22°

Parma

Le Frecce Tricolori e le pretese della Libia

Ricevi gratis le news
0

Giuliano Molossi

Non so se vi sia mai capitato di assistere ad una esibizione delle Frecce Tricolori. E' un'esperienza emozionante. Non si può non provare un brivido davanti alla straordinaria bravura dei piloti della nostra pattuglia acrobatica, la più numerosa e più prestigiosa del mondo, è impossibile non restare incantati dalla perfezione delle loro evoluzioni. E quando dagli aerei escono i fumogeni tricolori non si può fare a meno di battere le mani e di inorgoglirsi, da italiani, per questi ragazzi che nei cieli di tutto il mondo portano un messaggio di pace e di fratellanza.
In occasione dei festeggiamenti per i 40 anni del regime libico, il colonnello Gheddafi ha invitato le Frecce a esibirsi nei cieli di Tripoli. C'è stata qualche polemica, presto sopita, per l'opportunità di accettare l'invito da un dittatore che viola i diritti umani, che non più tardi di ieri è tornato ad accusare Israele di tutte le nefandezze possibili, che ha ospitato con tutti gli onori alla manifestazione due personaggi come il presidente del Sudan, quell'Omar Bashir inseguito da un mandato di cattura internazionale per crimini di guerra e contro l'umanità in Darfur e il capo riconosciuto dei pirati somali che assalta le navi per chiedere riscatti milionari. E chissà se in tribuna c'era anche l'ex 007 libico condannato all'ergastolo per l'attentato di Lockerbie (il Boeing 747 della Pan-Am con 270 persone esploso in volo per una bomba) estradato in Libia dal governo scozzese per motivi umanitari.
Comunque, superato qualche comprensibile imbarazzo, le Frecce sono andate a Tripoli in segno di omaggio e amicizia verso il popolo libico e si sono preparate alla loro esibizione. Ma, inspiegabilmente, per due volte, dopo che gli aerei avevano già acceso i motori, le prove generali sono state annullate.
Solo qualche ora più tardi si è appreso l'assurdo motivo del rinvio. La Libia pretendeva che i fumogeni non fossero tricolori, ma solo verdi, in omaggio al colore nazionale libico. Cose da non credere. Sarebbe come se, in un'esibizione ad Atene, il governo greco chiedesse i fumogeni bianchi e azzurri o in una a Vienna gli austriaci li volessero bianchi e rossi.
Bisognerebbe spiegare al colonnello Gheddafi e ai suoi zelanti collaboratori che le Frecce Tricolori non sono un fenomeno da baraccone, pronte a divertire il dittatorello di turno e ad assecondare i suoi capricci, ma sono, e non da ieri ma dal 1961, la pattuglia acrobatica italiana, vanto del Paese. E i colori della bandiera italiana sono il bianco, il rosso e il verde. Pertanto i fumogeni non possono che essere questi. Così è stato e così sarà in ogni parte del mondo.
Il tiraemolla è continuato sino a ieri pomeriggio. Per fortuna Berlusconi, il ministro della Difesa, La Russa, e il comandante della pattuglia acrobatica, colonnello Massimo Tammaro, hanno respinto al mittente la ridicola pretesa libica dicendo che le Frecce avrebbero volato con il fumo tricolore o sarebbero tornate a casa. Ci mancava solo che l'aeronautica militare italiana cedesse a un ricatto del genere, venendo meno alla propria dignità.
Alle tre del pomeriggio l'ambasciatore libico a Roma, Abdulhafed Gaddur, ha comunicato che le Frecce si sarebbero esibite con il tricolore, aggiungendo che la Libia non aveva mai opposto un divieto del genere e che solo persone irresponsabili e non autorizzate avevano diffuso la voce di una richiesta del solo fumo verde in onore della bandiera libica.
Peccato che solo poche ore prima il comandante della pattuglia aveva riferito ai giornalisti di aver avuto l'ennesimo invito informale, da parte dei libici, di esibirci con la sola fumata verde: «Ho risposto che siamo italiani e siamo orgogliosi di donare loro la cosa più bella che abbiamo che è il nostro tricolore».
Sarà stata anche una richiesta informale, non su carta da bollo, non con la firma del colonnello Gheddafi, ma c'è stata. E non è solo ridicolo, ma è anche grave, che ciò sia potuto accadere.
Se Gheddafi vuole vedere volare gli aerei con i colori della rivoluzione libica si faccia la sua pattuglia personale. I mezzi non gli mancano. Sono certo che i nostri piloti saranno anche disposti a dargli qualche buon consiglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

9commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Economia

Rinnovato il contratto tra Number1 logistics Group e Barilla

"Obiettivi aziendali ma anche condivisione di valori"

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»