20°

36°

LA TESTIMONIANZA

Palalottici, "noi che abbiamo svuotato il mare con un bicchiere"

Palalottici, "noi che abbiamo svuotato il mare con un bicchiere"

Palalottici

Ricevi gratis le news
1

La testimonianza di una nostra collaboratrice, L.U., dall'alluvione.

Mi sono chiesta spesso, in questi giorni, come si possa essere parmigiani e non sentire il DESIDERIO di scendere in strada e andare, in un qualunque modo, a dare una mano a chi sta pagando il prezzo pesantissimo dell’alluvione del 13 ottobre. E soprattutto come si possa non sentire istintivamente il bisogno di fare parte di tutto quello che sta accadendo; e parlo delle centinaia di volontari che armati solo di stivali di gomma - alcuni nemmeno di quelli, ho visto ragazze con scarpe da ginnastica impermeabilizzate alla bell’e meglio con scottex e pellicola trasparente -, si sono semplicemente presentati dove c’era bisogno.
Questo “qualcosa” che si è mosso subito dopo l’alluvione, appena è stato chiaro cosa stava accadendo alla nostra città, non sarà forse un’esclusiva parmigiana - e poco importa il copyright - ma è talmente “grande” che basta guardarlo per un attimo negli occhi per commuoversi e volerne fare parte.
Là fuori sono in tanti. Tanti ragazzi, ma non solo. Vanno dove serve a fare quello che serve.
“Se non noi, chi dovrebbe farlo?”, mi ha detto uno di loro.
Io credo dovrebbero farlo tutti.
No. Mi correggo: dovrebbero avere voglia di farlo tutti. Basterebbe quello.
A me è successo così.
E’ successo che non riuscivo nemmeno a concepire l’idea di non fare nulla.
Così ho comprato un paio di stivali di gomma, ho preso un paio di guanti dal garage e mi sono diretta in via Po.
Lì c’è la pista di atletica del Lauro Grossi, letteralmente sommersa dall’alluvione: una delle strutture più colpite di tutta la città. A fianco, l’impianto “indoor” del Palalottici.
Conosco bene la pista, per diversi motivi.
E’ lì che ho scelto di andare. Volevo essere tra quei ragazzi. Volevo contribuire, anche se in minima parte, a restituire un impianto sportivo ai giovani della mia città.
Quando sono arrivata, mercoledì, la situazione era a dir poco scoraggiante. Eppure già era molto migliorata rispetto a due giorni prima. “Lunedì era un disastro”, dice chi l’ha vista appena dopo l’alluvione.
Entro al Palalottici. Cerco uno scopettone. Metto piede in quello che, fino a prima dell’alluvione, era il campo in parquet, dove si allenavano le ragazze del pattinaggio, i ragazzi del calcetto, della pallamano.
Il fango mi arriva a metà polpaccio.
Iniziamo a spalare, mi dico.
Prendo l’acqua da un angolo del campo e la accompagno verso la parte opposta, dove si trova la bocchetta per lo scolo.
Mi guardo intorno. Siamo davvero un piccolo esercito.
I ragazzi sorridono. Sono sporchi di fango ma sorridono. Con i loro zainetti in spalla e le pale improvvisate - qualcuno ha preso in prestito gli ostacoli dell’atletica, infondo è per una buona causa -, partono in riga, schierati uno a fianco all’altro, in tre, quattro, cinque. E spalano insieme, in formazione. Per spazzare via più fango possibile.
Sembrano quasi divertirsi. E forse è così. Quasi come fosse un gioco, anche se gioco non è. Forse più della fatica sentono l’entusiasmo per essere lì, si sentono utili e responsabili. E li sono davvero: utili e responsabili.
L’impressione è realmente quella di dover svuotare il mare con un dito, come ha detto qualcuno.
Al Palalottici, lunedì 13 ottobre, l’acqua è arrivata ad un metro e 20 centimetri d’altezza.
In parte è defluita, ma il resto è ancora lì, appesantita dal fango che è concentrato nella parte centrale del campo in parquet.
E più acqua e fango spali, più sembra essercene da togliere.
“Non ce la faremo mai” è il primo pensiero; quello che credo abbia attraversato per un attimo la mente di tanti.
E invece ce l’abbiamo fatta.
Poco prima di sera il campo centrale è quasi completamente asciutto. Lo strato di acqua e fango si è poco alla volta assottigliato fino a scomparire.
La pista di atletica che lo circonda non è più marrone. Il fango è stato spazzato via e sono tornati a farsi ammirare il blu e il verde delle corsie
Ci sarà tempo nei prossimi giorni per le rifiniture; per togliere ogni minima traccia dell’alluvione e far brillare anche l’ultimo rubinetto dell’ultimo spogliatoio.
Alle 18.30 il fango rimasto in pista è solo quello che abbiamo attaccato agli stivali.
Almeno per oggi, abbiamo vinto noi.
Ma domani si ricomincia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lucanoge

    20 Ottobre @ 18.44

    Bel pezzo complimenti..

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

4commenti

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

tg parma

Parma, Germoni: "Ottimo ritiro, devo conquistarmi il posto" Video

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

2commenti

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

gazzareporter

"Via Liani, cartoline da un giorno normale (tra i rifiuti)"

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Turku

Attacco in Finlandia, in tre accoltellano diverse persone

barcellona

Nuovo attacco con un'auto a Cambrils: uccisi cinque kamikaze. "Tre italiani feriti"

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti