10°

20°

terrorismo

Quei jihadisti "vicini di casa"

E quel curdo arrestato a Vigatto che si è dissociato

Jihadisti

jihadisti

Ricevi gratis le news
34

I calcoli li hanno fatti i nostri servizi segreti: 50 e 200. Cinquanta i jihadisti italiani arruolati dall'Isis e mandati a combattere in Siria e Iraq, di cui solo il 20 per cento figlio di immigrati. Il grosso, invece,  sono gli italiani convertiti all'Islam: giovani tra i 18 e i 25 anni, in media. Duecento invece sarebbero i residenti nel nostro Paese che fungono da "ufficiali di collegamento".  

E in generale le città di provenienza sono soprattutto al Nord: il Corriere della Sera- citando l'intelligence italiana - parla in particolare della vicina Cremona, di Brescia, Torino, Ravenna, Bologna, Padova e diversi piccoli centri del Veneto. 

C'era finita anche Parma qualche anno fa in questa lista, in particolare tra il 2002 e il 2004, col titolo di base operativa per il reclutamento di giovani leve islamiche. Ad aprile 2003 erano stati arrestati in città due curdi, Mohammed Tahir Hammid e Mohamed Amin Mostafà. Hammid, un impiego come muratore, è stato il primo "dissociato" delle indagini sul terrorismo islamico in Italia seguite all'epoca da un altro "parmigiano", il magistrato Stefano Dambruoso.

E agli inquirenti ha svelato come avvenivano in Emilia e in Lombardia i meccanismi di reclutamento dei jihadisti da inviare in Kurdistan e poi al fronte. Il fulcro era la moschea di via Jenner a Milano. Secondo il racconto dell'uomo, a Parma avvenivano gli incontri con una ltro reclutatore, il mullah Fouad, che allora inviava gente in Kurdistan sia dall'Italia che dalla Siria. Ai magistrati Hammid parlò anche dell'imam della moschea di Cremona, Mouad Trabelsi, a cui aveva dato una mano quando gli aveva chiesto aiuto per far arrivare dei volontari in Kurdistan o far arrivare nei campi di addestramento delle somme di denaro.Quando ha preso le distanze dal terrorismo islamico Hammid ha dichiarato: "Mi considero un islamista moderato, e non condivido la deriva terroristica dell'organizzazione". C.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Medioman

    27 Agosto @ 20.19

    Signor Vercingetorige, era probabilmente il 1973 (o forse 1974), quando nel goriziano, dal confine segnato semplicemente da reticolato e filo spinato, si alzò un "cespuglio" e mi puntò un'arma. Era un "titino" in esercitazione, e non era solo. Mi stava "avvisando" di non avvicinarmi troppo al "confine". Ovviamente, non gli ho chiesto "cosa stava facendo da quelle parti", l'ho semplicemente salutato, e me ne sono andato. Pensa che me lo sia sognato?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    27 Agosto @ 18.28

    SIGNOR MEDIOMAN , PER AMOR DEL CIELO ! LE "TRUPPE DI TITO AMMASSATE SUL CONFINE" PER IL "COMPROMESSO STORICO " ? Ma cosa dice ? Il "compromesso storico" è stata l' operazione politica che ha dato vita ai Governi democristiani sostenuti dall' appoggio esterno determinante del Partito Comunista a metà degli anni settanta . Era la strategia politica prospettata da Enrico Berlinguer ed Aldo Moro , e qualcuno sospetta che il rapimento e l' uccisione di Moro ne siano state una conseguenza . Il Trattato di Osimo è precedente a quei Governi ! E lei , a metà degli anni settanta , ha visto "le truppe di Tito ammassate sul confine" per invadere l' Italia ? Signor Medioman , lei oggi è di buon umore e le va di scherzare !

    Rispondi

  • Medioman

    27 Agosto @ 17.17

    Signor Vercingetorige, ricordo bene gli anni del "compromesso storico": a Gorizia, ebbi occasione di vedere le truppe di Tito ammassate sul confine, "per esercitazioni", probabilmente pronto a "liberarci" dalla invasione degli Amerikani. Per rabbonirlo, dovemmo calare le braghe e concedergli il trattato di Osimo. Ma la "verità vera" delle trame sovietiche penso che ci rimarrà oscura; mi ricordo un piccolo episodio: in uno dei miei viaggi nei paesi dell'est, avendo problemi con l'auto, mi fermai in un piccolo paesino. Il primo "personaggio" che incontrai, che capiva perfettamente l'italiano, mi disse "Italia? Mussolini!!". E via con i festeggiamenti, e i soccorsi. Probabilmente, era uno dei tanti rifugiati "neri" che avevano ridipinto la casacca di rosso; chissà perché, si sentiva più "sicuro" a stare là, invece che rientrare in Italia! Oppure, magari, era semplicemente un sopravvissuto alle "centomila gavette di ghiaccio". L'autista del camion bulgaro che investì Berlinguer sarà stato un "comunista doc", oppure, magari, un "comunista di seconda mano"?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    27 Agosto @ 12.32

    SIGNOR MEDIOMAN , ribadisco che i finanziamenti dell' Unione Sovietica al Partito Comunista Italiano facevano il paio con quelli degli Stati Uniti alla Democrazia Cristiana. Fu Enrico Berlinguer a rifiutarli , perchè era convinto che l' Italia dovesse seguire una via Nazionale verso un Socialismo dal volto umano , indipendente da Mosca. Si stava preparando il tentativo di "compromesso storico" . Per questo distacco dal Cremlino Enrico Berlinguer subì un attentato durante un viaggio in Bulgaria . La sua auto fu investita da un camion militare che cercò di buttarla fuori strada. Morì l' autista . Berlinguer ne uscì incolume , ma molto scosso. Quello che viaggiava con le "valigette di dollari" ( prima che Enrico Berlinguer li rifiutasse ) , non era Primo Greganti , ma una persona di cui non posso dirle il nome , anche perchè non credo che la Redazione me lo passerebbe.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    27 Agosto @ 12.17

    REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT , non prendetevela col mio amico Marirhugo ! Lui non può farsela nelle braghe solo perchè è rimasto in mutande.........

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spigaroli Murgia a Radio Parma

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Lealtrenotizie

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

5commenti

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

1commento

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

INCIDENTE

Scontro auto-moto a Langhirano: un ferito grave

Lo scontro è avvenuto in via Roma

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

SERIE B

Parma, batti un colpo

PEDRIGNANO

Pitbull assale la padrona e un suo amico

1commento

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

Si rafforza la possibilità che possano così diventare di proprietà pubblica

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

6commenti

economia

Derivati del pomodoro, cambia l'etichetta: bisognerà indicare l'origine della materia prima

I ministri Martina e Calenda hanno firmato il decreto

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

GERMANIA

Uomo attacca con un coltello a Monaco: 4 feriti

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

SPORT

Moto

Rossi: "Spero in una gara asciutta"

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: