-3°

SALA BAGANZA

Intitolato il campo al «Grinta» Marco Federici

Il Comunale ora porta il nome del Capitano di tante battaglie

Intitolato il campo al «Grinta» Marco Federici
Ricevi gratis le news
0

Manca Marco, manca il nostro pezzo forte. Lui ci vorrebbe, lì in mezzo al campo, davanti alla difesa, a spezzare il gioco degli avversari e a dare slancio al nostro. Manca Marco, magari non solo in quella linea mediana dove come nella vita stat virtus: servirebbe anche davanti, ad accrescere il peso del reparto offensivo. E poi anche dietro, a dare un po' più di sicurezza ad Alberto Monguidi, addetto stampa della Lega Calcio di serie B, pronto a spellarsi le mani per tenere la porta chiusa della formazione dei giornalisti di fronte ai ragazzi delle altre squadre: quasi tutti giovani, dai pie' veloci e capaci. Di gran fiato e affiatamento. Paolo Emilio Pacciani, capo servizio delle pagine sportive della «Gazzetta di Parma» nominato honoris causa commissario tecnico del team della stampa, negli spogliatoi ha snocciolato un elenco di nomi corrispondente a un 5-3-2. Difendiamoci e che Dio ce la mandi buona, si leggeva come in didascalia sotto le facce dei convocati. Cinque in difesa: anche la buonanima di Nereo Rocco avrebbe potuto accusarci di catenaccismo. Ma il paròn almeno poteva contare su un tale Gianni Rivera. Mentre a noi manca Marco Federici. Così come manca in redazione ogni giorno da quel maledetto 10 luglio scorso, quando la sua strada si concluse per sempre, mentre stava venendo al lavoro in scooter. Bastò un attimo, a spezzare la sua vita sul rettilineo di Corcagnano. Ma 46 anni vissuti da «Grinta», con determinazione e generosità su ogni fronte, hanno lasciato tracce profonde. Niente che rischi facili oblii. Così, non è per ricordare il nostro collega che ieri mattina ci si è ritrovati. Ma per provare, in qualche modo, a parlare di lui e ancora con lui. Giocando a calcio, sul campo che è sempre stato il suo e ora lo è ancora di più: bruciando tempi e tappe burocratiche, l'impianto è stato intitolato a Marco Federici dal Comune di Sala Baganza. Il caldo è da traversata del deserto. Trentasei gradi all'ombra, e questo già rende coraggiosa la presenza del pubblico sotto la tettoia della tribuna. Figuriamoci quella di chi rincorre un pallone. Sul terreno di gioco, d'ombra proprio non ce n'è un filo: altrimenti, le azioni si concentrerebbero nel corridoio protetto, per un tacito accordo tra i dannati della calura. Quanto possano essere lunghi 35 minuti (questi i tempi delle partite, da giocare in rapida successione), lo puoi scoprire quando un sole di questo tipo ti martella sull'incudine di un campo. Quattro le squadre. A contendersi il primo posto saranno l'Acd Sala Baganza, fresca di promozione dalla terza alla seconda categoria, dopo la vittoria del trofeo Balisciano e l'Ac Sala Baganza. Avrà la meglio per 3-2 la seconda, la vecchia squadra del Capitano, dopo essere stata indietro di un gol per buona parte della finale. Ci sono gli Amici di Marco, con un sostanzioso rinforzo da parte della Full Monty di Busseto. E infine, i giornalisti. Queste due ultime formazioni con una maglia (verde per i primi e nera per gli altri), con la decalcomania di Federici in azione. Con la scritta «Marco» affiancata dal suo numero. Il 5, che a priori, per chi - per infortuni o sopraggiunti limiti d'età - crede di aver appeso per sempre gli scarpini al chiodo, sa tanto di un voto in pagella. Ma c'è da scendere in campo nel nome del Grinta: poco importa se qui si rischia di passare dalle virgole degli articoli alle calcistiche svirgolate. L'atmosfera è buona, depurata da acredini e recriminazioni. Si gioca nel segno della memoria e del rispetto. Rarissimi i falli. Il campo si chiama ancora Comunale, quando si giocano le prime sfide. L'Ac Sala Baganza batte gli Amici di Marco. Tra l'Acd Sala Baganza e la compagine dei giornalisti i tempi regolamentari finiscono sull'1-1, grazie soprattutto ai meriti di TvParma: un salvataggio sulla linea di Marco Balestrazzi e una rete di Alberto Rugolotto dopo una doppia finta. Ci vuole una decina di rigori, per aprire la porta della finale all'Acd Sala Baganza. L'intitolazione avviene a mezzogiorno, interrompendo la sfida per il terzo posto, con gli Amici di Marco in vantaggio 1-0 sui giornalisti. Carlo Leoni ricorda come il Comunale non porti ancora il nome di nessuno («C'è solo una targa dedicata a Bruno Mora che aveva casa da queste parti»). Poi, parla non più da vicesindaco, ma da uomo di sport. «Alla fine degli anni 70 ero segretario del Sala Baganza, quando conobbi Marco. Bravo tecnicamente, ma mingherlino. Era pronto a farsi panchine su panchine, pur di stare a Sala. Così scoprii la sua determinazione». Con il tempo, accanto alla tecnica crebbero la forza e lo spirito agonistico. «E, con Mario Ferraguti come allenatore, Marco, negli anni '85-'86, trovò posto nella squadra in prima categoria. Un giocatore completo: come caratteristiche, potrei accostarlo a Daniele De Rossi. Cambiarono i dirigenti, gli allenatori e i compagni di squadra. Ma il Grinta rimase: diventò il Capitano e con questa maglia giocò oltre 400 gare. Molte società ce lo chiesero, ma lui volle sempre restare qui». Qui, dove ora una foto lo mostra in azione con la maglia bianca e gialla dell'Ac Sala Baganza sul muro di fronte all'ingresso del campo. A scoprire la targa, il sindaco Cristina Merusi («Oggi è una giornata importante, per testimoniare il nostro amore per Marco») e Roberto Boninsegna. Commosso, un ragazzo toglie un pezzo di scotch rimasto attaccato ai mattoni. Il gioco può riprendere. I giornalisti segnano due volte. Ma subiscono il gol del 2-2 a un minuto dal termine. «Ma se oggi il Grinta fosse qui, con chi giocherebbe?» chiede qualcuno. «Un po' con tutti». Tutte le squadre hanno giocato senza Marco e per Marco. Di tirare i rigori non ha voglia nessuno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La festa di Natale del Bar Gianni

DADAUMPA

La festa di Natale del Bar Gianni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

4commenti

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

tg parma

Via Spezia: rapina con coltello al centro scommesse

Un bottino di circa 1.500 euro

PARMENSE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: arrivano 55 milioni di euro

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

genova

Aggredisce una donna per rapinarla, "arrestato" dai boyscout

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Voci di dimissioni per Gattuso, il Milan smentisce

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento