20°

Parma

Giudici di pace, poco personale e boom di cause: «Siamo al collasso»

Giudici di pace, poco personale e boom di cause: «Siamo al collasso»
Ricevi gratis le news
0

 Georgia Azzali

Hanno l'impressione di essere considerati giudici di serie B, più che onorari.  E forse hanno qualche  ragione per  pensarlo.   Sono pochi, pochissimi, rispetto ai procedimenti  che continuano ad aumentare. Con l'introduzione del reato di clandestinità, poi,  la situazione rischia di diventare esplosiva. «A Parma siamo al  collasso», dice senza troppi giri di parole il coordinatore Ciriaco Colella.
Sono i numeri a fotografare una realtà che anche a  livello  locale è allarmante: tre giudici  sono in scadenza di mandato il prossimo novembre e sperano in una riconferma, ma  altri tre  - se nel frattempo non cambierà   la legge - dovranno lasciare l'incarico  il prossimo aprile perché,  arrivati al terzo mandato, dopo 12 anni complessivi,   non possono continuare.  Un altro giudice, poi, arriverà a fine corsa nell'aprile  2011.  «L'organico previsto per l'ufficio di Parma è di 20, ma gli effettivi sono 12 - spiega Colella -. E' chiaro, quindi,  che già con otto persone in meno lo sforzo è notevole, ma se poi anche questi 12 caleranno, la situazione sarà  insostenibile». 
Fino a ieri non si è svolto  alcun  processo a carico di  clandestini. Ma il pacchetto sicurezza è entrato in  vigore sabato scorso, e i primi casi sono destinati ad arrivare  a breve. Tuttora, però,  negli uffici mancano circolari interpretative e applicative della  nuova legge. E i dubbi non mancano. «Quando la competenza era del giudice monocratico, la convalida doveva avvenire entro 48 ore, ma ora? - si chiede Maria Cristina Lottici, giudice di pace di turno in questi giorni -. Al di là di questa nuova legge, comunque, le competenze sono cresciute anche in materia civile.  Noi giudici di pace, però, siamo lavoratori precari a tutti gli effetti e pagati a cottimo: invece di fare gli avvocati o altre professioni, abbiamo investito in questo lavoro, e dopo 12 anni veniamo messi fuori, oltre a non percepire uno stipendio fisso, perché siamo remunerati in base al  numero di sentenze, atti e udienze che facciamo».     
Oltre 7.300 procedimenti - tra civile e penale - definiti tra il 1°  luglio 2008 e  il 30 giugno 2009, mentre nello stesso periodo sono rimaste pendenti   2.098 cause civili  e 214 penali a dibattimento. Numeri in crescita rispetto agli stessi dodici mesi  compresi tra il 2007 e il 2008, con i procedimenti penali definiti a dibattimento  che si sono più che raddoppiati, passando da 111 a 239.  In  aumento anche i ricorsi contro le espulsioni: quelli definiti sono stati 79 tra luglio 2008 e giugno 2009,  contro i 68 dello stesso periodo tra il 2007 e il 2008.  Ma il vero incremento  deve ancora arrivare, perché nei prossimi mesi comincerà a farsi sentire non solo il carico dei processi per clandestinità  ma soprattutto   quello creato dalle nuove competenze in materia civile: il valore delle cause  si è praticamente  raddoppiato,  passando a 5.000 euro per quanto riguarda i beni mobili. 
S'ingrossa il civile,   mentre il penale - seppure con numeri più contenuti - richiede competenze sempre più specifiche. «Ho programmato di istituire una sezione penale, con tre giudici dedicati - spiega Colella -. Il consiglio giudiziario ha già espresso parere favorevole, tuttavia non credo si potrà partire a settembre-ottobre. Avevo infatti pensato di collocare la sezione al primo piano dell'edificio, nei locali lasciati liberi dal tribunale nei mesi scorsi:  al momento, infatti,  gli affari penali vengono trattati al quarto piano, raggiungibile solo con la scala interna al condominio, dalla quale chiunque può passare, e senza impianto di condizionamento. Per ora, però, il trasferimento al primo piano è impossibile, perché non è stata ancora trovata una sistemazione per arredi e archivi del tribunale tuttora nei locali al primo piano». 
Insomma, pochi giudici e spazi inadeguati. Anche per «colpa» di  qualche armadio che - per ora - non può sloggiare. 
 E forse hanno qualche  ragione per  pensarlo.   Sono pochi, pochissimi, rispetto ai procedimenti  che continuano ad aumentare. Con l'introduzione del reato di clandestinità, poi,  la situazione rischia di diventare esplosiva. «A Parma siamo al  collasso», dice senza troppi giri di parole il coordinatore Ciriaco Colella.
Sono i numeri a fotografare una realtà che anche a  livello  locale è allarmante: tre giudici  sono in scadenza di mandato il prossimo novembre e sperano in una riconferma, ma  altri tre  - se nel frattempo non cambierà   la legge - dovranno lasciare l'incarico  il prossimo aprile perché,  arrivati al terzo mandato, dopo 12 anni complessivi,   non possono continuare.  Un altro giudice, poi, arriverà a fine corsa nell'aprile  2011.  «L'organico previsto per l'ufficio di Parma è di 20, ma gli effettivi sono 12 - spiega Colella -. E' chiaro, quindi,  che già con otto persone in meno lo sforzo è notevole, ma se poi anche questi 12 caleranno, la situazione sarà  insostenibile». 
Fino a ieri non si è svolto  alcun  processo a carico di  clandestini. Ma il pacchetto sicurezza è entrato in  vigore sabato scorso, e i primi casi sono destinati ad arrivare  a breve. Tuttora, però,  negli uffici mancano circolari interpretative e applicative della  nuova legge. E i dubbi non mancano. «Quando la competenza era del giudice monocratico, la convalida doveva avvenire entro 48 ore, ma ora? - si chiede Maria Cristina Lottici, giudice di pace di turno in questi giorni -. Al di là di questa nuova legge, comunque, le competenze sono cresciute anche in materia civile.  Noi giudici di pace, però, siamo lavoratori precari a tutti gli effetti e pagati a cottimo: invece di fare gli avvocati o altre professioni, abbiamo investito in questo lavoro, e dopo 12 anni veniamo messi fuori, oltre a non percepire uno stipendio fisso, perché siamo remunerati in base al  numero di sentenze, atti e udienze che facciamo».     
Oltre 7.300 procedimenti - tra civile e penale - definiti tra il 1°  luglio 2008 e  il 30 giugno 2009, mentre nello stesso periodo sono rimaste pendenti   2.098 cause civili  e 214 penali a dibattimento. Numeri in crescita rispetto agli stessi dodici mesi  compresi tra il 2007 e il 2008, con i procedimenti penali definiti a dibattimento  che si sono più che raddoppiati, passando da 111 a 239.  In  aumento anche i ricorsi contro le espulsioni: quelli definiti sono stati 79 tra luglio 2008 e giugno 2009,  contro i 68 dello stesso periodo tra il 2007 e il 2008.  Ma il vero incremento  deve ancora arrivare, perché nei prossimi mesi comincerà a farsi sentire non solo il carico dei processi per clandestinità  ma soprattutto   quello creato dalle nuove competenze in materia civile: il valore delle cause  si è praticamente  raddoppiato,  passando a 5.000 euro per quanto riguarda i beni mobili. 
S'ingrossa il civile,   mentre il penale - seppure con numeri più contenuti - richiede competenze sempre più specifiche. «Ho programmato di istituire una sezione penale, con tre giudici dedicati - spiega Colella -. Il consiglio giudiziario ha già espresso parere favorevole, tuttavia non credo si potrà partire a settembre-ottobre. Avevo infatti pensato di collocare la sezione al primo piano dell'edificio, nei locali lasciati liberi dal tribunale nei mesi scorsi:  al momento, infatti,  gli affari penali vengono trattati al quarto piano, raggiungibile solo con la scala interna al condominio, dalla quale chiunque può passare, e senza impianto di condizionamento. Per ora, però, il trasferimento al primo piano è impossibile, perché non è stata ancora trovata una sistemazione per arredi e archivi del tribunale tuttora nei locali al primo piano». 
Insomma, pochi giudici e spazi inadeguati. Anche per «colpa» di  qualche armadio che - per ora - non può sloggiare. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

2commenti

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

1commento

RUGBY

Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

1commento

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

5commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

7commenti

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

3commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

2commenti

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro