12°

Parma

Furti, sporcizia e aggressioni al "Milan club"

Furti, sporcizia e aggressioni al "Milan club"
Ricevi gratis le news
0

di Erika Martorana
Una situazione sempre più problematica, quella di cui è finita l’associazione calcistica «Milan Club», di via Europa: furti, fuochi abusivi, sporcizia, spaccio di droga ed aggressioni di vario genere hanno infatti decretato una diminuzione critica delle iscrizioni alla società, oltre a un calo inaudito della frequentazione della sede.
Il grido d’allarme proviene da Giuseppe Cappelli, da ottobre presidente provinciale del club e delegato regionale dello stesso da ben 10 anni.
«Sono un amante del calcio e la più grande soddisfazione per me è poter dar modo ai miei ragazzi di crescere con la stessa passione nel cuore. Dopo anni trascorsi tra successi e riconoscimenti, il mio più grande dolore è quello di vedere oggi bambini impauriti, genitori seriamente preoccupati ed un degrado crescente attorno alla nostra proprietà o, peggio ancora, all’interno».
Tanta amarezza nelle parole del presidente che giunto ad una condizione che definisce «insostenibile», desidera ristabilire ordine e calma, garantendo la sicurezza di un tempo: «Fino a dieci anni fa, ricordo un’oasi verde e la tranquillità che vigeva nella nostra sede. Oggi apro gli occhi e mi accorgo che nulla di tutto ciò esiste più: bande di extracomunitari, di origine albanese e moldava, invadono la nostra proprietà, rubando la notte e sporcando ogni nostro spazio verde. Non hanno nessun rispetto: accendono fuochi abusivi, spacciano droga, gettano materassi e attrezzature edili come fosse la loro discarica. Ogni giorno, ci impegniamo nel ripulire tutto, perché ci sta a cuore che il nostro sia un luogo sano, ma trovare continuamente siringhe davanti alla nostra porta o sui nostri prati ci allarma terribilmente. Non possiamo più sopportare tutto questo: abbiamo bisogno che la gente sappia e che ci aiuti a porre fine a questa situazione infernale».
A tale scopo, Cappelli chiede il supporto del Comune, degli organi di informazione e, soprattutto, delle forze dell’ordine, a cui, spiega di aver dovuto ricorrere più volte: «Non sono razzista, tanto che ho tentato io stesso di avvicinarmi a loro per un dialogo civile, ma, non solo mi hanno risposto maleducatamente, inveendo contro di me, ma, mi hanno costretto persino alla fuga, dopo un tentativo di aggressione nei miei confronti. Come non aver paura a questo punto?». 
Un tentativo di aggressione - prosegue - non unico nel suo genere: «Qualche settimana fa, una donna che si stava recando in macchina, nella nostra sede, è stata bloccata da alcuni balordi ubriachi ed è riuscita a scappare, mantenendo però un ricordo vivo e terribile dell’accaduto. Persino i nostri calciatori hanno paura a raggiungere il campo in bicicletta, e gli stessi genitori non si fidano. Il sabato e domenica organizziamo un servizio di ristorazione per cercare di raccogliere fondi necessari per la prossima stagione, ma dopo le 21, con il calare della sera, tutti se ne vanno, con il timore di essere aggrediti da un momento all’altro. È ovvio che così non possiamo vivere».
Per richiamare l’attenzione su questa vicenda, l’associazione stessa ha indetto un quadrangolare, in memoria di Mario Fasolino - amico e sponsor del club, deceduto un anno e mezzo fa - che si terrà il 13 settembre, proprio nel campo di via Europa, e in cui giocheranno 4 formazioni d’eccezione: la Polizia, di via Chiavari; la Finanza, di via Torelli; i Vigili Urbani della Villetta ed, infine, i Carabinieri, di via delle Fonderie.
«Ringraziamo le forze dell’ordine, per i tempestivi interventi in risposta alle nostre chiamate nei momenti di pericolo, e ai quali però chiediamo maggiore controllo».
La richiesta d’aiuto è però rivolta anche al Comune di Parma: «L’assessore alle attività motorie e sportive, Roberto Ghiretti, ha già dato la sua disponibilità per un sopralluogo, durante il quale chiederemo anche la concessione per far mettere delle sbarre all’entrata e dei rinforzi alle finestre, oltre che un maggiore controllo. Vogliamo che le nostre due squadre amatoriali e quella femminile, possano godere a pieno del loro sport, eliminando timori e sporcizia».
Per quanto riguarda il futuro, il presidente nutre un sogno: «Vorremmo riaprire già in primavera la classe dei Pulcini, per poi riformare un quadro completo del club con Esordienti, Giovanissimi, Allievi e Juniores, riappropriandoci della nostra tranquillità e della nostra oasi felice».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

1commento

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Montagna

Corniglio, «class action» contro Enel?

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

1commento

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

VITERBO

Coniugi uccisi e infilati nel cellophane: arrestato il figlio

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260