare alla sua funzione e alla sua responsabilità, che, in fasi come queste, si deve tradurre in una forte azione di proposta, di promozione e di guida dei processi.
Con questo, per primo, non dimentico il vecchio adagio: chi fa da sè, fa per tre. E, in ragione di questo, ritengo che tutta la Città debba sentirsi coinvolta, che nessuno possa tirarsi indietro, che sia necessario giungere alla condivisione di un accordo per il rilancio della Città, che non dimentichi nessun profilo della "questione Parma".
E' una sfida nell'ottica della sussidiarietà (art. 118 Cost), che è indispensabile urgente e indilazionabile affrontare. Chi se non il sindaco deve promuoverla stanti le sue responsabilità istituzionali? Questo non é il mio pensiero, é il pensiero di tante Persone, non per simpatia politica, ma per l'evidenza oggettiva delle cose. Mi auguro che Tu voglia provvedervi, non lasciando nell'imbarazzo quanti sentono il problema e non prendono per ora iniziative per il rispetto del Tuo ruolo istituzionale.
Voglio credere che comprenderai lo spirito, francamente collaborativo, della presente.
Resto a disposizione.

 Giorgio Pagliari

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    10 Marzo @ 19.36

    Patschi, Pagliari nella legislatura precedente era a denunciare con forza quello che poi purtroppo si è avverato anche se penso che nemmeno lui immaginava una tale portate delle malefatte, piuttosto molti dovrebbero chiedere scusa a Pagliari quando lo apostrofavano di ogni insulto colpevole solo di denucnaire il vero, magari potrebbero chiedergli scusa anche i politici dell'allora maggioranza che riempivano la città di manifesti in stile berlusconiano tuonando contro i comunisti rossi capaci solo di fare ingiustificato allarmismo

    Rispondi

  • Alga

    10 Marzo @ 12.08

    Il signore in questione insieme al suo partito saranno ricordati, anche dalle generazioni future, per una delle piu' grandi opera che questa citta' abbia conosciuto, il forno. Tempio della medievale e triviale politica italiana

    Rispondi

  • Patschi

    10 Marzo @ 11.57

    Quando c'era lui all'opposizione, non era in sofferenza? Gran parte di questa sofferenza dipende dalle scelte fatte nella legislatura precedente. Lui dov'era allora.

    Rispondi

  • Maurizio

    10 Marzo @ 11.52

    Harris, ma tu che parli tanto, consigli tanto, vedi crociate contro i 5 stelle, ma hai mai fatto foto e le hai mandate alla gazzetta?

    Rispondi

  • HARRIS

    10 Marzo @ 11.37

    @Gea 10/03/2014 09:09. Mi fa molto piacere leggere che nel suo comune della Provincia di Parma, comune amministrato dal PD, le cose funzionino molto male, anch'io che abito a Collecchio vedo molto criticità. Eppure, cosa dobbiamo farci noi cara Gea, qui c'è solo un'attenzione morbosa, schizzofrenica, ossessionante, "fissaniana" (brucia ancora la sconfitta del Berna), da CCCP sovietico da parte di "certi" lettori più o meno liberi solo sul comune di Parma . Allora io le suggerisco una cosa Gea: faccia tantissime foto (ormai è virale fare queste cose) e le invii per mail alla Gazzetta e ad altri quotidiani locali online (uno anche nazionale con edizione locale) e cerchiamo di aprire un dibattito dedicato al PD. Ad esempio io partirei dall'inceneritore approvato a al Poggio di Felino sul quale manca trasparenza. Inoltre siccome Pagliari ha il coraggio di parlare vorrei chiedere a Pagliari e alla Maestri (si sta bene eh a Roma, in Parlamento,.. bella la vita lì) perchè hanno tagliati i finanziamenti ai comuni italiani, perchè hanno regalato i soldi alle banche con la rivalutazione, perchè non tassano le slot machine...? Perchè non tagliano gli stipendi dei dirigenti pubblici e i loro emolumenti da parlamentari vergognosamente alti. . Mancano i soldi ai comuni e questi governi qua sostenuti dal PD hanno trasformato i Comuni in meri esattori delle tasse tagliando i trasferimenti. Sono senza pudore Harris

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

Incidente anche a Casaltone: auto ribaltata, ferita una donna

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover