20°

Parma

Alla Fra' Salimbene la preside vieta i telefonini in classe

Alla Fra' Salimbene la preside vieta i telefonini in classe
Ricevi gratis le news
11

Non c’è che dire: scuola e cellulari non vanno proprio d’accordo. I telefonini, infatti, non sono vietati solo - per ovvi motivi - durante i test di ingresso all’università: sono banditi anche dalla classi delle scuole medie. Se non di tutte sicuramente di una: la Fra' Salimbene.

Il divieto
 La preside dell’istituto, Donata Donati, ieri ha accolto «i remigini» nel cortile della scuola, spiegando loro il cammino che li aspetta e, soprattutto, le regole che dovranno seguire per i prossimi mesi.  Tra queste, il divieto assoluto di portare a scuola i telefoni cellulari. «I ragazzi - ha spiegato - non ne hanno alcun bisogno. Il loro compito è stare attenti durante le lezioni, ascoltare quello che spiegano i professori, pendere appunti. I telefoni cellulari, così come altri apparecchi elettronici, servono solo a distrarli dalle lezioni e dal loro dovere». Una raccomandazione che è stata indirizzata, oltre che agli studenti, anche ai loro genitori, che ieri, accompagnando i figli nel loro primo giorno di scuola, hanno affollato il cortile. «Ai genitori raccomando di non chiamare direttamente i ragazzi, perché non c’è motivo - si è raccomandata la preside -. E' importante che tutte le comunicazioni passino dalla scuola; in questo modo eviterete di crearci delle difficoltà».
«Qualunque necessità ci sia, qualunque problema - ha aggiunto - il personale della scuola è a vostra disposizione e potete fare riferimento a loro».

Cellulari sequestrati
Ai «trasgressori» che, incuranti delle regole, saranno sorpresi a scuola con i cellulari, «i telefoni saranno immediatamente sequestrati e custoditi nella cassaforte della scuola fino alla fine del mese, quando saranno riconsegnati ai genitori».
Per il 22 settembre è programmato un incontro tra genitori e docenti, che sarà l’occasione per chiarire questa così come le altre regole dell’istituto, e di presentare il documento di corresponsabilità educativa che comprende anche le sanzioni disciplinari.
Il documento chiama direttamente in causa i genitori, che con la scuola possono collaborare per raggiungere le finalità educative.
«Quello che i ragazzi stanno per iniziare - ha spiegato loro la preside - è un percorso faticoso e impegnativo, che comporterà per loro un maggior carico di lavoro. Tuttavia è un percorso che darà loro grandi soddisfazioni, perché li aiuterà a crescere; è un passaggio fondamentale. Ai genitori spetta il compito di accompagnarli in questo iter, di seguirli e controllarli nello svolgimento dei compiti. Ma senza sostituirsi a loro». La scuola prima di tutto, insomma. Per la preside Donati «deve venire prima delle attività extrascolastiche, prima dello sport, dei giochi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Chiara

    22 Settembre @ 09.23

    Concordo con la preside, motivo in più per scegliere la scuola che dirige.

    Rispondi

  • ale

    17 Settembre @ 12.30

    Sono d'accordo con federico. non è possibile che in questa società tutto venga vietato a priori! e poi davvero, genitori, imponetevi! capisco che sia difficile dire noi al bambino che vi fa gli occhi dolci! ma usare il pugno duro ora vi farà risparmiare grattacapi poi!!

    Rispondi

  • ale

    17 Settembre @ 12.17

    Sono d'accordo con federico. non è possibile che in questa società tutto venga vietato a priori! e poi davvero, genitori, imponetevi! capisco che sia difficile dire noi al bambino che vi fa gli occhi dolci! ma usare il pugno duro ora vi farà risparmiare grattacapi poi!!

    Rispondi

  • Monica

    17 Settembre @ 11.35

    Giustissimo, mi pare ovvio, anche perchè dei ragazzini di 11 anni il telefonino lo uutilizzano spesso solo per giocare...! Ma, io genitore di un ragazzo frequentante la Don Cavalli, posso testimoniare che anche la Preside di questo istituto, IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA, ha letto il patto con questo divieto!! Buon anno scolastico a tutti.

    Rispondi

  • federico

    17 Settembre @ 10.29

    Che un bambino di 8 anni non debba utilizzare il telefonino in classe è condiviso da tutti. Contesto solo l'approccio al problema, vietare senza spiegare è una pratica educativa a mio avviso non corretta ( ma magari la preside lo ha fatto). ribadisco ancora che si potrebbe utilizzare il telefonino per scopi educativi in qualche caso ( ovvio che non è la norma). Soprattutto perchè siamo un paese che dal punto di vista della tecnologia ( e della sue applicazioni)fa fatica a stare al passo con gli altri paesi ed è paradossale che chi apprende ( gli alunni) spesso ha una maggior confidenza con la tecnoliga rispetto a chi insegna ( docenti e professori). si potrebeb utilizzare il cellulare per fare un iccolossimo corso di fotografia ... oppure come funziona la tecnologia digitale ( audi e video) rispetto a quella nalogica. Oppure un sacco di lezioni di fisica. Oppure una bella lezione sulla privacy ( che va tanto di moda)... beh ne avrei di cose da spiegare ad un babino prendendo spunto da un cellulare. Ma telefonare all'amichetto o mandargli un SMS durante la scuola certamente no.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

IGERS

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

2commenti

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

GAZZAREPORTER

Parma 2017, bello spettacolo Barriera Garibaldi...

4commenti

Euro Torri

Ruba una felpa e spacca una parete in cartongesso

Un giovane minorenne italiano

Via Bizzozzero

Auto pirata investe una bambina. Chi ha visto?

Appello della mamma della piccola

Incidente

Auto contro scooter a Fontevivo

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

3commenti

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

1commento

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

7commenti

Comune

Sciopero generale di venerdì 27 ottobre, i servizi garantiti

ambiente

Prima l'acqua poi il vento, ma misure d'emergenza fino a giovedì

6commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

RUGBY

Doppia intervista: Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CONTROLLI

Autovelox, la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

3commenti

SPORT

GAZZAFUN

Lucarelli il migliore con l'Entella: consolida il primo posto

serie b

Le pagelle in dialetto

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

2commenti

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

L'UTILITARIA

Skoda Fabia Twin Color più ricca

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro