-0°

12°

Parma

Buon giorno Parma

Ricevi gratis le news
0

BUON GIORNO PARMA - Giovedì 14 maggio

IL TEMPO

Cielo irregolarmente nuvoloso. Possibili precipitazioni deboli irregolari. La temperatura è stazionaria: 13,4° alle 7, la massima prevista è di 27°.

LE STRADE DA EVITARE IN CITTA' E LE AUTOSTRADE 

La polizia municipale segnala possibili rallentamenti in via Emilia ovest, per lavori fra via Giolitti e la rotatoria Vender. I principali cantieri:  lavori per il teleriscaldamento alla rotatoria Montebello/Bizzozero, con  deviazioni al traffico, p.le Fiume/ ponte dei Carrettieri,  via Langhirano/ponte Stendhal,  via Po/ponte Dattaro, viale Solferino, via Emilia ovest, strada Forlanini/Ugozzolo - via Montebello, viale Rustici, via Pozzuolo del Friuli, via Veronica, via Scarabelli Zunti, via Tibullo/Catullo/Orazio, via Pontirol Battisti. Per maggiori informazioni vai a Infocantieri tv di Infomobility

AUTOSTRADE:   Sulla A1, chiuso stasera il casello di Parma per chi proviene da Bologna -  webcam allacciamento A1-A15   -   webcam casello Parma - www.autostrade.it - www.autocisa.com 

Gli autovelox fissi in Italia 

LE NOTIZIE SULLA GAZZETTA DI PARMA OGGI IN EDICOLA

Allarme eroina  fra i giovani

Morto il bimbo di 3 anni investito a Mezzani

Schiaffo per un sorpasso: insegnante col timpano rotto

Si spoglia e assale una passante

Il Parma in visita alla Barilla
 
Il libro sugli aperitivi

Fidenza
Vincenzo Pincolini campione anche in Ucraina
Italia dei valori: ecco la squadra
Pelasgi vince la 24 ore di calcetto

Salsomaggiore
Tentano di rubare, ma arrivano i carabinieri
Sfida di scacchi lunga tre giorni

Noceto
Indiano pestato e rapinato in casa

Verso il voto: Montechiarugolo

Provincia sport: karate a Fontanellato

Medesano, Mezzani, Bassa
 
ALMANACCO E OROSCOPO

I GIORNI: ne sono trascorsi 134 ne rimangono 231

LA SETTIMANA: 20/32

IL SOLE: sorge alle 5,54 e tramonta alle 20,46

LA LUNA: piena

IL SANTO: San Mattia, apostolo del I secolo.

Non appartenne al numero dei dodici primi discepoli di Gesù, ma prese il posto lasciato libero da Giuda. E venne aggregato agli altri undici dopo il giorno dell’Ascensione di Gesù. Non si conosce il luogo della sua predicazione né quello in cui venne martirizzato.

GLI ALTRI SANTI: San Bonifacio, martire del IV secolo; Sant'Ampelio, confessore del V secolo.

OROSCOPO

Ariete - Nel fare nuovi progetti di lavoro cercate di non peccare di superficialità. L’amore non potrebbe andare meglio.

Toro - Qualche difficoltà nel lavoro per la scarsa organizzazione. Affiorano le prime difficoltà in una nuova storia d’amore.

Gemelli - Non potete pensare di dare una rapida sterzata alla vostra attività: ogni mossa va ponderata. Grande complicità in amore.

Cancro - Le circostanze favorevoli vi consentiranno di realizzare ogni vostro progetto professionale. L’amore vi sorride.

Leone - Liberatevi di ogni paura e prendete iniziative professionali coraggiose: siete vincenti. In amore felicità senza ombre.

Vergine - Non è un buon periodo per la vostra attività: affidatevi al buon senso per andare avanti. Sentimenti da difendere da tutto e tutti.

Bilancia - Fino ad oggi nel lavoro non vi siete impegnati molto: non potete più permettervelo.

In amore non prendete decisioni precipitose.

Scorpione - Nel lavoro non potete continuare a navigare a vista: qualcuno cerca di sbarrarvi la strada. Momento elettrizzante in amore.

Sagittario - L’intelligenza e la fiducia in voi stessi in questi giorni vi aiuteranno molto nel lavoro. In amore i sentite sempre su una nuvoletta.

Capricorno - Vi conviene portare avanti i vostri progetti di lavoro non un minimo di elasticità. Tutto bene sul fronte sentimentale.

Acquario - Per il vostro lavoro è un periodo difficile: cercate di muovervi con prudenza. In amore cogliete l’attimo.

Pesci - Nel lavoro vi state muovendo con una certa discontinuità combinando ben poco. Situazione sentimentale elettrizzante.

STORIA E MEMORIA - di Carletto Nesti

“ANNIVERSARI DI OGGI”
Foglio periodico - Anno VI - N. 481 - Edizione di Giovedì 14 Maggio  2009
14 MAGGIO
* Selezione di anniversari, ricorrenze, eventi e personaggi legati alle giornate *


        Eventi:
1643: A soli quattro anni Luigi XIV diventa re di Francia.
1836: Trattato di Velasco: il Messico riconosce l'indipendenza al Texas
1926: Il dirigibile Norge completa la trasvolata transartica, giungendo in Alaska
1940: Seconda guerra mondiale: I Paesi Bassi si arrendono alla Germania.
1948: Israele si dichiara indipendente e viene istituito un governo provvisorio.
1964: Egitto, si concludono i lavori per la costruzione della diga di Assuan.
1970: In Italia si approva lo Statuto dei Lavoratori
1973: Viene lanciata Skylab, la prima stazione spaziale statunitense.

 
        Nati:
1265: Dante Alighieri, scrittore
1686: Gabriel Fahrenheit, fisico
1771: Robert Owen, riformatore
1832: Rudolf Lipschitz, matematico

        Morti:
1643: Re Luigi XIII di Francia
1959: Sidney Bechet, musicista
1967: Renzo De Vecchi, calciatore
1987: Rita Hayworth, attrice
 

       Santi cattolici:
Venerabile Lino Maupas da Parma (*), Sant'Ampelio eremita,  San Mattia apostolo,  San Costanzo di Capri vescovo,  San Costanzo di Vercelli Vescovo, San Michele Garicoïts fondatore dei Padri Betharramiti, Santi Vittore e Corona martiri,  Venerabile M. Domenico Giannecchini francescano,


(*) Venerabile Padre Lino Maupas da Parma,

(Spalato, 30 agosto 1866 - Parma, 14 maggio 1924)

