12°

riconoscimenti

"The Brain Prize": a Rizzolatti l'Oscar delle neuroscienze

Il più grande premio per la ricerca sul cervello assegnato al professore parmigiano e ai colleghi europei Stanislas Dehaene e Trevor Robbins

Giacomo Rizzolatti

Giacomo Rizzolatti

1

 

Giacomo Rizzolatti, insieme agli scienziati Stanislas Dehaene e Trevor Robbins, ha vinto, per le pioneristiche ricerche sulle funzioni superiori del cervello, la quarta edizione di The Brain Prize, il premio danese di un milione di euro dedicato alla ricerca sul cervello.
Il Brain Prize è stato assegnato quest’anno dalla Fondazione Grete Lundbeck European Brain Research Prize Foundation per ricerche sui meccanismi del cervello alla base di funzioni umane complesse come la lettura, l’abilità di calcolo, la motivazione e la cognizione sociale, e per gli sforzi di comprensione dei disordini cognitivi e comportamentali.
Il premio condiviso sarà consegnato ai tre vincitori durante la cerimonia che si svolgerà il 1 maggio a Copenhagen.
Il professore Colin Blakemore di Londra, Presidente della Commissione di selezione della Fondazione, ha dichiarato: «Questi tre scienziati sono conosciuti a livello internazionale per la portata e l’eccezionale qualità del loro lavoro nel difficile campo della cognizione e del comportamento. Ognuno di loro ha contribuito in modo unico, motivando gli interessi e gli sforzi di molti altri ricercatori in tutto il mondo. Tutti e tre si sono sforzati in modo particolare di spostarsi dalla ricerca di base all'applicazione clinica nello sviluppo cognitivo, nella salute mentale, nelle dipendenze, nei danni cerebrali e nei ritardi dell'apprendimento.

Profilo dei tre vincitori
Stanislas Dehaene, dai numeri alla consapevolezza

Stanislas Dehaene è professore al Collège de France di Parigi e direttore di Inserm-CEA Cognitive Neuroimaging Unit at Gif-sur-Yvette. Ha studiato matematica e informatica ma i suoi interessi si sono da allora focalizzati sulla neuroscienza cognitiva.
Per mezzo di importanti ricerche su pazienti con danno cerebrale e per mezzo dell'osservazione e imaging del cervello umano, ha scoperto che le abilità di sottrazione e moltiplicazione coinvolgono reti separate del cervello. Ha scoperto i meccanismi neutrali di percezione delle lettere e delle parole, oltre alle origini dei disturbi di lettura prodotti da danni cerebrali. Ha anche sviluppato degli ingegnosi metodi per mostrare che la consapevolezza cosciente di un evento sensoriale è collegata all'attività in una specifica rete delle regioni della corteccia frontale e parietale. Dehaene ha inventato un software per il trattamento di bambini con difficoltà di apprendimento in matematica e un test di consapevolezza rimanente in pazienti in diversi stadi del coma.

Giacomo Rizzolatti, neuroni specchio e cognizione sociale
Giacomo Rizzolatti è Professore emerito di Fisiologia dell’università di Parma e Direttore del centro “Social and Motor Cognition” dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) Laureato in medicina all'Università di Padova. ha trascorso tre anni all'Istituto di Fisiologia di Pisa e due anni in università americane. Il resto della sua carriera si è svolto all'Università di Parma.
Giacomo Rizzolatti e i suoi colleghi sono gli scopritori dei 'neuroni specchio'. Questi neuroni, scoperti originariamente nella scimmia sono attivi sia quando l'animale esegue un determinato movimento sia quando vede o ascolta un altro individuo fare lo stesso movimento. I neuroni specchio sono considerati fondamentali per la comprensione delle azioni e delle intenzioni degli altri. Successivamente Rizzolatti e i suoi collaboratori, hanno dimostrato usando, tecniche elettrofisiologiche e di “brain imaging” , che i neuroni specchio esistono anche nel cervello umano. La scoperta dei neuroni specchio ha dato vita a un nuovo campo di ricerca nelle neuroscienze sociali ed elevato i livelli di comprensione di disordini come l'autismo.


Trevor Robbins, le basi della dipendenza, ADHD e OCD
Trevor Robbins è ill Direttore del Dipartimento di Psicologia sperimentale della Università di Cambridge, dove ha completato i suoi studi e il suo dottorato. Ha lavorato per un breve periodo alla Harvard Medical School e al Salk Institute, ma ha svolto il resto della sua carriera a Cambridge.
Nel suo lavoro sui disordini cognitivi, Trevor Robbins ha usato metodi farmacologici, anatomici e comportamentali per creare il modello delle regole del comportamento negli animali. Ha dimostrato che l'abuso di farmaci dipende dalla formazione dell'abitudine, non solo dall'interruzione dei meccanismi di piacere e ricompensa del cervello. Ha dimostrato l'esistenza di specifici circuiti del prosencefalo che regolano la formazione di abitudini e dipendenze da farmaci, e ha anche dimostrato come i disturbi di questi circuiti possano portare alla Sindrome di deficit di attenzione e iperattività o Disturbo ossessivo compulsivo. Robbins è molto impegnato nella ricerca traslazionale e ha giocato un ruolo chiave nell'invenzione del gruppo computerizzato CANTAB dei test psicologici, di cui si fa largo uso nella valutazione clinica dei disordini cognitivi.


Il presidente della Fondazione, Professor Povl Krogsgaard-Larsen, ha dichiarato «Siamo orgogliosi di insignire questi tre scienziati del Brain Prize 2014. La loro ricerca interessa un ampio spettro di questioni riguardanti le funzioni superiori del cervello. I tre vincitori si completano a vicenda; insieme formano un trio molto forte. Siamo lieti di assegnare il premio di quest'anno a scienziati che ci hanno dotati di una migliore consapevolezza e conoscenza e di un miglior trattamento dei disordini di natura comportamentale e cerebrale, che sono un grave fardello nella nostra società. Questa è la quarta edizione consecutiva del Brain Prize dal 2011 e dimostra la portata della Fondazione. Siamo fiduciosi che i neuroscienziati danesi trarranno molti benefici dal lavorare insieme ai vincitori del premio».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Goldwords

    15 Marzo @ 17.17

    Un grande, che dimentichiamo, noi e tanti, che è a Parma ed è un Italiano che ci invidiano. Bisognerebbe che queste persone avessero più spazio e fondi per studiare e illuminarci!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

gossip

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

Angelina Jolie finalmente sorride, in Cambogia

cinema

Angelina Jolie finalmente sorride. In Cambogia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Telefonini a scuola: divieti e sanzioni

I presidi

Telefonini a scuola: divieti e sanzioni

1commento

Traversetolo

Scuola, in bagno solo all'intervallo

2commenti

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

2commenti

Polizia Municipale

Bocconi sospetti anche al parco di via Micheli

la domenica

Sapore di Carnevale, ciaspole e... Schifitombola: l'agenda

Soragna

Senza patente da sempre, maxi-multa

3commenti

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

SCUOLA

Troppe richieste per il Marconi: si andrà al sorteggio

LEGA PRO

Al Tardini arriva la Samb

Collecchio

«Ozzano è senza medici, ne vogliamo almeno uno»

sert

"I minorenni? Usano la droga per calmarsi"

Parla la dirigente del Sert: "Oggi arrivano persone dalla vita apparentemente normale"

2commenti

il moro

Tir distrutto dalle fiamme nel cortile di una ditta. Danni al "vicino"

FiDENZA

Studente 15enne del Solari in gita, all'ospedale per intossicazione alcolica

13commenti

terremoto

Piccola scossa con epicentro tra Calestano e Terenzo

lega pro

Pordenone ko, il Venezia vola. Parma obbligato a vincere

2commenti

Montecchio

In cassa non trova niente: e il rapinatore se ne va imprecando

Ricerche anche nel Parmense

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

EDITORIALE

Il risiko dell'auto. Perché l'Italia non può restare a guardare

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

Modena

Le unioni civili valgono anche al cimitero

TECNOLOGIA

Bill Gates: "I robot paghino le tasse"

2commenti

WEEKEND

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

VELLUTO ROSSO

Teatro: orsi, Leonardo e Caino. Tutti insieme appassionatamente

SPORT

Bayern

Dito medio di Ancelotti ai tifosi dell'Hertha: "Mi hanno sputato"

tg parma

60 ostacoli indoor, vittoria e record per Di Lazzaro. Seconda Oki Video

MOTORI

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv

ANTEPRIMA

Nuova Honda Civic, la nostra pagella