-5°

sanità

La nuova sala operatoria nasce già vecchia

Sarà inaugurata il 30 settembre ma resterà aperta solo un mese. Servono altri lavori

La nuova sala operatoria nasce già vecchia
2

La buona notizia è che il 30 settembre entrerà in funzione la nuova sala operatoria ibrida del polo angiografico - inaugurato nel marzo 2012 - della Radiologia dell'ospedale Maggiore. La cattiva è che la sala - progettata nel 2011, realizzata anche grazie ad un finanziamento di 550 mila euro di Fondazione Cariparma, e collaudata a dicembre 2013 - lavorerà per un mese e dovrà essere chiusa fino a fine anno per lavori di adeguamento.
La sala ibrida - unica per ora in Emilia Romagna e destinata a servire anche gli ospedali di Piacenza, Reggio Emilia e Modena, con una previsione di circa 300 interventi l'anno - è un ambiente multifunzionale: sala diagnostica (radiologica, emodinamica ed interventistica) e sala chirurgica. Un fiore all'occhiello, spiega Diego Ardissino, direttore della Cardiologia del Maggiore, che fra 12 giorni inaugurerà la struttura con il primo intervento.
La sala, nata per la cardiologia strutturale e al momento votata a questo scopo, consente interventi di sostituzione di valvole cardiache, inserimento di clip mitraliche, chiusura di difetti del cuore, trattamento di cardiopatie congenite. Tutti interventi mininvasivi senza il tradizionale «taglio» chirurgico.
Dal momento in cui la sala era stata pensata però molto è cambiato, anche dal punto di vista tecnologico, e oggi le nuove frontiere della sala ibrida sono anche il trattamento cardiochirurgico strutturale di alcune specifiche patologie vascolari e ginecologiche, ed in alcuni casi il trattamento del politrauma. Interventi che potrebbero richiedere, fin dall'inizio o in corso d'opera, anche il «taglio», ossia le tecniche chirurgiche tradizionali. Un ampliamento di campo d'azione che permetterebbe di capitalizzare al meglio una struttura.
E qui sorge il problema. Perchè un intervento chirurgico richiede un miglioramento dei percorsi di accesso per il paziente fra la zona di preparazione e la sala operatoria, attualmente non completamente sterili e quindi non adeguatamente sicuri.
Il problema, già segnalato dai medici, è emerso durante un sopralluogo di inizio agosto. «Come sala ibrida è inadeguata per le dimensioni, 42 metri quadrati contro gli almeno 50 necessari, per la conformazione, un budello lungo e stretto dove non è agevole muoversi, tantomeno per èquipe multisciplinari, e per le apparecchiature, in alcuni casi già datate nonostante non siano mai state utilizzate. E' una misera sala angiografica costata una cifra stratosferica», taglia corto Pierfranco Salcuni, direttore di Scienze chirurgiche, fra i medici presenti al sopralluogo. Che rincara: «Non c'è stato nella progettazione il necessario coinvolgimento dei medici. Non c'è magazzino o vie di fuga e dovrei portarmi dietro gli strumenti dal terzo piano. Al momento sono assenti le condizioni di sicurezza per affrontare un intervento che, da endoscopico, potrebbe diventare chirurgico».
Più sfumata l'opinione di Tiziano Gherli, direttore della Cardiochirurgia, che invita ad essere costruttivi.
«Il finanziamento della Fondazione per la sala operatoria ibrida è arrivato, grazie alla generosità del compianto Carlo Gabbi, quando era già stato redatto il progetto del polo angiografico - spiega Gherli - L'idea della sala ibrida si è sviluppata in corsa e alla fine ha prevalso l'aspetto radiologico e non quello operatorio». Gherli spiega che sono già stati pianificati interventi di modifica dei percorsi di accesso che garantiranno la sterilità e che verranno completati nei prossimi mesi.
Ardissino invita, «soprattutto in tempi di tagli e investimenti al lumicino», a «vedere il bicchiere mezzo pieno», valutando che la struttura sarà comunque un passo in avanti per l'ospedale.
Dal 30 settembre e per tutto ottobre - dopo che sarà messa a punto la formazione del personale - la sala funzionerà per esami di emodinamica. Un periodo che servirà a valutare il grado di contaminazione durante gli interventi e predisporre le misure per garantire la totale sterilità, e quindi la possibilità di eseguire interventi di cardiochirurgia. In futuro inoltre non si esclude di rivedere la planimetria della sala, ampliandola e adattandola all'aumento delle tipologie e alla numerosità delle richieste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    19 Settembre @ 11.39

    TROPPA GENTE DA METTERE D' ACCORDO ! Qualcuno potrebbe dire . "troppi galli nel pollaio" . Alla "multidisciplinarietà" si finirà per arrivarci , ma è un cammino lastricato di ostacoli. Non li supereranno quelli che hanno fatto un "master" per ragionieri alla "Bocconi" . Comunque , inaugurare ripetutamente la stessa struttura è una prassi comune nelle pubbliche relazioni manageriali. Ogni volta si taglia un nastro , si posa una prima pietra ,si invita un ministro , si fa un rinfresco , si prendono a noleggio piante ornamentali da disporre lungo il percorso delle autorità . Ci sono opere pubbliche che sono state inaugurate cinque o sei volte.......................

    Rispondi

  • Nocciolina

    19 Settembre @ 09.41

    tipico lavoro all'italiana insomma.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

4commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria