12°

Parma

Città di Parma, l'operaio ustionato in coma farmacologico rimane gravissimo

Città di Parma, l'operaio ustionato in coma farmacologico rimane gravissimo
Ricevi gratis le news
0

Restano stazionarie, e quindi gravissime le condizioni di Leonardo Carrara, l'artigiano 50enne che risiede in via Montanara e che ieri è rimasto ustionato nel 90 % del corpo per l'incendio alla Città di Parma. L'uomo è ricoverato in Rianimazione ed è in coma farmacologico, dopo che ieri era stato sottposto ad un intervento d'urgenza da parte di una equipe della Chirurgia plastica.
E' stato invece sottoposto questa mattina ad intervento chirurgico il paziente che ieri, proprio al momento dell’incendio, stava per entrare in sala operatoria nella clinica privata parmigiana. L’intervento al setto nasale si è svolto senza complicazioni, nonostante la doppia anestesia nell’arco di poche ore a cui l’uomo è stato sottoposto, ed ha avuto esito positivo. Delle venti persone rimaste intossicate resta in osservazione nel reparto di Medicina d’Urgenza una operatrice sanitaria della clinica. Le sue condizioni non destano preoccupazione e molto probabilmente sarà dimessa già nella giornata di domani.

LA CRONACA DELL'INCENDIO DI IERI

Un incendio alla casa di cura Città di Parma di piazzale Maestri è scoppiato intorno alle 9,30 per cause ancora da accertare. Dalle prime informazioni, sembra che tutto sia partito da una sala vicina a un ponteggio esterno al secondo piano della struttura, dove stava lavorando un operaio. L'uomo, di 50 anni, che è uscito dalla stanza sulle proprie gambe gettandosi poi in una fontana, è rimasto gravemente ustionato (le ustioni sono sul 90% del corpo) ed è stato ricoverato in Rianimazione. Altre 19 persone sono rimaste ferite, per escoriazioni non gravi o lievi intossicazioni e sono state trasferite all'ospedale Maggiore. Tre di queste sono state trattate per le ustioni, 17 per intossicazione (tra dipendenti, operai e pazienti della clinica). Per la maggior parte di loro sono previste le dimissioni entro il pomeriggio. Intanto le forze dell’ordine hanno messo i sigilli a tutto il  reparto posto sul piano dove è divampato il rogo. Sul posto  anche alcuni funzionari dell’ispettorato del lavoro. Le indagini  sono coordinate dal pm Francesco Gigliotti.

L'operaio stava lavorando con la maschera, ma aveva avvertito i compagni di uscire dalla stanza perché era consapevole della pericolosità del lavoro che stava svolgendo. Doveva infatti  impermeabilizzare il pavimento della sala e stava utilizzando materiale  facilmente infiammabile. La porta chiusa della stanza ha  favorito l’accumulo di gas che una scintilla o l’esplosione  della lampada da lavoro ha fatto esplodere, investendo  l'operaio. In quel momento, erano in corso tre interventi. Pare che di gravi danni alla struttura non ce ne siano, salvo che per la stanza  in questione. Piazzale Maestri è stato chiuso al traffico per qualche ora.

Sul posto sono arrivati il sindaco di Parma Pietro Vignali, la senatrice Albertina Soliani e il prefetto Paolo Scarpis. Di quanto accaduto alla Città di Parma si è discusso anche in Consiglio comunale.

GLI INTERVENTI IN CONSIGLIO COMUNALE. Aprendo la seduta, il presidente Elvio Ubaldi ha rivolto «al ferito e alle persone rimaste intossicate i migliori auguri. Senza voler esprimere giudizi, segnaliamo ancora a tutti la necessità di interventi precisi per la sicurezza delle persone sul lavoro». Il sindaco Pietro Vignali è rientrato in municipio dalla visita alle persone ricoverate a seguito dell'incendio. Il primo cittadino rivolge a loro e alle famiglie i propri auguri e precisa che “quest’incidente sul lavoro non riguarda l’attività della casa di cura, ma una ristrutturazione”. "Desidero esprimere il ringraziamento mio e della comunità che rappresento – ha detto oggi Vignali – a quanti si sono prodigati anche a rischio della loro incolumità fisica a prestare aiuto ai degenti della clinica durante l’incendio e nelle fasi immediatamente successive. Non parlo solo della Croce Rossa e della Pubblica Assistenza, delle forze dell’ordine, vigili del fuoco, Polizia municipale, ma anche del personale medico, infermieristico e semplici dipendenti della clinica. Li ho incontrati al Pronto soccorso, sono perlopiù queste le persone ricoverate al Maggiore per intossicazione. Ho parlato con addetti alla manutenzione, impiegati della clinica: nessuno ha pensato a mettersi al sicuro, tutti si sono buttati in una spessa coltre di fumo nero per aiutare altre persone, degenti, anziani. Se la tragedia di oggi, che vede comunque una persona in gravi condizioni, non ha conosciuto un bilancio ancora più grave è soprattutto merito loro. Stanno tutti meglio – ha fatto sapere Vignali – e tra oggi e domani saranno dimessi dall’ospedale. Penso sia doveroso ringraziarli a nome di tutta la città

Massimo Moine (Alleanza Nazionale), che svolge la sua attività professionale proprio nella casa di cura Città di Parma, commenta che, «come giustamente già detto, l’incidente si è verificato all’esterno. Sono ricoverate al Pronto soccorso soprattutto persone che si sono impegnate nei soccorsi, evitando una vera e propria tragedia». Sullo stesso argomento intervengono Vescovi (Partito Democratico), Biacchi (Italia dei Valori), Ablondi (Rifondazione) e La Mantia e Zannoni (Per Parma con Ubaldi): tutti si uniscono alle espressioni di solidarietà ed auspicano che il tema del sicurezza sia affrontato in modo serio e rigoroso da chi di dovere.A  fronte del grave incidente sul lavoro verificatosi in data odierna presso la casa di cura “Città di Parma”, i sindacati confederali CGIL CISL UIL intervengono per denunciare il fatto che la sicurezza è oggi problema centrale che va affrontato con grande serietà, rappresentando un’autentica emergenza.

"LA SICUREZZA SUL LAVORO E' UN PROBLEMA CENTRALE". Sull'incendio nella casa di cura intervengono anche i sindacati con una nota congiunta. "In attesa di conoscere con esattezza lo svolgimento dei fatti, ritenendo nello stesso tempo che  spesso la sottovalutazione dei rischi si mescola a fattori di fatalità - dice una nota di Cgil, Cisl e Uil - ci si rammarica che ancora una volta un lavoro pericoloso si sia tradotto in un ferito gravissimo e oltre una decina di feriti più lievi ma che, comunque, hanno pagato le conseguenze di ciò che è successo. Cgil, Cisl e Uil di Parma, che hanno varato nei giorni scorsi la piattaforma territoriale sulla sicurezza sul lavoro, ribadiscono la necessità di aprire una stagione di rilancio delle iniziative a favore della sicurezza attraverso una maggiore cultura e sensibilità dei diversi attori coinvolti, tali da portare in tempi brevi ad una sostanziale diminuzione degli infortuni nei luoghi di lavoro. Questo a maggior ragione deve valere per i luoghi di degenza. Cgil, Cisl e Uil esprimono solidarietà a tutti i lavoratori coinvolti nell’incidente presso la casa di cura Città di Parma auspicando per ognuno di loro una rapida guarigione".

ANCHE BERNAZZOLI VISITA I FERITI.  “Voglio testimoniare la vicinanza delle istituzioni a queste persone e alle loro famiglie”. Così il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, che nel pomeriggio di oggi, accompagnato dal direttore sanitario dell’azienda ospedaliero-universitaria Luca Sircana, ha fatto visita ai feriti del tragico incidente alla Casa di cura Città di Parma. “È sempre bene che le istituzioni ci siano e stiano al fianco delle persone che vivono momenti di grande delicatezza come questo. Ho voluto rappresentare a queste persone e alle loro famiglie la vicinanza della Provincia e della Conferenza territoriale sociale e sanitaria, che anche in questo momento difficile vogliono far sentire la loro solidarietà. Un altro incidente sul lavoro: sono cose che non dovrebbero più succedere ma che purtroppo continuano ad accadere. Tutto ciò deve richiamare l’attenzione di tutti: serve un impegno corale perché questo grande problema della nostra società possa essere risolto”.

Sulla Gazzetta di Parma di oggi le testimonianze di chi ha vissuto quei momenti drammatici

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS