21°

Parma

Metropolitana, i dubbi del Pd: "Si punti a utilizzare i fondi per altre opere"

Ricevi gratis le news
0

Il Partito democratico ha inviato ai media una nota a firma di Giorgio Pagliari, capogruppo del Pd in Comune, e Luca Benecchi, coordinatore comunale del Pd cittadino. Il Pd esprime i suoi dubbi sugli oneri a carico del Comune per il progetto e lancia un messaggio all'amministrazione, suggerendo di usare il "secondo decreto anticrisi" per "dirottare" i finanziamenti già ottenuti per altri interventi. Su questa eventualità, il Pd si dice disponibile al dialogo.

Ecco il testo del comunicato:
"All'interno della maggioranza, si è aperto un dibattito sulla Metropolitana. Le prime avvisaglie paiono proporre una discussione "retrò" della serie: la metropolitana è stata una scelta giusta o sbagliata?
È evidente che rispetto ad una simile, inutile, discussione, il PD non potrebbe che rimarcare, nuovamente, tutte le incongruenze e le contraddizioni già denunziate: opera tutto tranne che decisiva per risolvere i problemi della viabilità cittadina; fattibilità tecnica ancora irrisolta e comunque condizionata da molti punti interrogativi, come dimostra la radicale modificazione del primo progetto definitivo per recepire le 86 prescrizioni imposte dal CIPE; finanziamento parziale, anche ipotizzando che la sottostima del costo effettivo sia un'opinione della minoranza; gestibilità dubbia, per usare un eufemismo, sul piano economico-finanziario della metropolitana, una volta realizzata. Si tratta di tesi note, che verrebbero ribadite "a futura memoria", ma sulle quali - oggettivamente - non parrebbe il caso di riaprire lo scontro, perchè sarebbe assolutamente fine a sé stesso.

Se, invece, il tema della discussione fosse rappresentato, non dalle decisioni già prese, ma da quelle che una serena analisi della situazione attuale potrebbe portare ad assumere, allora il PD parteciperebbe, con spirito di responsabilità istituzionale e costruttivamente, alla riflessione.
In questa ottica, il tema della congruità e della certezza del finanziamento dell’opera – intera – appare una questione molto importante, anzi decisiva.
Le finanze comunali, che il PD ritiene ben più in sofferenza di quanto la maggioranza non voglia far credere, non possono, infatti, essere gravate da ulteriori oneri per coprire spese non finanziate dallo Stato.

Or bene, se è stata correttamente intesa la dichiarazione del Sindaco in Consiglio Comunale, al momento attuale, ulteriori 34 milioni di euro dovrebbero essere messi a disposizione dal Comune direttamente o tramite la Metroparma Spa., con la conseguenza che il sacrificio economico per le casse comunali verrebbe ad ammontare a circa 130 milioni di euro. E ciò, solo ed esclusivamente “ad oggi”, perché non potrebbero essere quantificati, pur essendo più che ipotizzabili i costi aggiuntivi, destinati inevitabilmente ad emergere nel corso dei lavori: non sarebbero briciole!

Una simile prospettiva è inaccettabile Su questa nuova spesa non potrebbe non essere chiamato a pronunciarsi il Consiglio Comunale, ché solo quest'ultimo può deliberare tanto le spese, quanto le eventuali garanzie che il Comune, inevitabilmente, dovrebbe prestare a favore di Metroparma S.p.A. se quest'ultima dovesse essere chiamata ad assumere nuovi mutui. E – sia permesso l’inciso – la deliberazione della G.M. 1220/78 del 4.10.2006 viola l’art. 207 T.U.EE.LL. e non può essere richiamata, comunque, per sostenere che il Comune di Parma se è impegnato a coprire la superiore spesa, trattandosi di un mero indirizzo.

Il bilancio di Metroparma S.p.A. permetterebbe l'assunzione di nuove linee di credito con le banche?
Come non chiedersi (per quanto riguarda, peraltro, il Comune di Parma) se i Consiglieri Comunali si assumerebbero la responsabilità – questa sì rilevante per la Corte dei Conti – di stanziare nuovi soldi pubblici?

L’incidenza della metropolitana sulle finanze comunali, infatti, supererebbe il già insostenibile vincolo previsto dalle decisioni già prese in materia. Nessun amministratore avveduto opterebbe per una simile strada, che porterebbe solo allo “stato di dissesto” del Comune di Parma (già oggi per il PD gravato da un buco di bilancio pesantissimo). Peraltro, la sopravvenuta spesa di 34 milioni di euro costituirebbe un onere aggiuntivo - se ben si comprende - legato alla variante al progetto definitivo non ancora approvata dal CIPE. L’opera oggi non è, dunque, interamente finanziata,

E dunque? Si tratta di un costo sopravvenuto, privo di copertura e – già esso – non prevedibile al momento della gara europea per la scelta del contraente generale. Ci sembra che, nel contratto, ci sia una clausola che consente il recesso al Comune o a Metro Parma Spa, qualora vi sia un onere finanziario aggiuntivo sopravvenuto e non coperto da nuovi finanziamenti pubblici.

Vi è, comunque, un altro profilo assai (anzi: più) rilevante e decisivo. Le difficoltà tecniche relative al progetto e alla sua concreta realizzazione sono tali da avere, fino ad oggi, impedito l'eseguibilità dell'opera è, con essa, l’esecuzione del contratto inopinatamente stipulato. Tutto è stato bloccato dalla mancata approvazione della variante al progetto definitivo, che non ha consentito di provvedere alla redazione del progetto esecutivo, la cui approvazione è presupposto per la consegna dei lavori.

È chiaro che una simile situazione è legata, quantomeno in misura prevalente, a difficoltà originariamente non prevedibili, cioè a difficoltà che escludono responsabili superficialità di chi ha deciso a suo tempo e che, avendo reso impossibile l'esecuzione del contratto, sembrano escludere anche la responsabilità per inadempimento contrattuale. Una riflessione sull’attualità della scelta, appare, quindi, possibile anche sul piano formale e giustificata.

Ebbene, nella situazione socio-economica di oggi, con un quadro di finanza pubblica sempre più negativo e sempre meno funzionale alla sicura copertura di opere come la metropolitana (è chiara la tendenza alla restrizione e non all'allargamento dei cordoni della borsa dello Stato), davvero non ci sono opere pubbliche che assumono una maggiore priorità per Parma?
La risposta è assolutamente positiva. Non è questa la sede per un'elencazione, non difficile da proporre.

Perché, dunque, non avvalersi dell'opportunità offerta dalla legge di conversione del c.d. "secondo decreto anticrisi", che consente ai Comuni di mantenere una quota rilevante del finanziamento delle c.d. "grandi opere" per realizzare altri interventi di interesse pubblico? Se questo fosse il terreno del dibattito, l'apporto del PD non mancherebbe, con gli occhi rivolti al futuro e non al passato".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

La Lazio vince in rimonta a Nizza. In campo anche Milan e Atalanta

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: 5 passi nel nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto