-4°

Parma

Rissa in viale Mentana, poi accoltellamento in via Corsi

Rissa in viale Mentana, poi accoltellamento in via Corsi
Ricevi gratis le news
28

«Hanno accoltellato mio cugino» ha urlato. Prima di abbattersi a terra rantolando. Chi abbia scelto una pizzeria di viale Mentana per una cena sotto la pioggia ieri ha avuto una sera agitata. Colpa di un giovane straniero, di origine  magrebina, che si è infilato nel locale chiedendo aiuto.

Sul posto sono così arrivati a sirene spiegate i mezzi del 118 e le auto delle Volanti che, dopo avere soccorso il giovane, in apparente stato confusionale ma senza ferite di reale gravità, sono dovuti intervenire a poche centinaia di metri, quasi a barriera Repubblica dove un secondo giovane era steso a terra: e non stato possibile sapere se si trattasse del già citato cugino. In ogni caso il giovane, malconcio ma non grave, è stato a sua volta accompagnato al Maggiore. Per i due solo leggere contusioni e qualche spiegazione da dare alla polizia che sta ora indagando su questo strano episodio.

Ma poco dopo ci sarebbe stato un accoltellamento in via Corsi. E ora gli inquirenti stanno conducendo interrogatori e accertamenti per chiarire se si tratti dello stesso episodio o se l'accoltellamento di via Coesi sia un ulteriore momento di una sera violenta in pieno centro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gazzettadiparma.it

    18 Settembre @ 21.03

    Gio, chiudo anch'io il confronto, che ora si è fatto più sereno e senza più allusioni a una censura che come vede (nel frattempo ho pubblicato anche la sua mail con le domande: era arrivato insieme a quello che giudicavo offensivo) non esiste. Quanto al discorso del "vergognatevi", io non so che mestiere lei faccia, ma sono sicuro che se io lo giudicassi da fuori, senza conoscerlo, direi un sacco di stupidate. Così come le critiche che vegnono fatte in questo sito (e anche queste senza censure !) a noi della Gazzetta, a volte possono essere giuste, a volte rivelano una scarsissima conoscenza di questo mestiere. Ecco; allora io credo che sia lecito e libero criticare chiunque: quindi anche un giornalista o un questore. Ma dire a qualcuno che si deve vergognare mi sembra eccessivo. Io non redo che io o lei riusciremmo a risolvere facilmente problemi di ordine pubblico che si stanno moltiplicando non solo a Parma ma in tutte le città, e che sono legati a problemi addirittura mondiali, come l'immigrazione. E poi è uno sforzo che cerchiamo di fare dal primo giorno: perde efficacia un commento che si limita a esprimere una opinione senza denigrare? Legga anche questi qui sotto, compreso appunto il suo sulle domande: sono chiari ed efficaci, che poi uno li condivida o no. Ecco, allora: sforziamoci anche in questo senso. Di dibattiti "urlati", che poi non portano mai a niente, ne vediamo fin troppi in tv: cerchiamo invece di far crescere la nostra città con il confronto, ma rispettando chi comunque (bene o male lo si vedrà) fa il suo lavoro, spesso in condizioni tutt'altro che facile. E spero che potremo contare sui suoi contributi anche in questo senso. Grazie. (G.B.)

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    18 Settembre @ 16.54

    Fin dal primo giorno abbiamo chiesto: esprimete le vostre critiche (e le pubblichiamo in abbondanza, anche quando il bersaglio siamo noi: quindi non ci parli di censura), ma perchè dobbiamo dire all'interlocutore che "si deve vergognare" (come fa lei), o che "dice idiozie", come in altri comment che ho cancellato? IMpariamo tutti ad usare tutti toni più sereni. Il suo commento è parcheggiato: uscirà, ma depurato da questi toni. E lei vedrà che non perderà nulla della sua sostanza. (G.B.)

    Rispondi

    • Giovanni

      18 Settembre @ 20.51

      Mi perdoni signor direttore se replico al suo post, non è certo mia intenzione ingaggiare un dibattito a due con lei rubando così spazio ad altri che vogliono intervenire. Però mi permetta di rivolgerle una domanda retorica. Secondo lei non dovrebbero vergognarsi coloro che sono pagati con soldi pubblici per svolgere un certo lavoro, in questo caso garantire l'ordine pubblico, e hanno per giunta anche la responsibilità, competenze e autorità per farlo e lasciano che, nonostante le innumerevoli segnalazioni fatte , le situazioni degradino in questo modo? Mi dica Lei come possiamo definirli peste persone. Lascio a lei trovare un eventuale aggettivo. Chi subisce giorno e notte le conseguenze di queste situazioni come dovrebbe definirle queste persone deputate a garantire l'ordine pubblico? Infine, l'intervento in cui ponevo delle domande con le relative risposte ottenute dalle forze dell'ordine non credo riportasse alcun epiteto offensivo, anzi era una serena e, seppur amara, cronologia di dubbi e perplessità sorte proprio dalle risposte ottenute dalle forze dell'ordine, e credo sia nell'interesse di tutti che siano pubblicate al fine di stimolare ulteriormente la riflessione su questo importante problema cittadino. Ringraziandola la saluto Gio

      Rispondi

  • Giovanni

    18 Settembre @ 15.57

    "Come al solito caro direttore la sua censura colpisce non pubblicndo i miei ulktimi interveti che non hanno nulla di offensivo, ma sono solo il segno di una esasperazione dei residenti della zona.

    Rispondi

  • Marco

    18 Settembre @ 14.00

    Io credo sia colpa delle piante...tagliandone una ventina la situazione in città dovrebbe migliorare. E se non migliora ne tagliamo altre...

    Rispondi

  • Pippo Reggiani

    18 Settembre @ 09.41

    non se ne può più! fra poco tempo ci manderanno via dalle nostre case e dalle nostre terre!!!!è ora che i parmigiani si ribellino e aprano gli occhi, la delinquenza sta dilagando!!!!!! Qui solo chi lavora, gli altri tutti a casa loro!!!!!!!!!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

1commento

SQUADRA MOBILE

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

1commento

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

3commenti

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

TECNOLOGIA

Alla Stazione sperimentale gli alimenti si stampano in 3D

Dopo l'alluvione

Argini dell'Enza: lavori per 330mila euro tra Sorbolo e Coenzo

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

2commenti

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

6commenti

PARMA CALCIO

I nuovi numeri di maglia. I convocati per Cremona (ci sono Calaiò e Ceravolo)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Francia

La Vedova nera delle Costa azzurra condannata a 22 anni

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

PARMA

Luigine, proseguono le trattative: ne parla anche "Striscia la notizia" Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"