Parma

Tommaso: un vagito nel terremoto

Tommaso: un vagito nel terremoto
Ricevi gratis le news
0

di Marco Federici

Ci sono storie di pianto e storie di speranza. Scritte da un autore che si chiama caso. Quella di Tommaso, un mese e mezzo appena, è di speranza. Doveva nascere all'Aquila, proprio il 6 aprile, ma la grande scossa ha rallentato la sua corsa verso la vita. Solo rallentato, perchè a tre giorni da quella maledetta notte il suo vagito ha strappato un sorriso all'Abruzzo ferito. La prima tappa di un viaggio che poco dopo lo ha portato a Parma, con mamma, papà e due fratellini, Simone e Agnese, sette e dieci anni, che adesso frequentano la prima e la quarta elementare alla «Laura Sanvitale».
Una storia da raccontare, quella del piccolo Tommaso, che di cognome fa De Angelis, con le stesse parole della madre Maria Luisa: «Mio figlio doveva nascere proprio il giorno del terremoto - dice - e invece è nato qualche giorno dopo in un ospedale della costa teramana. La sera del 5 aprile, intorno alle nove di sera, ero all'ospedale dell'Aquila per l'ultima visita di controllo e per concordare il ricovero del giorno dopo. Siamo tornati a casa dove avremmo dovuto trascorrere la notte. Abitiamo a cinque minuti dal centro storico della città: alle tre e mezza, per trenta lunghissimi secondi, tutto ha tremato. Sono corsa nella camera dei miei due figli: non sono riuscita nemmeno ad entrare con il mio pancione perchè la porta non si apriva a sufficienza. I miei due bimbi erano terrorizzati, su tutte le pareti c'erano crepe enormi. Subito non ci siamo mossi perchè ci siamo resi conto che sarebbe stato molto più pericoloso scendere le scale. Ma dopo la seconda scossa, dopo un quarto d'ora circa, siamo usciti con molta prudenza: mio marito è andato avanti e ha verificato che le scale erano agibili. A quel punto siamo fuggiti via, ma senza portarci dietro nulla. Siamo usciti in pigiama, così come eravamo. La nostra auto non aveva subito danni, per fortuna siamo riusciti a recuperare i miei genitori che abitano nel centro storico e siamo subito andati nella nostra casa a Tortoreto Lido, sulla costa, in provincia di Teramo. Ce ne siamo andati senza nemmeno renderci conto con precisione di quanto era successo: non avevamo la percezione della gravità dell'accaduto». Primo pensiero: trovare un ospedale dove partorire, manco a dirlo. «Ci siamo rivolti alla struttura di Sant'Omero, a circa un quarto d'ora da Tortoreto - racconta Maria Luisa - per fortuna Tommaso è nato tre giorni dopo, dandomi il tempo di riprendermi un po'. Separarmi dagli altri miei due figli è stato durissimo: saperli a casa, a farsi continue domande sul terremoto, sui muri in cemento armato - io alla loro età non sapevo nemmeno cosa fossero - mi faceva star male. Sapere che non riuscivano a prendere sonno la notte era un tormento». Poi il viaggio, verso Parma. Gli zii di Marco - il papà di Tommaso, un medico dello sport, associato all'Università dell'Aquila - vivono da tanti anni a Parma. Hanno invitato tutta la famiglia a trascorrere il ponte del 25 aprile.
Giusto per far cambiare aria a Simone e Agnese, gli hanno detto, non può che fargli bene. Un piccolo tranello: una volta abbracciati, gli hanno fatto trovare una casa tutta per loro. «Nel giro di una settimana hanno attrezzato un appartamento con tutto il necessario per noi e i nostri figli - aggiunge Maria Luisa - Ci hanno fatto avere fasciatoio, carrozzina, seggiolino per l'auto, sterilizzatore: molte cose sono state donate da persone sconosciute». C'era pronta pure la scuola per Simone e Agnese: «I primi contatti sono stati presi dagli zii - aggiunge Maria Luisa - Non appena ci ha visto, il preside della “Laura Sanvitale” ci ha accolto a braccia aperte ringraziandoci dell'opportunità che noi davamo a loro: non dimenticherò mai tanta sensibilità. I miei figli si sono integrati benissimo: grazie alle insegnanti e ai loro compagni di scuola stanno pian piano tornando alla normalità. E' dura, ma la scuola li sta aiutando molto. Quanto ci fermeremo a Parma? Mia figlia vuole assolutamente tornare per rivedere i suoi amichetti e perchè vuole partecipare alla consegna delle schede di fine anno. Vedremo, ma la tentazione di tornare per il prossimo inverno è forte. Valuteremo. Abbiamo i nostri impegni professionali all'Aquila, ma la tentazione di tornare in questa città è davvero forte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

anteprima gazzetta

60 anni della legge Merlin, cosa è cambiato nella prostituzione (a Parma)

tg parma

Edicola in stazione ultimo giorno: domani saracinesca chiusa Video

METEO

Perturbazione in arrivo: previste piogge e neve fra collina e montagna

Sarà colpito prima il centro-sud, poi anche il nord Italia (Emilia-Romagna compresa)

gazzareporter

I cinghiali attraversano la strada a Tabiano Video

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

2commenti

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

parma

Lucarelli non molla: "Per la A ci proveremo fino alla fine"

1commento

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano Video

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

salute

Infertilità maschile, la prima causa è l'inquinamento

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto