10°

20°

Emilia-Romagna

I Comuni a Renzi: "No ai rifiuti da fuori regione per gli inceneritori"

L'inceneritore di Parma

L'inceneritore di Parma

Ricevi gratis le news
13

«No a flussi extra-regionali per inceneritori, sì a riduzione rifiuti, raccolta differenziata di qualità e recupero rifiuti»: lo scrivono in una lettera - al premier Matteo Renzi, al ministro Gianluca Galletti e alla Regione - i Comuni capoluogo dell’Emilia-Romagna e quelli sede di inceneritori, tra altri. Una lettera che, resa nota da diversi Enti locali, è fortemente critica verso l’art.35 del decreto Sblocca Italia che favorisce la libera circolazione dei rifiuti destinati ai termovalorizzatori.
Alla Regione, i Comuni chiedono di «impugnare» l’art.35 nel testo approvato dal Governo, sollevando «eccezioni di competenza, e di incompatibilità tra i commi 2 e 4 e i vincoli posti dal Piano Aria Integrato della Regione Emilia-Romagna.
A Governo e Parlamento sollecitano un piano nazionale di incentivi alla raccolta differenziata e agli impianti di recupero: «aumentare il riciclo del 15% - afferma l’assessore Alberto Bellini del Comune di Forlì - si traduce in una riduzione di costi diretti e indiretti pari a 600 milioni di euro ogni anno». Per l’assessore comunale all'Ambiente di Parma Gabriele Folli, «se tutti i Comuni seguissero il percorso di Parma al 2020 in regione resterebbe un solo inceneritore anziché gli otto attuali».

«In Emilia-Romagna - si legge nella lettera dei sindaci a Renzi - è in corso una radicale trasformazione», verso un sistema ragionale a partire da un «modello di auto-sufficienza provinciale» che «ha creato una ampia dotazione» di smaltimento, «sia attraverso discariche che inceneritori», realizzati con «scelte di forte impatto sociale ed economico» e «finanziati attraverso le tariffe» dalle multiutility che sono in larga parte di proprietà comunale o a maggioranza pubblica. 

«In questo quadro - si spiega - la proposta del Governo di programmare flussi di rifiuti sovra-regionali appare improponibile, se non è limitata a situazioni di emergenza o a fasi transitorie": i «flussi sovra-regionali» romperebbero «il delicato equilibrio tra responsabilità e premialità» nelle politiche locali. Inoltre l’art. 35 «promuove l’aumento della capacità degli impianti di incenerimento», i quali «richiedono una portata fissa di rifiuti», in «contraddizione con gli adempimenti delle direttive comunitarie e delle norme nazionali». Per i Comuni serve invece solo un «ritorno dell’investimento per gli impianti di incenerimento già realizzati. A livello europeo vi è un evidente sovra-dimensionamento degli impianti», con «una elevata competizione per l’approvvigionamento di rifiuti» che sono un combustibile degli impianti nel Nord Europa «per il teleriscaldamento e la produzione di energia».
Al Governo e ai parlamentari, i sindaci chiedono di «rimuovere l’art.35» e di «elaborare una legge per l’uso razionale delle risorse» che contenga: 1) analisi strategica di un sistema integrato di smaltimento rifiuti a scala europea. 2) Pianificazione degli impianti di smaltimento italiani prevedendo dismissioni e sostituzioni con impianti di recupero, sostenuti da incentivi diretti e indiretti. 3)Incentivi economici e fiscali per i territori con i migliori risultati in termini di riduzione frazione residua, e raccolta differenziata della frazione organica. 4) Riordino del sistema Conai, ponendo in capo al Governo la definizione dei contributi ambientali Conai (Cac), il cui valore dovrà essere inversamente proporzionale alla riciclabilità degli imballaggi immessi a consumo, in accordo alle più recenti certificazioni europee in materia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salamandra

    07 Ottobre @ 12.17

    Vercingetorige, il mio "democratico" era ironico!

    Rispondi

  • Alessandro

    07 Ottobre @ 11.32

    L'INCENERITORE AVREBBE UN SENSO SOLO SE FOSSE COLLEGATO AD UN TERMOVALORIZZATORE E FACESSE RISPARMIARE I CITTADINI CON LE BOLLETTE DEL GAS,GESTITO COSì E' SOLO FONTE DI GUADAGNO PER I SOLITI FURBETTI CHE HANNO INTERESSE A PRENDERE RIFIUTI ANCHE DAGLI ALTRI E SE NE FREGANO DI QUELLO CHE RESPIRIAMO

    Rispondi

  • Bastet

    07 Ottobre @ 11.20

    michele....ho un idea! vuoi il forno? fattelo mettere di fianco a casa,eh? facile parlare a favore del forno ....quando è vicino alle altrui case!

    Rispondi

  • Vercingetorige

    07 Ottobre @ 10.20

    RENZI NON E' PER NIENTE "DEMOCRATICO" , ed il comportamento prevaricatore che sta tenendo lo dimostra ogni giorno di più ! RENZI E' "DEMOCRISTIANO" , CHE E' TUTT' ALTRA COSA !

    Rispondi

  • stunese

    07 Ottobre @ 09.49

    intelligenti voi parmensi quando i vostri rifiuti andavano chi sa dove andava tutto bene ora che li avete in casa vostra non vi va bene vi lamentate è non date la colpa al sindaco ma a voi stessi che lo avete votato

    Rispondi

    • Alga

      07 Ottobre @ 12.07

      Caro amico, sempre a insultare i parmigiani. Da voi tutto bene? Avete imparato a fare la differnziata nel 2014 o continuate a lordare in giro? Guarda a casa tua che ne hai abbastanza ;-)

      Rispondi

    • Alga

      07 Ottobre @ 11.18

      Ciao Caro, intelligenti voi al sub che nel 2014 non avete ancora imparato a fare la differenziata! Vai al mare a giocare con le bandierine!!

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: si vota per la finale

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Garani è presidente del gruppo fotografico Obbiettivo Natura

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: