-2°

Parma

Addio al comandante "Nardo", simbolo della Resistenza di Parma

Addio al comandante "Nardo", simbolo della Resistenza di Parma
Ricevi gratis le news
5

Gian Luca Zurlini

Il comandante «Nardo» non ha smentito la sua fama di indomito combattente. Alla fine, però, ha dovuto arrendersi e nel tardo pomeriggio di ieri Leonardo Tarantini, presidente onorario dell'Anpi provinciale dopo esserne stato alla guida per diversi anni, è morto a 89 anni al Maggiore dove era ricoverato da qualche tempo. Una scomparsa che rende «orfana» la nostra città di uno degli ultimi, grandi protagonisti della lotta di Liberazione e che da ieri rende Parma più “povera” di esempi di senso civico illuminato unito a un senso del dovere mai sopito. Perché Leonardo Tarantini, alla guida della brigata partigiana «Ricci” fu, nella mattina del 26 aprile 1945, il primo fra i “liberatori” ad arrivare a Parma alla testa dei suoi uomini. E per due giorni fu il “plenipotenziario” della città, sequestrando armi e facendo mantenere la calma ai partigiani, evitando le sanguinose rappresaglie che si verificarono anche in altre città emiliane. Ma quella di Leonardo Tarantini è davvero la storia di un gentiluomo e di una persona che ha sempre fatto della dirittura morale la propria guida. E del resto il comandante «Nardo» ha seguito la traccia della propria famiglia: il nonno aveva partecipato ai moti carbonari di Napoli e imprigionato a Ponza, il padre, preside di liceo, era stato trasferito a Urbino per punire le sue idee antifasciste.

E proprio nelle Marche nasce Tarantini, che a 3 anni perde il padre. Consegue la maturità classica e quindi vince a pieni voti il concorso per l'accademia militare di Modena. In quel momento scoppia la guerra e, dopo 2 anni al fronte in Albania, viene richiamato come tenente istruttore e approda a Parma, alla scuola d'applicazione di Palazzo Ducale. Qui il suo destino si lega per sempre alla nostra città perché conosce, e sposa nell'aprile del 1943, la moglie Celina Monici, che gli darà l'unica figlia Rosanna e gli è stata vicino fino all'ultimo. L'8 settembre, giorno dell'armistizio, Tarantini è sull'Appennino modenese con 800 aspiranti ufficiali e, dopo essere sfuggito alla cattura dei tedeschi torna a Parma. Nel luglio del 1944, dopo essere sfuggito alla cattura dei tedeschi che lo ricercavano come disertore fugge in montagna e si arruola nelle file dei partigiani. Dopo la strage di Bosco di Corniglio, in cui muore «Pablo», il futuro senatore Giacomo Ferrari («Arta») lo nomina capo di stato maggiore. In dicembre diventa comandante di brigata e poi della divisione “Ricci” e, dopo eroiche battaglie che l'hanno portato ad ottenere due medaglie d'argento al valor militare, diventa il responsabile della zona Est di Parma. Dopo la Liberazione lavora per evitare vendette e massacri e torna poi nell'esercito da cui si dimette qualche anno dopo per l'ostracismo ricevuto come ex resistente sospettato di comunismo, mentre lui è un orgoglioso socialista “vecchio stampo”. Viene chiamato a lavorare all'Eni da Enrico Mattei, che aveva conosciuto prima della guerra, e vi rimane fino alla morte del fondatore girando l'Africa per aprire nuovi giacimenti.

Negli anni Sessanta torna a Parma come dirigente degli allora Ospedali riuniti prima e dell'Ausl di Langhirano poi. Ma “Nardo” Tarantini era anche un raffinato e colto umanista (ha tradotto per diletto in dodecasillabi l'Eneide, le Bucoliche e le Georgiche di Virgilio), appassionato di calcio e colto lettore di libri. Leonardo Tarantini era stato premiato dal Comune nel 1991 con un attestato di civica benemerenza per il contributo alla lotta di Liberazione. La camera ardente si terrà domani mattina dalle 8,30 alle 11,30 nella sede dell'Anpi di piazzale Barbieri e quindi il feretro partirà alla volta di Urbino dove sarà sepolto nella tomba di famiglia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ilPiccoloPesco

    19 Settembre @ 03.23

    Grazie per l' Esempio, grazie per l' Idea. Li raccoglieremo e li cureremo dolcemente, come i sogni più preziosi li faremo crescere con pazienza. Aspettando che i loro fiori sboccino, insegneremo ai cuccioli che un Partigiano cade solo per insegnarci a Resistere. Un abbraccio.

    Rispondi

  • gianluca

    18 Settembre @ 21.19

    Un monumento al grande NARDO. E' anche grazie a LUI che oggi siamo qui

    Rispondi

  • Alice

    18 Settembre @ 14.25

    Grazie per aver rischiato la vostra vita per permetterci di vivere in libertà. Grazie per aver capito fin da subito l'importanza degli ideali antifascisti e averli portati avanti nel tempo. Grazie popolo partigiano!

    Rispondi

  • Paola Ampollini

    18 Settembre @ 11.46

    Grazie perchè è a UOMINI (e DONNE) come VOI che noi dobbiamo la nostra LIBERTA'. Le Tue parole non hanno mai ispirato al rancore o all'odio: dovremmo tutti segire il Tuo esempio. Paola

    Rispondi

  • Fulvio Frati

    18 Settembre @ 10.28

    Leonardo tarantini è stato secondo me un grande uomo, di straordinaria cultura e di ancor più straordinario spessore etico e morale.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa