12°

23°

Parma

10 e lode a "Soleluna"

10 e lode a "Soleluna"
Ricevi gratis le news
0

 Comunicato stampa

Per il secondo anno consecutivo la scuola comunale dell’infanzia “Soleluna” ha ottenuto il marchio di qualità ambientale “10 e lode”, nell’ambito di un progetto promosso da Legambiente Emilia - Romagna e dal Centro Italiano di Ricerca ed Educazione Ambientale (CIREA) dell’Università di Parma.
Il progetto si rivolge a tutte le scuole impegnate in iniziative e progetti che hanno come sfondo l’educazione ambientale, con la finalità di integrare in una visione più ampia le diverse attività che caratterizzano le proposte elaborate nel contesto scolastico.
“Scuola 10 e lode” intende offrire occasioni per rendere visibile il lavoro delle singole scuole, troppo spesso destinato a rimanere confinato nell’ambito delle stesse.
I percorsi, le idee, i progetti che hanno vita nelle scuole vengono valorizzati attraverso l’attribuzione di un marchio di qualità ambientale, che intende mettere in rilievo oltre all’educazione ambientale anche i concetti portanti dell’educazione alla sostenibilità (senso del limite, complessità, partecipazione, cittadinanza attiva…).
Il percorso che permette di ottenere la certificazione inizia con la compilazione di un audit, in cui vengono individuate le criticità della scuola in merito ad alcune voci significative (rifiuti, risparmio energetico, biodiversità, tutela dell’ambiente...). In seguito, vi è l’impegno a migliorare attraverso azioni concrete e misurabili lo stato delle cose (ad esempio: riduzione dei rifiuti, incremento delle forme di biodiversità...) solo la verifica finale condotta dai membri di un’apposita commissione permette di verificare se tali azioni hanno portato effettivamente a un miglioramento delle prestazioni, il cui raggiungimento permette di vedersi attribuito il marchio di certificazione.
La volontà di aderire al progetto di “Scuola 10 e lode” si è inserita nel percorso didattico degli ultimi anni, quando la scuola “Soleluna” ha iniziato a riflettere sui temi del risparmio energetico e delle fonti di energia rinnovabile.
Da più di 6 anni, infatti, la scuola porta avanti temi legati al rispetto dell’ambiente e alla tutela del patrimonio che ci circonda, negli incontri di formazione, nel dialogo con le famiglie, nei gruppi di lavoro e soprattutto nella esperienza quotidiana con i bambini.
Le azioni su cui la scuola si è impegnata nell’anno scolastico 2007/2008 hanno previsto un forte coinvolgimento del territorio, oltre alla riduzione dei rifiuti e alla attivazione della settimana del Piedibus, in cui sono state dedicate giornate intere al camminare lento e al trasporto ecologico, grazie anche alla collaborazione dei genitori.
Il progetto è stato condotto insieme con l’Istituto Toscanini di Parma, che già dallo scorso anno ha aderito al progetto portando avanti preziose esperienze anche con i bambini e le insegnanti della scuola elementare.
Azioni intraprese per il miglioramento della qualità ambientale della scuola
Rifiuti. L’impegno di ridurre il numero dei rifiuti è stata una priorità anche di questo anno scolastico. Si ragiona quotidianamente con i bambini sul contenimento dei rifiuti e sulla necessità di non sprecare le risorse. Per questo si cerca di abituare i bambini a riutilizzare fogli di carta usati o usati solo in parte, cercando di abituarli anche a consumare poca carta per asciugarsi le mani nel momento in cui autonomamente si recano in bagno. Si è fatta attenzione a ri-utilizzare i fogli di carta impiegati per l’attività didattica e a rifornire la scuola di risme di carta riciclata oltre ad utilizzare contenitori per la raccolta differenziata nelle sezioni. Inoltre nella scuola è stato collocato un contenitore per raccolta di cartucce usate e toner stampanti, punti di raccolta non solo per il personale della scuola ma anche per le famiglie che la frequentano.
Risorse idriche. Si è cercato di promuovere l’uso razionale e consapevole delle risorse idriche, collocando nei bagni delle sezioni sciacquoni a flusso differenziato nei servizi igienici e riduttori di flusso nei rubinetti.
L’acqua avanzata quotidianamente dai pasti viene inoltre riutilizzata per innaffiare l’orto presente nella scuola.
Si è cercato infine con le famiglie di sostenere l’utilizzo di acqua del rubinetto anche nell’alimentazione quotidiana, essendone accertati i controlli e la qualità.
Trasporti e mobilità. Occorre premettere che l’età dei bambini (3/6 anni) non permette loro un’autonomia di spostamento nel tragitto casa-scuola, per cui i bambini sono accompagnati dai genitori, che utilizzano prevalentemente la macchina, lasciandola a volte anche con il motore acceso davanti al cancello della scuola. Per questo l’impegno si è concentrato soprattutto nei confronti delle famiglie sollecitandole ad un uso intelligente dell’auto. E’ stata realizzata un’indagine sui bisogni e le abitudini agli spostamenti dei genitori che frequentano la scuola, al fine di avviare insieme possibili riflessioni su come modificare alcuni comportamenti e tutelare l’ambiente.
Si sono organizzate nel corso degli anni feste in quartiere per rivalutare aree verdi raggiunte attraverso camminate, chiusura di alcune strade per giocare. Con i bambini si cerca di utilizzare almeno una o due volte l’anno l’autobus per uscite e per far loro conoscere questo mezzo di trasporto. Inoltre, grazie alla collaborazione dei genitori è stata realizzata, nel mese di maggio, la settimana del trasporto sostenibile privilegiando l’utilizzo della bicicletta e organizzando dei veri e propri punti di raccolta e di riunione nel quartiere per accompagnare i bambini a piedi a scuola in una sorta di Piedibus auto-organizzato.
Area di pertinenza della scuola. La valorizzazione degli spazi verdi continua ad essere uno dei principali obiettivi della metodologia di lavoro del modo di far scuola.
Tutti i progetti realizzati dal 2001 ad oggi, incentrati su tematiche ambientali hanno avuto tra gli obiettivi la riorganizzazione e valorizzazione del giardino della scuola.
Lo spazio esterno è diventato nell’attività didattica a scuola un territorio vissuto. Attraverso il metodo della ricerca, azione e ascolto delle idee e dei vissuti dei bambini il giardino si è arricchito nel tempo di zone diversificate che si sono arricchite di nuovi significati (orto, frutteto, erbe officinali, etc…)
I bambini nel tempo hanno imparato a valorizzare gli spazi esterni e a riconoscere la ricchezza delle forme e degli elementi presenti in natura.
Nello scorso anno scolastico sono stati misurati i campi magnetici causati dalla presenza di un elettrodotto sulla scuola, che sono risultati essere circoscritti entro i limiti della normativa. L’orto, il frutteto e il giardino delle piante officinali sono altrettanti esempi di prodotti concreti realizzati.
La scuola e il territorio. Il progetto didattico del corrente anno scolastico è stato fortemente centrato sulla relazione scuola-territorio, dal momento che si svolge in collaborazione con due istituti comprensivi del quartiere (I.T.C. Micheli e Toscanini) e con il Quartiere San Leonardo.
Si sono inoltre svolte uscite al Parco Ducale, all’Orto Botanico, ai Boschi di Carrega, con l’obiettivo di rendere il territorio un’aula didattica a tutti gli effetti.
Il territorio è una fonte di esplorazione e di esperienza preziosa, inteso come possibilità di incontro di persone e di ambienti diversi. I bambini hanno fatto esperienza dell’ambiente che li circonda attraverso il coinvolgimento di un personaggio guida “Violetta”, damigella che cura le serre del giardino di Maria Luigia. Grazie a lei hanno avuto la possibilità di immergersi nella storia, nei profumi, nei colori della corte, in un’epoca senza traffico e smog, recuperando il tempo lento della cura e il valore dell’estetica come tramite alla conoscenza.
Questa parte del progetto ha portato la scuola a moltiplicare le uscite e le occasioni di incontro con il territorio anche con le scuole di diverso ordine e grado. I bambini sono diventati custodi del territorio recuperando con i loro disegni, le loro foto e considerazioni le tracce del loro passaggio.
Biodiversità. La scuola dell’infanzia è una realtà che nelle sue molteplici differenze (bambini di età diverse, di diversa provenienza culturale, età e generi differenti) è ben rappresentativo del concetto di biodiversità a questo si aggiunge la progettazione pedagogico-didattica che da più di 5 anni, occupandosi di educazione ambientale, ha sempre sostenuto i bambini nella ricerca della molteplicità delle forme di vita esistenti in natura, valorizzando le diversità di genere, di culture, fisiche, personali.
Attraverso percorsi educativi centrati sull’identità e la memoria si è cercato costantemente di costruire la personalità dei bambini valorizzando e condividendo storie e vissuti personali.
I personaggi che hanno accompagnato e che continuano ad accompagnare i bambini lungo i sentieri della conoscenza, con le loro storie reali e fantastiche sono stati Il piccione Gedeone, uno dei tanti visitatori del giardino, la rondine Nerina, la farfalla Lalla che cerca casa in città, il Ginko che si trova nel cortile della scuola, la talpa Cesira, la famiglia Energia e da quest’anno Violetta, che ha avuto il difficile compito di guidare i bambini alla scoperta del territorio e della natura e dei colori presenti anche in città.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

AUTOVELOX

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

Lealtrenotizie

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

Trasporto pubblico

Autobus: accolto dal Tar il ricorso Tep

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Solomon incapace di intendere e di volere

1commento

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Regione

Chiusura centri vaccini di Colorno, Salso, Fidenza e Busseto, protesta FdI-An

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

1commento

ITALIA/MONDO

Catalogna

Due leader indipendentisti arrestati per sedizione

BUSTO ARSIZIO

La ventenne scomparsa si chiama Dafne Di Scipio. Aperto un fascicolo

SPORT

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SERIE B

Parma, bisogna cambiare rotta

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel