16°

31°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

giudizio positivo

Legambiente: differenziata ok. Però...

Legambiente: differenziata ok.  Però...
Ricevi le news
http://www.gazzettadiparma.it/http://www.gazzettadiparma.it/news/parma/243834/Legambiente--differenziata-ok--.html 23/08/2017 14:06:55 23/08/2017 14:06:55 40 Legambiente: differenziata ok. Però... false DD/MM/YYYY 13

Giudizio positivo di Legambiente sulla raccolta differenziata a Parma. Ma - dice il comunicato - sono necessari miglioramenti nell'organizzazione. Ecco il documento:

Il 67% di raccolta differenziata raggiunto nel 2014 a Parma è un risultato lusinghiero. Legambiente dice Grazie ai parmigiani, perché non è stato facile. Sappiamo che il cambiamento è stato, ed è, impegnativo: separare i rifiuti in 5 tipologie e tenerli da parte in attesa del giorno di esposizione comporta un cambio di abitudini e qualche disagio da affrontare.
Però è importante farlo perché in questo modo contribuiamo a rendere migliore il futuro: meno inquinato e con più recupero di risorse.
Nel complesso diamo un giudizio positivo della raccolta differenziata domiciliare spinta introdotta a Parma dall'Amministrazione Comunale. Il nostro giudizio contempla la valutazione di due fattori: da un lato, molto bene, la volontà politica e la coerenza e la pervicacia nel perseguire questa innovazione (già attuata nei comuni parmensi e in via di decollo in molte parti d'Italia); dall'altro, a contraltare, il deficit organizzativo del sistema. Ci sono molti appunti su cui ci si potrebbe dilungare ma, a testimoniare che le cose siano stati difficili, bastano le 100.000 telefonate in un anno al call center di Iren. Un po' troppe.
Sommando i due fattori ne esce comunque un giudizio positivo da parte nostra.
Sulla raccolta differenziata domiciliare abbiamo un'interlocuzione dialettica continua con l'Amministrazione Comunale, di supporto e di critica. Ad esempio abbiamo da subito offerto l'apporto concreto delle Guardie Ecologiche, per la vigilanza e i controlli. Purtroppo constatiamo di essere rimasti soli, rispetto al fronte composito e scomposto che per diversi anni si è battuto sul tema rifiuti, a difendere e “parlare bene” della RD.
Proprio perché difendiamo la RD ci permettiamo di avanzare critiche costruttive poiché il timore che abbiamo, e che si è accresciuto nell'ultimo anno, è di un rigetto verso la RD da parte dei parmigiani, a causa dei disagi e del degrado nelle strade. La RD è uno dei pochi comportamenti quotidiani ambientali che è sempre stata vissuta favorevolmente. Se dovesse mutare il “sentimento”, sarebbe deprecabile.
Nei fatti, queste sono le sei osservazioni che abbiamo avanzato in un recente incontro con Comune ed Iren:
1) istituire una "cabina di regia" tra Comune, Iren e cooperative sociali per la gestione della raccolta differenziata, che sia identificabile chiaramente dal cittadino con unico numero telefonico e unico sportello al pubblico.
2) incontri aperti, ogni 2 mesi, della commissione consiliare ambiente dedicati esclusivamente al tema rifiuti, per valutazioni dell'operato. In alternativa istituire un organismo di supervisione con gli stakeholder.

3) una revisione del sistema di raccolta in centro storico con la valutazione, tra le varie possibilità (cambio orari e sistemi di raccolta) anche dell'inserimento di cassonetti per il residuo ad apertura personalizzata con tessera magnetica o altri sistemi. Inserimento da considerare strettamente sperimentale. Da evitare i cassonetti interrati. 

4) fare una comunicazione positiva della tariffa puntuale. L'idea di un numero di svuotamenti minimi del residuo (bidone grigio o sacco con microchip) sta inducendo una sensazione di "paura" tra i cittadini, con il rischio di aumento dell'abbandono rifiuti. Siamo convinti che il sistema non darà adito a problemi ma va spiegato bene.

5) affrontare il problema degli “affitti in nero” che, tra le altre cose, producono spazzatura non regimentabile. Secondo stime di Iren questo problema riguarda circa 10.000 persone.

6) intervenire prontamente per tenere pulite le strade di accesso alla città, sanzionando i proprietari di terreni privati se occorre, e accordandosi con Anas per intervenire costantemente sulle tangenziali.

Infine un rapido resoconto dell'attività svolta dalle Gela (guardie ecologiche volontarie di legambiente) nella vigilanza sui rifiuti a Parma:

Numero ore attività svolte
408,5
Numero servizi effettuati
42
Numero chilometri percorsi
940
Numero Guardie che hanno svolto l’attività
24
Numero segnalazioni effettuate
44
Numero sanzioni comminate
5 + 28 in itinere

 

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vitto

    17 Gennaio @ 17.20

    l'eliminazione dei cassonetti stradali di carta , vetro e plastica (che si potevano lasciare) ha prodotto un continuo via vai di furgoncini con costi esorbitanti e se vogliamo anche maggior inquinamento e consumo di carburante, a mio modestissimo avviso la raccolta dell'umido e dell'indifferenziato andrebbero potenziate,mentre per plastica ,carta e vetro (che non puzzano) tornerei ai cassonetti come in tutti i paesi occidentali,con evidente risparmio in tutti i sensi....

    Rispondi

  • Paul

    17 Gennaio @ 15.59

    Come al solito Legambiente vive nel suo mondo fatato.............. è tornato Pecoraro Scanio ?

    Rispondi

    • SILENZIOSO

      17 Gennaio @ 18.06

      Lega Ambiente deve aver gestito il sondaggio. Infatti percentuali sopra il 90% erano tipiche dei paesi balcanici. Loro però ancora non si sono accorti che nemmeno più in Bulgaria si raggiungono queste quote. L'ideologia rende ciechi.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    17 Gennaio @ 13.50

    LA FOTOGRAFIA PUBBLICATA SUL TITOLO dice , meglio di ogni parola , quanto sia "OK" !

    Rispondi

    • SILENZIOSO

      17 Gennaio @ 18.07

      Constatazione esemplare.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    17 Gennaio @ 13.48

    PUNTO 3 : una revisione del sistema di raccolta in centro storico con la valutazione, tra le varie possibilità (cambio orari e sistemi di raccolta) anche dell'inserimento di CASSONETTI PER IL RESIDUO AD APERTURA PERSONALIZZATA CON TESSERA MAGNETICA O ALTRI SISTEMI ( ISOLE ECOLOGICHE n.d.r.) . Inserimento da considerare strettamente sperimentale. Da evitare i cassonetti interrati. ( Non si capisce perchè , visto che ci sono dappertutto ) -- resoconto dell'attività svolta dalle Gela (guardie ecologiche volontarie di legambiente) nella vigilanza sui rifiuti a Parma: numero sanzioni comminate 5 + 28 in itinere . Numeri irrilevanti in una città ridotta a letamaio---affrontare il problema degli “affitti in nero” che, tra le altre cose, producono spazzatura non regimentabile. Secondo stime di Iren questo problema riguarda circa 10.000 persone ( dal Libro delle Favole).

    Rispondi

    • SILENZIOSO

      17 Gennaio @ 18.09

      Meraviglioso quel "Numero chilometri percorsi : 940". C'è anche il dato delle calorie consumate ?

      Rispondi

  • Maurizio

    17 Gennaio @ 13.38

    La tariffazione puntuale la puoi fare con ottimi risultati in paesi piccoli ma a parma o grandi città non farà altro che aumentare gli abbandoni di rifiuti, basterà utilizzare sacchi neri e abbandonarli, al contrario dovreste premiare non la minore quantità di rifiuto indifferenziato prodotto ma la maggiore quantità di differenziata, per il resto si può promuovere solamente la raccolta effettuata da iren in modo diretto, il problema a parma e PROVINCIA, sono le imprese che hanno in subappalto la racolta, operatori disinformati, gente che va a lavorare quando ne ha voglia non si sa se per difetti di comunicazione o altro (raccolta del 26 prevista non effettuata, il 28 racolta non prevista effettuata, in ufficio il 13 dovevano raccogliere plastica, bene hanno raccolto il residuo... leggendo vari commenti una signora in altra via di parma ha subito lo stesso trattamento con rifiuti invertiti)

    Rispondi

Lealtrenotizie

Terrorismo, posizionate le fioriere antintrusione in centro

sicurezza

Terrorismo, posizionate le fioriere antintrusione in centro Video

COLORNO

"E' morto assiderato", il pranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

6commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

1commento

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

2commenti

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

7commenti

ITALIA/MONDO

danimarca

Trovato decapitato il corpo di Kim, la giornalista scomparsa sul sottomarino

taranto

Gioca 2 euro al 10eLotto e vince 1 milione

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti