crisi

"Se chiude il Verdi trenta persone saranno licenziate"

Il grido d'allarme di Piccinini della Uil Trasporti. Disagi anche per vigili del fuoco, doganieri e finanzieri, che però saranno ricollocati

Aeroporto Giuseppe Verdi

Aeroporto Giuseppe Verdi

Ricevi gratis le news
10

C’è una data segnata in rosso sul calendario di tutti i dipendenti della Sogeap, la società che gestisce l’aeroporto, ed è il 14 ottobre, giorno in cui si riunirà l’assemblea dei soci per decidere se mettere in liquidazione la società, decretando di fatto la fine dello scalo parmigiano. Se il «Giuseppe Verdi» dovesse chiudere «si rischia di perdere una ricchezza per la città», ripete in continuazione il presidente della Sogeap, Guido Dalla Rosa Prati, ma soprattutto c’è un rischio ancor più concreto ed immediato, dato dalla perdita di numerosi posti di lavoro. Sono una trentina i dipendenti diretti della società di gestione dello scalo che, il giorno dopo la messa in liquidazione della Sogeap, si troverebbero senza un lavoro.
«Per noi non ci sarebbero altre alternative rispetto al licenziamento», spiega in coro un gruppo di dipendenti, riuniti ieri mattina all’interno dello scalo per ricordare che al «Verdi» è impiegato personale altamente qualificato, che ha superato i rigidi controlli dell’Enac, e che una volta licenziato farebbe fatica a trovare una nuova collocazione, dato che le società di gestione aeroportuale sparse per l’Italia non hanno alcun obbligo di riassorbire i dipendenti di un qualsiasi aeroporto che chiude.
Ai dipendenti della Sogeap vanno poi aggiunti gli operatori della Segesta, una cooperativa di facchinaggio che opera al «Verdi», senza contare che circa 200 persone fra vigili del fuoco, poliziotti, doganieri, finanzieri e personale Enav della torre di controllo dovranno essere ricollocate in altri luoghi dai rispettivi corpi di appartenenza dopo aver lavorato per anni all’interno dello scalo.
«Sapevamo che c’erano difficoltà, ma la notizia della possibile messa in liquidazione della società è stata una vera e propria doccia fredda», commenta Fabio Piccinini, segretario generale Uil Trasporti Emilia, ieri mattina affiancato da una dozzina di dipendenti fra amministrativi, impiegati del settore tecnico e addetti all’area operativa.
«Senza negare le difficoltà – aggiunge – voglio però far notare che c’è uno scenario in divenire, dato dalle opportunità offerte da Expo 2015 e da una possibile saturazione dell’aeroporto di Linate. Questi sono fattori che un ipotetico investitore privato deve tenere in considerazione».
«Bisogna pensare l’aeroporto in termini di servizio per un intero territorio. Non bisogna limitarsi all’idea che deve produrre solo degli utili», aggiunge, prima di ricordare gli importanti risultati già raggiunti dal «Verdi» grazie agli sforzi della società e dei singoli lavoratori.
«Dopo anni di attesa l’Enac poco tempo fa ha dato la concessione ventennale alla società di gestione», ricorda, mentre qualche dipendente aggiunge che il rilascio di tale concessione era atteso da più di dieci anni.
In vista del 14 ottobre, la Prefettura è al lavoro per aprire un tavolo di crisi, ma se dovesse passare l’ipotesi della liquidazione, tutti gli sforzi fatti – sforzi che hanno portato lo scalo ad essere inserito nel piano strategico nazionale - andrebbero persi, e come sostengono i dipendenti in accordo col presidente Dalla Rosa Prati, «una volta chiuso, l’aeroporto sarebbe impossibile riaprirlo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Labandieraitaliana

    28 Settembre @ 21.50

    D'accordo con Pino i voli di Ryanair al Verdi funzionano benissimo sono utilizzati e casomai è il contorno che va migliorato. Una cosa intelligente sarebbe proporre al vettore inglese di affidare tutto l aeroporto levando dalle scatole spazio e impegno per voli marginali o privati. Se volassero anche altre 4-5 rotte in paesi europei lo scalo farebbe valanghe di euro e in poco tempo porterebbe nuovi posti di lavoro.

    Rispondi

  • Pino

    28 Settembre @ 18.59

    Stunense uno scalo che non va??? Mo co dit!!!??!!! I voli che ci sono sono sempre strapieni ed è per questo che i dipendenti non avranno la cassa integrazione perché deve essere giustificata da un calo di lavoro che al Verdi non c'è anzi!!!!

    Rispondi

  • Pino

    28 Settembre @ 18.08

    I dipendenti non avranno la CIG perché il lavoro non è diminutito ma aumentato!!!

    Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Settembre @ 10.07

    A ME , INVECE , piacerebbe che le pagasse chi , il "Verdi" , lo ha sabotato e lo sabota.

    Rispondi

  • stunese

    28 Settembre @ 09.58

    secondo me il presidente Prati pensa sopratutto al suo stipendio i poliziotti è finanzieri andranno a lavorare da un altra parte i 30 saranno messi in cig. ma di quanti soldi pubblici servono per tenere aperto uno scalo che non va è dopo 2015 siamo al solito dilemma quindi la radici bisogna reciderla subito

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

1commento

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

1commento

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Pochi disposti a tenere gli stili di vita sani necessari per donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

15commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

8commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

2commenti

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

afghanistan

Attaccata la sede di Save The Children: almeno 11 feriti

PIACENZA

Tenta di gettarsi dal ponte, i carabinieri lo salvano

1commento

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

operazione

Arrestato per riciclaggio il presidente Foggia Calcio

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video