11°

17°

Parma

Influenza A: donna ricoverata al Maggiore

Influenza A: donna ricoverata al Maggiore
Ricevi gratis le news
2

C'è un altro paziente parmigiano, affetto dall'influenza A, ricoverato al Maggiore per le complicanze del virus. Si tratta di una donna di 36 anni, residente in città e di origine indiana (ma non ha contratto il virus all'estero), che si è presentata al Pronto soccorso nella notte fra martedì e mercoledì scorso con febbre alta, oltre i 38 gradi. I raggi x al torace hanno evidenziato un focolaio broncopneumonico e i medici - contrariamente al caso del giovane parmigiano poi ricoverato a Monza - hanno deciso di eseguire il tampone che ha confermato la presenza del virus e hanno iniziato la terapia del caso. (L'articolo completo di Monica Tiezzi è sulla Gazzetta di Parma in edicola)

MIGLIORA IL 24ENNE A MONZA. Fabio F., il 24enne ricoverato all'ospedale San Gerardo di Monza con la «nuova influenza», presenta «lievi segni di miglioramento della funzione respiratoria». Lo hanno detto i medici lombardi, ieri attraverso un comunicato diffuso dalla direzione ospedaliera. La sovrainfezione polmonare appare sotto controllo, ma il giovane resta in circolazione extracorporea e ventilato. «Le sue condizioni rimangono critiche e la prognosi riservata». Intanto il Tribunale del malato chiede: "Aveva febre a 40. Perché non gli è stato assegnato il codice giallo?". (Tutti i dettagli e gli approfondimenti sono sulla Gazzetta di Parma in edicola).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    05 Settembre @ 13.53

    Ho appena finito di rispondere ad un messaggio all' articolo su questo caso che è adesso passato nelle pagine interne, ed ecco qua che ne salta fuori un altro in prima pagina ! Premetto che, secondo me , il Tribunale del Malato- Cittadinanza Attiva è un' Associazione Benemerita nella difesa dei Cittadini che si ritengono vittime di disservizi sanitari , e, per questo, è anche un prezioso collaboratore del Servizio Sanitario stesso con le osservazioni che può fare ed i suggerimenti che può dare. La Presidente , poi, signora Gelmini, ha un "curriculum" meritorio per la sua pluridecennale dedizione a questa causa. Ciò premesso, l' Edizione "cartacea" della "Gazzetta" attribuisce alla signora Gelmini questa frase :" Mi risulta che il giovane si sia presentato in Pronto Soccorso con la febbre a quaranta . Perché non gli è stato assegnato il "bollino giallo" che indicava la gravità del caso ? E se il "bollino giallo" gli è stato assegnato dagli operatori del "triage", perché l' indicazione non è stata rispettata dal Medico di turno ? E' una vicenda molto grave, da approfondire". Che, nella vicenda, ci siano cose da approfondire, è possibile. Non per nulla l' Assessorato alla Sanità della Regione ha chiesto informazioni al Direttore Generale dell' Ospedale di Parma, che pare le abbia mandate. Ma, signora Gelmini , il problema, se problema c' è, non è nel "bollino" del "triage" . Il "codice giallo" indica una persona che, pur non avendo, al presente , un' evidente compromissione delle funzioni vitali, si ritiene possa trovarsi, da un momento all' altro , in tale condizione. Un giovane con la febbre, per quanto elevata, si fa fatica a farlo rientrare in questa categoria, a meno che non sia in istato di "shock settico" , nel qual caso sarebbe stato "codice rosso". Certo, allo scopo di dare un po' di "comfort" in più a un ragazzo con la febbre alta , si poteva anche pensare di attribuirgli un "codice" un pò superiore a quello teoricamente previsto. Penso comunque che la presenza della mamma dell' ammalato , dipendente dell' Ospedale, possa essere stata d' aiuto nel gestire il caso. Ma quella frase " se il "bollino giallo" gli è stato assegnato dagli Operatori del "triage" , perché l' indicazione non è stata rispettata dal Medico di turno ? " cosa vuol dire ? A Lei risulta, signora Gelmini , che ci sia stata , per così dire, una "divergenza d' opinioni " tra Infermiera e Medico nell' assegnazione del codice ? Sono certo che anche Lei non vorrebbe che , alla fine, questa diatriba "cromatica", si rivelasse frutto di "ripicche"....... Andiamo avanti ! La mancata assegnazione , o il mancato recepimento ,del "codice giallo" ha comportato un' attesa tale da produrre danno alla salute dell ' ammalato ? Parlo di "danno alla salute" non di danno al "comfort", che senza dubbio c' è stato, ma è un' altra cosa........ Il Medico, quando il Paziente gli è stato assegnato dal "triage", cosa stava facendo ? Normale lavoro "di routine" , per cui avrebbe potuto riceverlo subito, o era già impegnato da altri ammalati gravi, con codici gialli o rossi ? I Medici in servizio al Pronto Soccorso dovevano essere almeno due. Se il primo era impegnato , prevedibilmente per un certo tempo, non si poteva assegnare il caso all' altro ? Mi permetta, signora Gelmini, di essere chiaro e sincero. Il "punto", in questa dolorosa faccenda, non è il "codice colore" , ma è se ,già alla prima visita, c' erano , o no, segni , sia pur iniziali, di insufficienza respiratoria , cioè di difficoltà a respirare, o di insufficienza renale. Se c' erano, forse sarebbe stato opportuno prendere in considerazione la possibilità di ricoverare il Soggetto , piuttosto che rimandarlo a casa. Se non c' erano, l' opzione del rientro a domicilio poteva essere accettabile . Ma non è ancora finita ! La decisione di mandare a casa il giovane è stata presa dal Medico del Pronto Soccorso da solo , o con la consulenza di qualche Specialista , ad esempio della Divisione Infettivi ? Non sempre, in Divisione Infettivi, c' è "di guardia" un Medico di quella Specialità. Quella sera lo era o non lo era ? Nel caso in cui si fosse ritenuto di ricoverare il Paziente, il posto-letto c' era o non c' era ? Si è sentito dire che, prima di rivolgersi al Pronto Soccorso, il ragazzo si era rivolto alla Guardia Medica . E' vero o non è vero ? Se è vero, la Guardia Medica cos' ha detto e cos' ha fatto ? L' ammalato , tra il primo ed il secondo accesso al Pronto Soccorso , è stato a casa quattro giorni, durante i quali era sotto la competenza del suo Medico Curante. In questo tempo il suo Medico Curante è stato informato della situazione o chiamato ? In caso affermativo, cos' ha detto e cos' ha fatto ? Allora, signora Gelmini , io sono perfettamente ed assolutamente d' accordo con Lei che, in questa vicenda, ci possono essere cose "da approfondire" , ma, per "approfondire" esaurientemente e correttamente, bisogna rispondere a queste domande. Buon lavoro e tanti auguri !

    Rispondi

  • maesto

    05 Settembre @ 09.41

    che ospedale mal gestito......da sempre!\\r\\n

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Arrestato cittadino dominicano residente nella città termale per violenza e resistenza a pubblico ufficiale

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

9commenti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

SERIE A

Bonucci espulso con lo "zampino" della Var: è il primo cartellino rosso con la videoassistenza

Calcio

Parma, tre punti d'oro

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va