12°

FOTO DEI LETTORI

La cappa di Parma. E ieri sforamento "doppio"

PM10: toccati i 101 microgrammi per metro cubo. E siamo già a 27 sforamenti

La cappa di Parma. E ieri sforamento "doppio"
Ricevi gratis le news
14

La cappa di Parma.
Inviata da Massimo Bianchi

La foto del lettore, purtroppo, si abbina ai dati ancora più crudi forniti dalò sito dell'Arpa. Ieri, infatti, la stazione di via Montebello ha fatto registrare 101 microgrammi per metro cubo di Pm10. Siamo, cioè, a più del doppio della soglia prevista dalla legge.

Un dato che si aggiunge agli sforamenti registrati anche nelle stazioni della Cittadela (92) e di Colorno (86). E, soprattutto, si tratta già del 27° sforamento dall'inizio dell'anno. 27 sforamenti su 75 giorni, ricordando che il totale complessivo di sforamenti "tollerabili" in un anno è di 35.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • HARRIS

    18 Marzo @ 13.14

    @Antonio, quello che dici è tutto giusto e tutto bello però il problema numero uno sono i comportamenti dei singoli e ci sono, come si legge sempre in questo spazio, dei testoni (o meglio sucloni come diciamo a Parma) che appena c''è un blocco del traffico si lamentano e vogliono sempre viaggiare in auto, e criticano e criticano (alcuni anche in malafede). Allora bisogna trovare delle soluzioni per cambiare i comportamenti del singolo cittadino e sensibilizzarlo. Mi piacerebbe però, siccome quella foto è scattata sulle colline di Felino o Sala, un commento da parte di voi tutti (in particolar modo dalla signora Annamaria, david€ e Maurizio ...) di questo secondo inceneritoredel Poggio di Felino che brucia gli scarti animali della Citterio. Siamo già messi molto male come aria ... ci mancava solo che qualcuno (ditemi voi chi....) autorizzasse il cogeneratore del Poggio a Felino. Chi è che governa lì? ok, ci siamo già risposti. E poi sarebbe interessante se magari un giorno la GdP facesse un articolo nella sezione "Italia/Mondo" su Tirreno Power a Savona, controllata da Sorgenia, accusata dalla procura di 440 morti come si apprende in questi giorni sui quotidiani. Di chi è Sorgenia? Ok ci siamo già risposti di nuovo. Le soluzioni sono due: cambiare i comportamenti dei singoli attraverso campagne di sensibilizzazione e provvedimenti sempre più restrittivi; spazzare via (non votandolo) un partito che ha autorizzato tanti inceneritori in Italia e impianti che hanno causato morti e non ha mai avuto un minimo rispetto per l'ambiente e il territorio. harris REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Harris è troppo impegnato a fare il paladino del Comune per poter essere informato sulla Gazzetta. Il brutto è che nonostante questo pretende di dissertare anche su di noi, e così si espone sempre a figuracce: la GdP, infatti, ha GIA' dedicato un articolo alla Tirreno Power nelle pagine Italia/Mondo, non più tardi di mercoledì scorso. Documentarsi meglio e poi eventualmente criticare, grazie.

    Rispondi

  • salamandra

    18 Marzo @ 11.45

    @andrea66, è vero che i motori sono migliorati e da ciclista me ne rendo conto "a naso" anche se non so quanto sia affidabile come rilevamento. Tuttavia la quantità di veicoli e le distanze degli spostamenti sono significativamente aumentate. A 13 anni andavo tranquillamente in bicicletta su via Mantova e via Emilia anche fuori città e non c'era l'ombra di una ciclabile. A mio figlio oggi lo impedirei.

    Rispondi

  • Antonio

    18 Marzo @ 11.13

    Salve a tutti. Bisogna ripensare Parma e la sua provincia come una grande area metropolitana in cui puntare sui trasporti pubblici integrati eco-sostenibili. Tutta la macroarea formata dai comuni della Bassa, dalla cintura di Parma e l’area Fidentina gravitano comunque sulla città e su tutte le aree industriali/artigianali che danno da lavorare alla stragrande maggioranza persone della zona. Ciò genera un movimento di autoveicoli e mezzi pesanti elevatissimo, con conseguente impatto sull’inquinamento atmosferico. Le grandi aree produttivo/logistiche sono praticamente servite poco e male dai mezzi pubblici: SPIP, Interporto, Lemignano, San Polo, solo per citarne alcuni. Ed il riferimento non è soltanto per coloro che vivono a Parma città ma soprattutto per i pendolari che da tutta questa grande zona della provincia si muovono verso tali luoghi. Chi da Fidenza lavora allo SPIP deve necessariamente andare in auto, così come quelli che da Sorbolo magari lavorano nella zona sud. E di casi ce ne sono tanti. Provincia e Comuni tutti dovrebbero fare un censimento dei lavoratori e delle zone produttive per capire dove ci sono le maggiori concentrazioni di pendolari provinciali e potenziare con mezzi pubblici ecosostenibili le relative tratte. Non è pensabile avere autobus in certe ore di punta solo ogni 30-40 minuti, o non avere gli autobus serali o notturni anche tra Parma e i principali comuni della provincia. Quante attività (soprattutto commerciali) portano i lavoratori a lasciare i luoghi di lavoro verso le 19,30 / 20,00. A quell’ora, chi non è automunito praticamente resta a piedi (se non è abbastanza fortunato da vivere in un comune raggiunto dai treni). Ma queste cose i ns. governanti le pensano oppure no? A questo punto a cosa servono le province se non badano ai bisogni primari delle comunità che gestiscono? Mah. Saluti. Antonio Carpentieri.

    Rispondi

  • tiziana

    18 Marzo @ 10.02

    Parlano i dati : a MILANO, che è enormemente più grande di Parma e con una densità di abitanti (e conseguente traffico veicolare...) non paragonabile alla nostra città , il massimo della media giornaliera rilevato dalle centraline è stato di 59 microgrammi di polveri fini per metro cubo d'aria. Parma è arrivata a 101, vuol dire che gli spot orari sono schizzati a valori molto, molto più alti. Il SINDACO dovrebbe, come MINIMO richiedere all'ARPA anche i valori max orari. Mi pare che NULLA venga fatto realmente. Da un sindaco a 5 stelle mi sarei aspettata azioni significative ;il Sindaco di Roma , Marino è arrivato a minacciare di bloccare la città se non avessero riconosciuto il decreto Roma. Cosa sta facendo Pizzarotti?

    Rispondi

  • andrea66

    18 Marzo @ 09.22

    Romeo, vedo che non hai capito il senso del mio commento. Non sto mettendo in dubbio che che PM10 ci siano e siano pericolose per la salute, volevo dire che la tecnologia dovrebbe essere così tanto "migliorata" (es. i motori delle automobili) da aver ormai sorpassato questi problemi, invece vogliono solo farcelo credere, anzi, le cose vanno addirittura peggio seppure questa "nuova e migliore" tecnologia ci costi comunque un occhio della testa..... e allora non c'è giornata senz'auto che tenga, non c'è niente da fare..... e non è neanche colpa del termovalorizzatore o del cogeneratore o della nebbia o delle emissioni delle stalle. Siamo spacciati qualsiasi cosa facciamo, a meno che di tornare all'età della pietra....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiocco rosa per Kim Kardashian e Kanye West

STATI UNITI

Fiocco rosa per Kim Kardashian e Kanye West Video

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

SPETTACOLI

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ponte Verdi a Ragazzola

roccabianca

Schianto tra due auto e un camion sul Ponte Verdi: muore un 60enne

Ferito un 43enne parmigiano. E torna la protesta per un tratto "ad alto rischio"

5 stelle

Parlamentarie: i nomi dei 28 parmigiani in corsa. E le esclusioni che fanno discutere

1commento

Anniversario

Filippo Ricotti, un anno dopo. La mamma: "Massese, nessuno fa nulla"

Lettera della madre del 17enne travolto e ucciso sulla Massese un anno fa a Cascinapiano

1commento

PARMA

Scuole elementari: due casi di scabbia al Maria Luigia

LUTTO

E' morto Luigi Renzi, popolare ex gestore del bar Capriccio

IL CASO

Numero telefonico «rubato», prima vittoria per una 85enne

2commenti

Salsomaggiore

Addio al prof Vighi, una vita per lo sport

CONDANNA

Si avventa contro la fidanzata e le fa sbattere la testa contro la portiera dell'auto

2commenti

Ferrovia

I pendolari della Parma-Brescia: «Ogni giorno è un'odissea»

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

5commenti

PARMA

E' morta al Maggiore la 71enne ucraina travolta in via Langhirano Video

L'incidente è avvenuto il 2 gennaio

gazzareporter

La notte buia di via Marchesi. "E' così da un mese"

montecchio

L'assume come badante ma voleva altro: denunciato per tentata violenza sessuale

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

Una storia iniziata da bambino... Ecco la foto "storica" di Gazzola piccolo giocatore del Parma

Salsomaggiore

Teatro Nuovo, sciolto il contratto con i gestori

carabinieri

Razzia alla Salvo D'Acquisto: ladri costretti ad abbandonare l'auto rubata

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

3commenti

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

di Daniele Rubini*

1commento

ITALIA/MONDO

ROMA

Il ministero della Salute precisa: "Nessun insetto autorizzato nei menu"

MALTEMPO

Livorno: vento forte, interrotti i collegamenti con le isole. Danni sul litorale del Lazio

SPORT

calcio

Manuel Nocciolini va in prestito al Pordenone

GAZZAFUN

Ceresini o Pedraneschi: chi il miglior presidente?

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

"I miei occhi per l'India": foto di viaggio di Niccolò Maniscalco

BLOG

Il "bugiardino dei libri" di Marilù Oliva - 2

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

DETROIT

Le novità del Salone: è sfida tra pick-up Gallery