-4°

Lutto

Addio a «Lillo» Bonazzi, fotografo dello sport e parmigiano vero

Morto improvvisamente a 68 anni il figlio di Felice da Parma. Aveva lavorato in «Gazzetta» per 25 anni e collaborato con diverse società sportive

Addio a «Lillo» Bonazzi, fotografo dello sport e parmigiano vero

Maurizio Bonazzi, primo a sinistra, a un conviviale del Parma con Claudio Anzalone, Giorgio Pedraneschi, Giorgio Gandolfi e Massimo Sperindè

0

Un improvviso malore lo ha portato via all'affetto della sua famiglia e dei suoi tantissimi amici ieri pomeriggio nel giro di pochi minuti. Ma pensare al «Lillo», al secolo Maurizio Bonazzi, al passato sembra ancora impossibile per chi lo conosceva come chi scrive. Perché se c'era una persona piena di vita, di progetti, di cose ancora da fare e da dire, a dispetto dei suoi 68 anni, peraltro ottimamente portati, era proprio lui. In pensione, dopo una carriera iniziata giovanissimo come grafico al «Resto del Carlino» a Bologna e quasi 25 anni di lavoro come fotografo in «Gazzetta», c'era andato da ormai 20 anni. Ma del pensionato il «Lillo» non aveva proprio nulla. Al contrario, come amava dire lui con una delle sue fulminanti battute in quel dialetto parmigiano che adorava «a'n son mäj stè acsì tant impgnè c'me da quand a' son in pensión». Nonostante fosse cresciuto tra Milano e Bologna il suo modo di essere era l'espressione della parmigianità vera a tutto tondo. Del resto, con un padre come Felice da Parma, morto poco più di 3 anni fa, non poteva essere diversamente. Ma, nonostante una presenza paterna così teoricamente ingombrante, per nessuno il «Lillo» era «il figlio di Felice»; anzi, in molti neppure lo sapevano, nonostante il legame con i suoi genitori sia stato fortissimo fino all'ultimo. Perché in realtà Maurizio («s'im ciàmon acsì a nén m'volti gnan», diceva) Bonazzi era personaggio senza volerlo essere. Alla «Gazzetta» aveva abbinato al dovere del lavoro la sua passione per la fotografia e per il mondo dello sport E così ai tempi del rullino e del bianco e nero aveva scattato centinaia di «istantanee» del baseball dei tempi della Bernazzoli e della Germal, ma anche di pallavolo della Santàl dei tempi d'oro. Oltre alla fotografia, le sue passioni erano la musica e anche la cucina. E quando ci si ritrovava con gli amici e c'era da improvvisare qualcosa per la cena, lo sguardo correva inevitabilmente sul «Lillo» che in quattro e quattr'otto riusciva a mettere in tavola piatti ben più che appetitosi, retaggio della gioventù trascorsa tra i fornelli dei ristoranti gestiti dai genitori. Generoso e estroverso, il «Lillo» prestava il suo aiuto agli amici, anche solo ascoltando i loro sfoghi e senza chiedere nulla in cambio. Dopo la pensione, aveva collaborato per anni prima con la Parma Pallavolo e poi con il Basket Parma come addetto alla comunicazione a tutto tondo. Era stato per anni anche il fotografo ufficiale della rivista del Cusi (Centro universitario sportivo italiano), partecipando anche ad alcune Universiadi e a numerosi campionati italiani universitari. Era appassionato anche dei «new media» e di recente aveva digitalizzato il suo grande archivio di foto storiche, che in parte aveva dato anche alla «Gazzetta», che ancora aveva nel cuore. Un cuore grande, il suo, che lo ha tradito in modo inatteso, ma che per questo lascia un ricordo forte in tutti quelli che lo hanno conosciuto. Ruggero Cornini, direttore della rivista «Sport universitario» lo ricorda come «una grande persona ancor prima che un grande amico e collaborare con lui è stata davvero un'esperienza bellissima per l'allegria e la positività che sapeva trasmettere a tutti». Guido Pellacini, tecnico della prima Germal scudettata, dice che «era difficile non essergli amico, perché era sempre contento e positivo». Gianni Bertolazzi, presidente del Basket Parma, ricorda che «è stata una persona importante per la nostra società cui ha dato un contributo fondamentale nella riorganizzazione, ma anche dal punto di vista umano». Claudio Corradi, giovane promessa della Germal, sottolinea che «ancora oggi mi salutava sempre con grande affetto. E un paio d'anni fa, vedendomi rimproverare i miei ragazzi dal dug-out durante un torneo giovanile mi aveva detto se avevo imparato da Montanini». Commosso è Roberto Ghiretti: «Eravamo amici fin dai tempi d'oro della Santàl. Mi sembra incredibile che non ci sia più e ripenso a quante sere, diventate poi notti, abbiamo passato parlando in pizzeria. E poi era sempre pronto a dare una mano come ha fatto, in modo disinteressato, in occasione della mia campagna elettorale».
Senza parole è Romana Tarroni, vicepresidente del Basket Parma: «Non è possibile credere che non ci sia più. Era una persona stupenda e lascia un vuoto in tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo». Maurizio Bonazzi lascia la compagna Anna, i figli Lorenzo, Viviana e Alberto e la sorella Valeria. Non è invece ancora stata fissata, in attesa del nullaosta dell'istituto di Medicina legale, la data dei funerali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta