12°

26°

autostrada del sole

Chiusi i sovrappassi a Moletolo, Ugozzolo e in via Paradigna

Da ieri è scattato - a sorpresa - il divieto. La decisione del Comune per problemi di sicurezza

Chiusi i sovrappassi  a Moletolo, Ugozzolo e in via Paradigna
4

Il Comune di Parma ha deciso di provvedere alla chiusura dei tre sovrappassi sull’A1 che dimostrano criticità dal punto di vista della sicurezza stradale, in relazione alla mancanza di idonee barriere di protezione. Si tratta dei sovrappassi di via Moletolo, via Paradigna e strada Ugozzolo. Già in precedenza erano state adottate misure cautelative, limitando la velocità ai 30 chilometri orari e vietando il transito ai mezzi pesanti. Il Comune, dopo aver partecipato a numerosi incontri del tavolo tecnico interistituzionale sulla sicurezza dei sovrappassi autostradali, non essendo giunti a una soluzione definitiva, ha provveduto a notificare ad Autostrade per l’Italia, proprietaria dei viadotti, la chiusura dei tre cavalcavia, ribadendo la necessità di provvedere all’adeguamento delle barriere di protezione.
«Allo scopo di limitare nel tempo il perdurare dei possibili disagi arrecati dalla chiusura dei sovrappassi, e nell’attesa delle opere definitive che dovrà realizzare il proprietario delle infrastrutture - si legge in una nota del Comune -, l’Amministrazione intende finanziare opere provvisionali che permettano l’attraversamento dei viadotti in sicurezza». In ogni caso il Comune garantisce percorsi alternativi, a partire dal sottopasso di via Mantova, il sovrappasso di strada Burla, il sovrappasso dell’Asolana, il sottopasso di Baganzola e il sovrappasso di strada Vallazza, e ha predisposto l’attivazione di un piano di segnalamento per preannunciare le deviazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rivara

    18 Luglio @ 09.52

    Alla faccia della sorpresa! Ieri mattina come sempre faccio la "scorciatoia" da chiozzola (dove abito) per recarmi al lavoro e.......SORPRESA! STRADA CHIUSA. ok mi può anche star bene....almeno avessero messo delle segnaletiche di avvertimento tipo "A 200 MT CAVALCAVIA CHIUSO" ecc.... risultato? Avendo trovato la strada "sbarrata" sono dovuta tornare indietro e fare il giro dell'oca. Ma tanto alla fine sono arriva io in ritardo a lavorare, mica l'amministrazione. Buona giornata a tutti!

    Rispondi

  • Ragno

    17 Luglio @ 15.19

    Questa è bella ...leggo......."e vietando il transito ai mezzi pesanti." Ma va laaaaa non basta un cartelle ma ci vogliono anche controlli sul campo affinché i divieti vengano rispettati........e per controlli parlo di fermate sul posto da parte degli organi competenti per un periodo pari a circa una mezz'ora max un'ora nell'arco delle ore di massima affluenza dei mezzi pesanti (mattino presto dalle 6,30 alle 8,10 circa e dalla sera dalle 17,30 alle 19,30 circa). Il solo passaggio di una volante sulle vie interessate con la speranza di incontrare qualche trasgressore è solo tempo perso e non lo trovo serio. Purtroppo non posso fare nomi di aziende che operano nella zona di Pedrignano/Ugozzolo/Spip/Chiozzola ossia direttamente interessati dai divieti di cui all'articolo....ma invito i Vigili Urbani o chi per loro di fare un appostamento senza scopo di multe (quindi anche non visibile) dalle prime ore del mattino ossia 6,30 alle 8,00 circa in via Traversante Pedrignano e contare i tir che passano nonostante i divieti di accesso e a scapito della nostra incolumità . Sconvolgente inoltre la settimana scorsa dove, a seguito di un grave incidente stradale su questa via, e nonostante i vigili fossero presenti per i rilievi e soccorsi del caso, passassero come nulla fosse tali mezzi pesanti (e sempre delle stesse ditte). Buon lavoro

    Rispondi

  • Giuseppe

    17 Luglio @ 10.27

    Sono già passati alcuni anni dalla tragedia in cui l'auto di una ragazza precipitò sulla corsia della A1 causando la morte di alcune persone. Altri incidenti simili si sono verificati in altre parti d'Italia. Molto bene, anche se si deve dire meglio tardi che mai. Si deve però osservare che il provvedimento riguarda solo le strade del Comune di Parma nel territorio del Comune e non tutti i sovrappassi della A1. In provincia di Parma ci sono circa una trentina di cavalcavia, sono tutti sicuri? Credo proprio di no. Ad esempio fino a poco tempo fa, il cavalcavia della strada Fidenza - Soragna era privo di guard rail, ma sono convinto che ve ne siano anche altri. Sarebbe importante domandarsi perché è potuto succedere e perché la Società, privata, Autostrade S.p.A. abbia continuato ad incassare lauti pedaggi senza preoccuparsi che qualche veicolo precipitasse sui mezzi in transito. Sono in tanti quelli che avrebbero dovuto controllare. Perché? ...

    Rispondi

  • Monica

    17 Luglio @ 09.14

    Era ora!!!! parlo come utente del sovrappasso di via paradigna........ Quanti camion, quanta gente che va senza cognizione!!!!! e pensare che ci voleva così poco..... Si DOVREBBE, però, aprire la rotonda di via paradigna che porta alla rotonda dell'asolana (entrambe sotto la linea della TAV).... in un attimo si arriverebbe in autostrada. Se poi pensiamo che già da anni è finita e chiusa e non si sa perchè!!!!! Utilissima anche per il collegamento con la nuova bretella dell'inceneritore che porta a ugozzolo...... Ma quanto ci vuole a capirlo??????

    Rispondi

Il video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal Partito Democratico al porno: un milione di clic per "Malena"

Foto dalla pagina Facebook ufficiale di "Malena"

BARI

Dal Partito Democratico al porno: un milione di clic per "Malena"

Benedetta Mazza fuori da «Pechino Express»

Televisione

Benedetta Mazza fuori da «Pechino Express»

Samuele Bersani rinvia tour, problema a corda vocale

musica

Samuele Bersani rinvia il tour: problema a una corda vocale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Festival Verdi: venerdì la festa inaugurale

PARMA

Festival Verdi: venerdì la festa inaugurale

Lealtrenotizie

Legionella nel quartiere Montebello: 14 casi. Ecco le precauzioni da prendere

Parma

Legionella nel quartiere Montebello: 14 casi. Ecco le precauzioni da prendere

Collecchio

A Gaiano il commosso addio a Leonardo, ucciso da una malattia a 42 anni

Anteprima Gazzetta

Lungoparma, raccolta firme contro le corsie preferenziali Video

Parma Calcio

Simonetti: "A San Benedetto del Tronto servirà un Parma aggressivo"

ciclismo

Malori, che sfortuna: caduta in gara e frattura alla clavicola

A1

Incidente in autostrada: 8 chilometri di coda tra Fidenza e Piacenza Tempo reale

L'autostrada era rimasta bloccata in seguito all'incidente

PALLAVOLO

Festa con la società rivale: tre ragazzine saranno "processate"

15commenti

Pgn

Concerti d'autunno e nuovi locali

droga

Quando gli spacciatori non se ne vanno...

5commenti

san pancrazio

"Sradicano" il bancomat col carro attrezzi. Ma abbandonano il bottino Video

1commento

San Polo d’Enza

Scippata dell'iPhone: nei guai tre giovani parmigiani traditi dalle foto-profilo

2commenti

Pericolo

Automobilisti al telefono: multe raddoppiate

16commenti

SICUREZZA

Telecamere, via alla «rivoluzione» Video

6commenti

Tintarella

Abbronzati in autunno: come evitare di «scolorire»

3commenti

stessa posa, stesso luogo

Oggi come ieri: sorrisi e nostalgia Gallery Inviateci le vostre foto

1commento

IL CASO

Notte in ospedale a Miami per atleta parmigiana. Il conto: 18mila dollari

42commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Lettera di un onesto a un farabutto

1commento

EDITORIALE

Hillary vince ai punti. Non è detto che basti

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

reggio emilia

Identificato l'uomo trovato morto in un canale

Malaysian AIRLINES

Aereo civile abbattuto in Ucraina: "Fu un missile russo"

SOCIETA'

Casa della Fotografia

Concorso: foto in bianco e nero per raccontare Parma

C999

Ecco "Timeless", la video-installazione che dà il "la" a Verdi Off

SPORT

Calciomercato

Il Valencia nelle mani di Prandelli

Calciomercato

Chelsea, assalto a Romagnoli

CURIOSITA'

foto parmigiana

Amatrice, quel guanciale-simbolo ritrovato tra le macerie e donato ai soccorritori

INTERVISTA

Gianni Bella: «In tv per Mogol»