-3°

Parma

Omicidio di Helidon, caso chiuso: 19 anni e otto mesi all'assassino

Omicidio di Helidon, caso chiuso: 19 anni e otto mesi all'assassino
Ricevi gratis le news
0

Diciannove anni e 8 mesi per quella coltellata che spaccò il cuore di Helidon.   La Cassazione ha scritto la parola fine  sulla sera di Ferragosto del 2006, confermando la sentenza d'appello che aveva  salvato dall'ergastolo Arben Duka.  Nessun ricorso era invece stato presentato per i tre complici, ai quali comunque in appello era già stata in parte ridotta la pena: 15 anni e 4 mesi  ai fratelli  Mirdash e Eduart  Dedja e 14 anni e 8 mesi a Bujar Kaziu.
Non fu un agguato. E non ci fu premeditazione, secondo i giudici d'appello. E' così che la  condanna all'ergastolo inflitta  con rito abbreviato dal gup Maria Cristina Sarli si era  «sgonfiata» in secondo grado. Non solo. La Corte   bolognese aveva  riconosciuto a Duka le attenuanti generiche, sottolineando: «L'imputato ha manifestato ravvedimento e chiesto clemenza alla Corte, evidenziando  la propria giovane età  e incensuratezza; ha sommessamente chiesto che gli venga concessa la possibilità, una volta scontata la pena,   di potersi reinserire nella società».  Un pentimento dell'ultima ora che non aveva però convinto il procuratore generale Rinaldo Rosini, tanto da impugnare la sentenza in Cassazione proprio  in riferimento alla concessione delle attenuanti.
«Il ricorso era solo sul riconoscimento delle generiche. Evidentemente, per quanto riguarda l'assenza di premeditazione dell'omicidio, il procuratore aveva ritenuto ben motivata la sentenza dei giudici d'appello - sottolinea Enrico Della Capanna, difensore di Duka insieme al collega Helmut Bartolini -. Da parte nostra, pur non avendo fatto ricorso, abbiamo contestato  l'aggravante dei  futili motivi e chiesto  l'attenuante della provocazione. Siamo molto soddisfatti: i giudici d'appello avevano riconosciuto l'assenza di premeditazione e concesso le attenuanti, e ora la Cassazione ha chiuso il caso».
 Meno di vent'anni per quel delitto. E la pena sarebbe stata ancora più bassa, se Duka non fosse stato condannato anche per spaccio.  Un epilogo amaro per  la famiglia di Helidon, a Parma da anni per reinventarsi il futuro. «Il pensiero che tra qualche anno, grazie ai benefici, possano rivedere in giro l'assassino del figlio e i suoi complici credo sia molto pesante - sottolinea Susy Malcisi, l'avvocato della famiglia  di Helidon -. La Cassazione ha riconosciuto il risarcimento stabilito dal giudice di primo grado, ma questo poco importa. Le  motivazioni per la concessione delle attenuanti mi sembrano molto deboli: come si può parlare di ravvedimento quando uno si presenta  in  appello e dice semplicemente “mi dispiace”?.  Ma anche l'assenza di premeditazione  mi pare un'assurdità: Duka ha convocato i tre complici e si è presentato  all'appuntamento con Helidon con un coltello con una lama di 22 centimetri».
Si incontrarono davanti al Penny market di via Venezia: fu Helidon, 20 anni, operaio albanese, alle 19,42 a  chiamare Duka, stessa nazionalità, cinque anni di più, dopo che quest'ultimo lo cercò più volte nei giorni precedenti.  Passarono pochi minuti prima dell'incontro, che avvenne alle 20 circa, mentre nel frattempo Duka aveva contattato sia i suoi cugini Dedja che Kaziu, tutti di origine albanese.  Ma l'aggressione, secondo i giudici d'appello, fu estemporanea. «... la scelta delle armi (quella principale: un lungo coltello da cucina) appare più dettata dalla fretta che non da un'accurata preparazione - scrivono nelle motivazioni -; tutti i partecipanti si erano recati sul posto - per la verità a poca distanza dall'abitazione del Duka - a piedi; anche il comportamento successivo al delitto (fuga dall'abitazione del Duka, lasciando in casa sia il coltello usato per il delitto che abiti sporchi di sangue) induce a ritenere probabile che l'azione non era stata premeditata ma attuata in fretta e furia, approfittando della favorevole circostanza che Helidon era rientrato dall'Albania, aveva contattato Duka e si era prestato ad affrontare subito un incontro chiarificatore».
Voleva che lasciasse in pace la sorella della sua fidanzata: Duka aveva cercato di farla prostituire, e Helidon aveva minacciato più volte di denunciarlo. L'idea di perdere quel  dominio «su una delle proprie femmine» - sottolinea la Corte d'assise d'appello - spinse Duka alla resa dei conti.   In un piazzale deserto di una sera d'estate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento