-5°

alluvione

Quelli che il fango

L'esercito dei giovani con le pale: un raggio di sole nella città sott'acqua

Angeli nel fango: un gruppo di ragazzi dopo la giornata di lavoro nella zona di Parma colpita dall'alluvione

Angeli nel fango: un gruppo di ragazzi dopo la giornata di lavoro nella zona di Parma colpita dall'alluvione

8

Arrivano incontro a gruppi, sorridenti e con le pale in mano, e viene in mente la mitica scena disneyana dei Sette nani di Biancaneve di ritorno dal lavoro.

Ma questo è un dramma, e per fortuna loro sono ben più di sette. E’ un inaspettato e straordinario incontro di fine pomeriggio, nella via Varese che inizia a respirare dopo essersi scrollata di dosso l’acqua che l’aveva trasformata in torrente: e mentre nel parco a fianco del Baganza, ridiventato tranquillo, i bambini sono tornati come prima alle altalene del parco giochi.

Da dove vengano tutti questi ragazzi, parmigiani e non, lo dicono i loro vestiti completamente inzaccherati. E che giornata sia stata, lo dicono i loro sorrisi. Sono stanchi, stanchissimi, ma accettano volentieri un breve supplemento di fatica per rispondere al cronista. Che non ha bisogno di aggiungere altro, alle loro immagini e alle loro parole, se non quel grazie che oggi dev’essere di tutta la città, per i suoi angeli dalla faccia sporca.

Quelli che il fango: I VISI E LE PAROLE: i video

L'universitaria di Torino

Dall'Università in gruppo

Da Venezia e da Lecce

"Capisci il dramma delle persone"

FOTOGALLERY

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Cristina

    17 Ottobre @ 22.25

    ... penso che i nostri giovani sono migliori di noi cinquantenni... ho visto mio figlio armarsi si stivali e badile e andare a ..dare una mano a persone che avevano bisogno, a pulire il suo vecchio asilo Stirone... senza sollecitarlo, ma motu propiu...e non era da solo, erano un piccolo grande esercito Grazie a questi ragazzi perchè ci dimostrano che sono meglio del nostro sindaco, che pur di pochi anni più vecchio di loro non è stato in grado di avere la forza di trasmettere un messaggio di solidarietà ma, con scarsa lungimiranza, ha affermato che i danni sono sicuramente superiori a quanto si sarebbe speso se fosse stata costruita la cassa di espansione sul Baganza. Spero che il buon Federico si renda conto di quanto era fuori luogo questa affermazione di fronte a persone che avevano perso praticamente tutto... Perchè esacerbare ulteriormente il clima? impari dai nostri ragazzi lo spirito di servizio e faccia mea culpa se non ha fatto qualcosa che avrebbe potuto fare Lui e non ha fatto. Per le polemiche e per le considerazioni politiche aspetti che le acque si siano ritirate e il fango (in parte da ascrivere alla classe politica a cui Lui appartiene) sia stato ripulito. Per ora ringraziamo il cuore di questi ragazzi che senza pensare a tornaconti o interessi ci hanno dimostrato cosa è la solidarietà, Grazie di cuore a ai nostri ragazzi con la speranza che siano riusciti a dare una mano a rimuovere il fango dalle strade ma ancor di più per averlo rimosso dai nostri occhi...

    Rispondi

  • Vercingetorige

    16 Ottobre @ 21.05

    NON SO SE E' VERO , ma mi hanno detto che nessuno vuole spalare davanti a Casa Pound . Io non sono sicuramente fascista , però .............potrebbero andarci gli stessi ragazzi di Casa Pound , se nessuno li insulta e li aggredisce......

    Rispondi

  • Celso Vassalini

    16 Ottobre @ 19.43

    Caro direttore, l'ultimissima tragedia alluvionale, ha fatto esplodere, come da copione, una dura polemica in tra gli esperti meteo delle varie agenzie ufficiali (ARPA, Regioni, Aeronautica, etc) e i loro colleghi dei siti meteo privati, che spopolano nel cyberspazio. Primi e secondi si arrogano il diritto di lanciare le allerte meteo, che in teoria spetterebbero ai primi, e puntano il dito su chi dovrebbe far eseguire tali allerte alla macchina della Protezione Civile. «I problemi sono ancora tutti lì dove li avevamo lasciati e non riguardano solo il reperimento delle risorse, ma soprattutto come spenderle: il rischio infatti è che si tirino fuori dai cassetti i progetti di vecchie opere, per cercare di contenere i corsi d'acqua. E' invece più che evidente che i nostri fiumi reclamano più spazio. Nel resto di Europa, ormai da due decenni, la politica di difesa del suolo si è orientata verso soluzioni che puntano a restituire ai fiumi il proprio spazio vitale, perché solo così è possibile raggiungere maggiore sicurezza per le popolazioni». Quello che mi ha colpito è stata la volontà che animava le persone e la battuta di alcuni ragazzi e ragazze noi siamo scout, e ci sentiamo orgogliosi di aver mantenuto la nostra promessa: di aiutare gli altri in ogni circostanza, di essere sempre pronti a servire. Hanno volti, nomi e storie i “ragazzi” e le “ragazze” come voi che in questo ottobre 2014, per le strade disastrate del nostro Paese, hanno mostrato ancora una volta la faccia migliore di noi italiani: quella decisa e generosa, solidale e capace di chi si rimbocca le maniche e fa la cosa giusta. L’hanno fatto spalla a spalla con tanti che “ragazzi” non sono più, ma non hanno perso la voglia e anche, sì, la buona rabbia necessaria per non farsi abbattere quando un torrente di acqua, di fango e di insipienza amministrativa, un’onda che tutto sembra travolgere ti rovina addosso e, dopo, sembra che non ci sia che da imprecare e da aspettare... Lo so, qualcuno dice che riconoscere a quelli come voi un merito e una dignità conquistati sul campo è puro esercizio di retorica, qualcun altro – che della retorica non ha paura (e neanche delle vostre risate) – vi chiama “angeli del fango”, altri ancora vi considerano più esibizionisti modaioli che buoni cittadini e non manca neppure chi sbotta dicendo che la notizia di cui bisogna occuparsi non sono le vostre mani pulite e utili, ma le mani sporche e inutili dei “demoni del fango” cioè di quanti hanno fatto la cosa sbagli

    Rispondi

    • Giovanni

      16 Ottobre @ 20.27

      La difesa del suolo deve essere orientata, solo, verso soluzioni che puntano a restituire ai fiumi,ai torrenti e a tutti i corsi d'acqua, il proprio alveo e prevedendo, anche, aree golenali dove, eventuali eccezionali piene, possano sfogarsi. Senza andare troppo lontani, facendo sempre paragoni con l'Europa, basti vedere cosa è stato fatto e con quali criteri, con mezzi scarsi e meno potenti di oggi, dal 1920 al 1950 circa. Poi??? Oggi è sotto gli occhi di tutti.

      Rispondi

  • Emiliano

    16 Ottobre @ 19.09

    Ma tutti quelli che vogliono integrarsi?dove sono?......ovviamente nei parchi ed in Pilotta a bere birre.

    Rispondi

    • Straziato

      17 Ottobre @ 10.37

      venga anche lei a spalare con noi e vedrà quante persone di ogni provenienza ci sono! Ma se rimane attaccato al pc oppure va a fare vasche in centro.....

      Rispondi

  • LaMicky

    16 Ottobre @ 12.05

    questi sono un BELLISSIMO esempio di come i ragazzi di oggi si armano di pale e vanghe e si danno da fare. tantissima stima e rispetto x voi ragazzi!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

1commento

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

2commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

1commento

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

2commenti

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Tg Parma

Alfieri: "Parma deve tornare ad essere la nostra casa"

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto