-1°

Polemica

Nuovo regolamento della movida, tutti infuriati

I commercianti: "Sempre più difficile parlare con questa amministrazione". E al San Biagio 10 multe in tre mesi per le serate musicali

Nuovo regolamento della movida, tutti infuriati

Barista

Ricevi gratis le news
17

 

Non siamo neppure al fischio d’inizio, ma la partita sul nuovo regolamento della movida già si preannuncia dura. E non solo secondo l’esercito di baristi e titolari di locali che puntano il dito sul primo documento illustrato la settimana scorsa.
«Abbiamo chiaramente espresso il nostro parere contrario su alcuni punti della bozza - chiarisce Claudio Franchini, responsabile Area servizi associativi di Ascom, intercettato ieri, alla luce della raffica di multe che ha colpito il caffè San Biagio. (....)
Più risoluto Stefano Cantoni di Confesercenti: «Proponendo questa bozza il Comune non fa che assoggettare i locali a una maxi-dose di burocrazia che, di fatto, spegne le proposte e l’inventiva delle imprese. Ne è un chiaro esempio ciò che sta capitando al Caffè San Biagio». .........................L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

PARMA XL- LA MOVIDA CHE DIVIDE - Guarda il nostro dossier

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Pietro

    25 Marzo @ 15.27

    Ogni occasione è buona per sminuire quanto di buono venga creato per il divertimento serale dei giovani. Ennesima occasione per denigrare e sminuire delle belle realtà locali, come quella del SB54, posto in una zona in cui è impossibile infastidire qualcuno.

    Rispondi

  • Laura

    25 Marzo @ 10.40

    Credo ci sia una grande differenza tra movida del centro storico e movida all'interno di un centro commerciale come avviene al San Biagio dove non vi sono residenti nelle strette vicinanze e non vi sono strade pubbliche che potrebbero essere invase come accade spesso in via Farini o via D'Azelio. Certe iniziative ordinate e che non recano alcun danno all'ordine pubblico dovrebbero essere sostenute. Molto spesso le persone che si occupano di regolamentare una certa attivita' non sono a diretto contatto con le persone che svolgono tale attivita'...Un invito quindi ad ascoltare maggiormente gli esercenti

    Rispondi

  • HARRIS

    25 Marzo @ 08.35

    @Redazione, ho aspettato oggi per scrivere quanto segue perchè ho voluto sincerarmi leggendo il cartaceo ma il titolo è altamente fuorviante, fuori luogo, fazioso e quindi sbagliato. Se voi scrivete "Nuovo regolamento della movida, tutti infuriati" fa pensare che tutti sono infuriati, ovvero tutti parmigiani mentre invece sono solo ed unicamente gli esercenti perchè i residenti invece sono contentissimi del provvedimento, e magari alcuni che partecipano alla movida come il sottoscritto. Il titolo da un'idea totalmente distorta da quello che c'è nell'articolo. Con un po' più di obiettività si sarebbe dovuto scrivere "Nuovo regolamento della movida, esercenti tutti infuriati". Il titolo da proprio l'idea di una città intera infuriata. E il fatto che mi si venga a dire (metto già le mani avanti): "eh ma comunque quello che dici il lettore lo capisce leggendo l'articolo" non è una argomentazione valida per sostenere un titolo fazioso fatto per creare malumore attorno ad una giunta pentastellata che non ha molti amici in via Mantova (così come in un altro quotidiano nazionale con edizione locale sul web)!

    Rispondi

  • Biffo

    25 Marzo @ 05.15

    Basta movide, ossia casino, ubriachi, pisciate, vomito e cacca per ogni dove!

    Rispondi

  • Giuseppe

    24 Marzo @ 21.21

    Trovare un giusto equilibrio fra divertimento (comunemente detta movida) e rispetto della quiete delle famiglie non è facile, non lo è mai stato, soprattutto a Parma. Spesso assistiamo a scene degradanti, gente ubriaca che vomita, strilla, discute e addirittura litiga venendo alle mani, questo non può e non deve accadere, non solo per il rispetto della quiete delle famiglie, ma anche di quella grande parte della città che chiede di poter passare una serata in compagnia bevendo una birra fra una chiacchiera e l'altra; questi sono bisogni che non possono essere soffocati con delle norme troppo restrittive che quasi obbligano i ragazzi ad armarsi di bottiglie di super alcolici da portare per strada, causa i divieti che costringono i locali a chiusure anticipate. Ben vengano quindi, iniziative razionali e controllate che possano mettere tutti d'accordo, garantendo una "dignitosa" vita notturna e al contempo la possibilità di poter dormire in tranquillità. Grazie

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5