Non era nato a Parma, ma di questa città e dei suoi abitanti, diventò l’apostolo della carità di Cristo; il padre, il benefattore, il consolatore; tanto che è identificato come padre Lino da Parma.
Figlio di Giovanni Maupas, discendente di un’illustre famiglia francese a cui appartennero uomini di Stato e principi della Chiesa e di Rosa Marini di Avezzano, attrice e ballerina di successo, che abbandonò la carriera artistica per dedicarsi alla famiglia, Alpinolo Maupas (questo il suo nome) nacque a Spalato il 30 agosto 1866, ultimo dei 10 figli della coppia dalmata.
Fece i suoi primi studi a Spalato, poi a Zara dove si era trasferito nel 1879 con tutta la famiglia. Tre anni dopo sentì la chiamata di Dio allo stato religioso e il 30 settembre 1882 prese l’abito francescano nel convento di Capodistria con il nome di Pietro; fatto il noviziato stette nel convento di Kosjun fino al 1885, quando fu dimesso dall’Ordine (forse la sua vocazione non gli era ben chiara); per un certo tempo fu nelle guardie di finanza, ma poi convinto di avere la vocazione religiosa, fece domanda di poter essere riammesso nell’Ordine.
Il superiore dell’epoca Luigi da Parma lo riammise, mandandolo a Fucecchio (Firenze) per ripetere il noviziato. Prendendo di nuovo l’abito francescano, ebbe il nome di Lino, prese i voti nel 1889 e dopo vari spostamenti per lo studio, fu considerato adatto per le missioni in Albania e quindi ancora chierico, fu assegnato il 16 maggio 1889 a Scutari.
Ma qui fu colpito da un male agli occhi e dovette rientrare in Italia, sconsigliato dai medici di ritornare in Albania a causa del clima non adatto alla sua vista e così rimase nella Provincia Francescana di Bologna.
A Rimini si preparò al sacerdozio e il 30 novembre 1890 fu ordinato sacerdote dal vescovo di Forlì; nel gennaio 1892 fu destinato a Cortemaggiore, dove restò per 18 mesi, infine nel giugno 1893 fu trasferito a Parma dove rimase fino alla morte.
A Parma visse 31 anni diventando l’apostolo della città, che al suo tempo era molto povera, con vie strette e sconnesse, ricettacolo di persone sospette, con osterie buie e malfamate, specie nella Parma Vecchia, detta anche Oltretorrente, mentre la Parma Nuova si distingueva col suo bellissimo Battistero.
Padre Lino Maupas venne destinato al vecchio convento del 1500 annesso all’Annunziata, uno dei monumenti più belli della città, denominata dagli abitanti “Duomo di Oltretorrente”, di cui divenne cappellano per affiancare il parroco.
Ricoprì per sette anni quest’ufficio, che gli diede l’opportunità di frequentare gli abitanti del borgo, suscitando un interesse generale per la sua persona e per la sua opera caritatevole e organizzativa; bambini, giovani, anziani, poveri, ammalati, infelici, orfani abbandonati, furono oggetto della sua instancabile attività, nelle strade, nelle case; alla porta del suo convento era continuamente richiesto per ogni tipo di aiuto sia materiale, sia spirituale.
Padre Lino aveva qualcosa di diverso dagli altri frati; aveva un modo di concepire la carità al quale la sua comunità di religiosi non era abituata; per aiutare i suoi poveri compiva anche piccoli furti in convento e varie volte arrivava in ritardo alle preghiere e atti comunitari.
Il 1° luglio 1900 fu nominato cappellano del carcere di S. Francesco di Parma, con sua grande gioia, così poteva avvicinare tanti suoi protetti, perché molti dei detenuti facevano parte fuori dal carcere, di quella variegata umanità dolente e insofferente, spesso ribelle e malavitosa, che padre Lino aveva conosciuto nei sobborghi della sua parrocchia della SS. Annunziata.
Sin dal suo ingresso nel carcere fu accolto calorosamente dai carcerati che gli dimostrarono affetto e lui: “ L’ho sempre detto che sono tutti buoni; disgraziati si, ma cattivi no!”. Volle che fosse avvisato di ogni arrivo, così da essere alla porta del carcere per accogliere i nuovi detenuti sin dal primo giorno.
Lavorò molto fra loro, seguendo la storia di ognuno, facendo da tramite con le guardie e con i giudici; si preoccupò di trovare un lavoro a quanti uscivano dal carcere; organizzò la visita del vescovo di Parma, il futuro beato Guido Maria Conforti, come pure del suo predecessore mons. Francesco Magani, per celebrare con i detenuti il precetto pasquale.
Durante la sua permanenza a Parma, avvennero varie esplosioni sociali, violenze, ‘rivolta dei poveri’, cortei contro i padroni che opprimevano gli operai, tentativi di ribellione soffocati con la forza; i frati stavano rinchiusi impauriti nel convento, solo padre Lino era fuori dalla mattina alla sera, per cercare di calmare i rivoltosi; il suo intervento servì a salvare la chiesa dell’Annunziata dalle fiamme, che la folla impazzita ed aizzata dagli anticlericali, voleva appiccare come fece con la chiesa dei Carmelitani, anche qui l’intervento di padre Lino servì a salvare la vita dei monaci rifugiati sul campanile.
Parma subì tre rivolte popolari ed operaie, nel 1898, nel 1907 e nel 1914 e in tutti gli episodi padre Lino correva trafelato da un capo all’altro della città per calmare gli animi, soccorrere i feriti, assistere gli arrestati, essere presente ai processi fatti anche a Lucca, spesso con la sua testimonianza riuscì a farli assolvere dalle gravi imputazioni; divenne ancor di più la luce confortevole dei detenuti, che avrebbero fatto qualunque cosa per lui.
Nel 1910 ebbe l’incarico di cappellano del riformatorio per ragazzi ‘Lambruschini’, distante da Parma tre chilometri; anche qui si prodigò ulteriormente con quelli che considerava “i suoi ragazzi”; conosceva le loro storie di precoce delinquenza, i retroscena familiari, le miserie morali da cui provenivano; li portava fuori per gite ed escursioni, li seguiva nelle officine di lavoro, li incontrava dialogando nei cortili.
Pregava in ogni momento libero e con intensità, specie nei luoghi più appartati; percorreva incessantemente km. su km. a piedi scalzi anche con la neve; organizzava pellegrinaggi per il santuario mariano di Fontanellato; seminava fra il popolo tanti prodigi di amore e di carità, che è impossibile raccontarli qui, sia per il numero, sia per la diversa varietà di essi.
La sua intensa attività fra il popolo, lo mise in difficoltà con la sua posizione di religioso francescano obbligato alla vita conventuale, che proprio non riusciva più a fare; così i suoi superiori, consci dell’importanza della sua opera sociale, per tranquillizzarlo, gli ottennero il ‘Breve’ di esclaustrazione, così Padre Lino poteva frequentare il convento e portare l’abito francescano, facendo nel contempo una vita praticamente per la strada e negli Istituti.
Per un mese fu anche cappellano militare, nel 1915 a Padova, nell’ambito della Prima Guerra Mondiale, ma la direzione del carcere di Parma lo richiese nuovamente e qui organizzò il centro “Pro Patria” per raccogliere offerte, oggetti, indumenti, da spedire ai prigionieri, come anche le lettere dei parenti.
La sua intensa attività con i piedi sempre in moto, le mani, le braccia, le spalle sempre cariche, le preoccupazioni, lo condussero ad una vecchiaia precoce; da tempo soffriva di una malattia cardiaca che non curava, per non fermarsi.
E fu sempre mentre si prodigava a trovare un lavoro ad un disoccupato con famiglia, che raggiunto a piedi lo stabilimento Barilla, mentre lo raccomandava alla moglie del titolare, padre Lino si accasciò morendo dolcemente, era il 14 maggio 1924, aveva 58 anni.
Già in vita era stato ammirato come novello San Francesco, ai suoi funerali partecipò tutta la città, accompagnandolo al cimitero; i carcerati vollero costruire con le loro mani e a loro spese la bara occorrente.
Il Comune di Parma gli ha riservato un chiostro e un recinto per la sua monumentale tomba nel cimitero della Villetta.
La causa per la sua beatificazione fu aperta il 23 ottobre 1948; è stato dichiarato venerabile il 26 marzo 1999.

Storia e Memoria - 14 Maggio 2009  (Thanks to: Antonio Borrelli, Santi e Beati, Wikipedia)
 


 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cecilia Rodriguez accolta dai fischi in discoteca fa il gesto dell'ombrello

Gf Vip

Fischi per Cecilia Rodriguez, che fa il gesto dell'ombrello

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo"

Spettacolo

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo" Video

Extra Urban Fashion Party al Cubo: ecco chi c'era

FESTE PGN

Extra Urban Fashion Party al Cubo: ecco chi c'era Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Superati i 10 metri d'acqua: il ponte sull'Enza a rischio chiusura

sorbolo

Superati i 10 metri d'acqua: il ponte sull'Enza a rischio chiusura

maltempo

Vetroghiaccio e rami rotti: Massese bloccata nel Tizzanese

Ancora treni bloccati sulla Pontremolese: bus sostitutivi

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

8commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

inverno

Neve nel Parmense: rischio strade ghiacciate. Treni fermi. Bardi e Berceto: domani scuole chiuse Video - Foto

1commento

gabriella corsaro

Concerto di Natale al presidio Froneri Video

1commento

antidroga

Marijuana tra i mattoni della Pilotta e nelle siepi di via dei Mille: blitz dei carabinieri

4commenti

classifica

Furti nei negozi? Ancora noi sul podio: la terza merce più rubata è il parmigiano

via fratti

Ruba un cane per mendicare: pochi giorni dopo entra in azione in un distributore

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, il difficile comincia adesso

di Paolo Ferrandi

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

Bitcoin, la nuova era: al via il primo future

GRAN BRETAGNA

Neve, caos a Heathrow. Scuole chiuse e -15°

SPORT

POSTICIPO

Il Milan soffre ma piega il Bologna

SERIE B

Il Palermo stende il Bari 3-0 e prende il volo. Parma secondo La classifica

SOCIETA'

Calcio

Le magie di Zola nel disco del rocker King Krule Video

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS