15°

29°

Quartieri - Pablo

La ferita aperta dell'ex circolo "Ezio Sani"

Degrado e incuria all'incrocio fra via Bocchi e via Buffolara. Uno "scheletro" affumicato nel quartiere dopo l'incendio di due anni fa

La ferita aperta dell'ex circolo "Ezio Sani"

Via Bocchi

Ricevi gratis le news
2

Un luogo legato alle canzoni. Incendiato il «29 settembre» e «quasi triste, come i fiori e l' erba» di una scarpata ferroviaria. Ma di allegro e scanzonato l’ex circolo «Ezio Sani» ha davvero poco. Non più luogo di ritrovo del Pablo, all’incrocio tra via Bocchi e via Buffolara, giace ancora, a distanza di due anni, scheletro affumicato, dalla notte in cui un rogo impressionante l’ha ridotto una carcassa di lamiere.
Carcassa in cui si accumulano progressivamente rifiuti e storie disperate. Nel quartiere si cercano responsabilità e possibili soluzioni, ma del circolo «Ezio Sani» non si trovano proprietari o responsabili. Nei primi anni ’90 rappresentava un punto di ritrovo vivo del quartiere, con attività settimanali promosse da un attivo gruppo di soci: «Eravamo volontari. Non abbiamo più nulla a che fare con quell’attività, che svolgevano a titolo di volontariato. Non abbiamo alcun diritto o dovere nei confronti di quello stabile» - dice una volontaria, che un tempo allestiva la tombolata del giovedì pomeriggio, partita da Parma qualche anno fa.
«L’Avis Pablo, dopo il trasferimento nella nuova sede di via Baganzola, negli anni ’90 aveva ceduto il prefabbricato a questo gruppo di gestori e disdettato anche l’affitto del terrapieno di proprietà di Ferrovie dello Stato. Noi, da molti anni, non abbiamo nulla a che vedere con questo struttura che abbiamo ceduto in ordine. Come cittadini, naturalmente possiamo solo essere favorevoli ad una riqualificazione, che significherebbe inequivocabilmente lo smantellamento del prefabbricato» - dicono dalla sede di Avis Parma.
L’incrocio con via Bocchi è anche un biglietto da visita del quartiere Pablo per chi arriva dalla parte ovest della città. E proprio in affaccio all’ex «Ezio Sani», si è creato con anni di incuria un altro scheletro invaso da erbacce. Le impalcature di un edificio, di proprietà di un impresa edile, che non ha mai trovato una conclusione. «Dopo una richiesta di sopralluogo da parte degli uffici comunali sono stati interrotti i lavori perché erano stati superati i confini e l’edificio in costruzione non rispettava il progetto presentato. Così il Comune ha imposto l’abbattimento del costruito. Da allora più nulla. Questa impresa edile ha acquistato la villetta dal vecchio proprietario l’ha lasciato per anni vuoto. In quel periodo era diventato un dormitorio. Abbiamo dovuto far intervenire le forze dell’ordine parecchie volte per sedare risse. Adesso viviamo vicino ad un bosco che si sta riempiendo piano piano di sacchetti di immondizia» - protestano i residenti di via Fratelli Vignali, una stradina tranquilla, fatta di villette che si tramandano di padre in figlio, che stanno avviando una petizione per la sistemazione di questi spazi che stanno macchiando, non poco e da molto tempo il decoro della loro zona.
«Se un regolamento ha imposto l’abbattimento di una palazzina non c’è nessuna legge che regoli il pubblico decoro e spinga le istituzioni a prendere a cuore la questione?» - è quello che si chiedono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • elio

    27 Agosto @ 21.25

    La foto è sbagliata, l'ex Centro Sani, è dall'altra parte della strada contro la massicciata della ferrovia......

    Rispondi

  • Mariostanic

    27 Agosto @ 21.03

    Peccato che quella non sia la foto del circolo Sani!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Magiafuoco/2

monchio

Se in Appennino arriva Mangiafuoco Video

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

6commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

2commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

22commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti