10°

20°

LA TESTIMONIANZA

Palalottici, "noi che abbiamo svuotato il mare con un bicchiere"

Palalottici, "noi che abbiamo svuotato il mare con un bicchiere"

Palalottici

Ricevi gratis le news
1

La testimonianza di una nostra collaboratrice, L.U., dall'alluvione.

Mi sono chiesta spesso, in questi giorni, come si possa essere parmigiani e non sentire il DESIDERIO di scendere in strada e andare, in un qualunque modo, a dare una mano a chi sta pagando il prezzo pesantissimo dell’alluvione del 13 ottobre. E soprattutto come si possa non sentire istintivamente il bisogno di fare parte di tutto quello che sta accadendo; e parlo delle centinaia di volontari che armati solo di stivali di gomma - alcuni nemmeno di quelli, ho visto ragazze con scarpe da ginnastica impermeabilizzate alla bell’e meglio con scottex e pellicola trasparente -, si sono semplicemente presentati dove c’era bisogno.
Questo “qualcosa” che si è mosso subito dopo l’alluvione, appena è stato chiaro cosa stava accadendo alla nostra città, non sarà forse un’esclusiva parmigiana - e poco importa il copyright - ma è talmente “grande” che basta guardarlo per un attimo negli occhi per commuoversi e volerne fare parte.
Là fuori sono in tanti. Tanti ragazzi, ma non solo. Vanno dove serve a fare quello che serve.
“Se non noi, chi dovrebbe farlo?”, mi ha detto uno di loro.
Io credo dovrebbero farlo tutti.
No. Mi correggo: dovrebbero avere voglia di farlo tutti. Basterebbe quello.
A me è successo così.
E’ successo che non riuscivo nemmeno a concepire l’idea di non fare nulla.
Così ho comprato un paio di stivali di gomma, ho preso un paio di guanti dal garage e mi sono diretta in via Po.
Lì c’è la pista di atletica del Lauro Grossi, letteralmente sommersa dall’alluvione: una delle strutture più colpite di tutta la città. A fianco, l’impianto “indoor” del Palalottici.
Conosco bene la pista, per diversi motivi.
E’ lì che ho scelto di andare. Volevo essere tra quei ragazzi. Volevo contribuire, anche se in minima parte, a restituire un impianto sportivo ai giovani della mia città.
Quando sono arrivata, mercoledì, la situazione era a dir poco scoraggiante. Eppure già era molto migliorata rispetto a due giorni prima. “Lunedì era un disastro”, dice chi l’ha vista appena dopo l’alluvione.
Entro al Palalottici. Cerco uno scopettone. Metto piede in quello che, fino a prima dell’alluvione, era il campo in parquet, dove si allenavano le ragazze del pattinaggio, i ragazzi del calcetto, della pallamano.
Il fango mi arriva a metà polpaccio.
Iniziamo a spalare, mi dico.
Prendo l’acqua da un angolo del campo e la accompagno verso la parte opposta, dove si trova la bocchetta per lo scolo.
Mi guardo intorno. Siamo davvero un piccolo esercito.
I ragazzi sorridono. Sono sporchi di fango ma sorridono. Con i loro zainetti in spalla e le pale improvvisate - qualcuno ha preso in prestito gli ostacoli dell’atletica, infondo è per una buona causa -, partono in riga, schierati uno a fianco all’altro, in tre, quattro, cinque. E spalano insieme, in formazione. Per spazzare via più fango possibile.
Sembrano quasi divertirsi. E forse è così. Quasi come fosse un gioco, anche se gioco non è. Forse più della fatica sentono l’entusiasmo per essere lì, si sentono utili e responsabili. E li sono davvero: utili e responsabili.
L’impressione è realmente quella di dover svuotare il mare con un dito, come ha detto qualcuno.
Al Palalottici, lunedì 13 ottobre, l’acqua è arrivata ad un metro e 20 centimetri d’altezza.
In parte è defluita, ma il resto è ancora lì, appesantita dal fango che è concentrato nella parte centrale del campo in parquet.
E più acqua e fango spali, più sembra essercene da togliere.
“Non ce la faremo mai” è il primo pensiero; quello che credo abbia attraversato per un attimo la mente di tanti.
E invece ce l’abbiamo fatta.
Poco prima di sera il campo centrale è quasi completamente asciutto. Lo strato di acqua e fango si è poco alla volta assottigliato fino a scomparire.
La pista di atletica che lo circonda non è più marrone. Il fango è stato spazzato via e sono tornati a farsi ammirare il blu e il verde delle corsie
Ci sarà tempo nei prossimi giorni per le rifiniture; per togliere ogni minima traccia dell’alluvione e far brillare anche l’ultimo rubinetto dell’ultimo spogliatoio.
Alle 18.30 il fango rimasto in pista è solo quello che abbiamo attaccato agli stivali.
Almeno per oggi, abbiamo vinto noi.
Ma domani si ricomincia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lucanoge

    20 Ottobre @ 18.44

    Bel pezzo complimenti..

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrata la pizzeria «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrata la pizzeria «Arte&Gusto»

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

RUGBY

Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro