processo

Strage del Rapido 904, Riina in "diretta" da via Burla

Strage del Rapido 904, Riina in "diretta" da via Burla
Ricevi gratis le news
0


(ANSA) - FIRENZE, 20 GEN - «Dall’84 all’89 ero latitante, ero a casa mia, ma nessuno mi ha mai cercato». Lo ha detto Francesco Paolo Anzelmo, collaboratore di giustizia dal 1996, sentito come testimone stamani al processo per la strage del treno rapido 904 del 23 dicembre 1984, che causò la morte di 17 persone e il ferimento di altre 267. «Si camminava tranquilli per strada, non come dopo le stragi di Falcone e Borsellino», ha detto Anzelmo ricordando la fine della guerra tra le cosche e il periodo compreso tra gli anni '80 e '90.
Prima di lui alle domande del pm Angela Pietroiusti, nel processo che vede come unico imputato Totò Riina, collegato in video conferenza dal carcere di Parma, aveva testimoniato un altro collaboratore, Calogero Ganci. Entrambi non hanno saputo rispondere al pm quando ha chiesto loro se erano a conoscenza che l’autore della strage fu Pippo Calò, già condannato all’ergastolo negli anni '90. Anzi, Anzelmo ha riferito che nel corso di un colloquio con Calò, avvenuto nel carcere di Spoleto, dove entrambi erano detenuti con il regime del 41bis, il boss di Cosa nostra, «che non si lamentava mai degli altri ergastoli, si lamentò invece di quello per la strage del treno, perchè diceva di essere innocente». «Io a lui non chiesi nulla - ha concluso Anzelmo -, se è vero o non è vero a me non interessava». Secondo Ganci, che però ha spiegato di non partecipare direttamente alle riunioni della «commissione di Cosa nostra» se la strage fosse stata decisa dai boss «la decisione non poteva che essere presa all’interno della commissione. Se Calò decise, ma io non lo so vuol dire che aveva coperture». «Io però di questa strage - ha concluso Ganci - all’interno di Cosa nostra non ho mai sentito parlare».
La prossima udienza è fissata per martedì 27 febbraio: saranno sentiti altri collaboratori di giustizia. 

«La verità è che in questa strage la mafia non c'entra. Questa è l’ennesima strage di Stato». Lo ha detto l’avvocato Luca Cianferoni, difensore di Totò Riina, unico imputato al nuovo processo per la strage del treno rapido 904 del 23 dicembre 1984, al termine della quarta udienza all’aula bunker di Santa Verdina a Firenze, commentando le testimonianze dei due collaboratori di giustizia, Calogero Ganci e Francesco Paolo Anzelmo ascoltati oggi dai giudici. «Forse è stata fiancheggiatrice, ma certo non l’ha ispirata» ha aggiunto.
Con Riina collegato in videoconferenza dal carcere di Parma, Cianferoni mentre il primo collaboratore, Ganci, rispondeva alle domande del pm Angela Pietroiusti, si è alzato e, quasi parlando tra sè ha commentato: «La verità è che Pippo Calò è innocente». Calò venne condannato all’ergastolo per la così detta 'strage di Natalè che causò 17 morti e 267 feriti. Ai giornalisti, a fine udienza, il legale ha spiegato che secondo lui i due collaboratori di cosa nostra ascoltati oggi, «erano in forte imbarazzo nel rispondere alle domande del pm e nel sostenere l'accusa contro Calò. Questo processo, per me, è finito prima di iniziare». Entrambi i testimoni al pm hanno risposto di non aver mai sentito parlare della strade del 904, ma entrambi hanno confermato che dall’83 Riina era a capo della commissione provinciale e regionale di cosa nostra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

8commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

1commento

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

2commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

1commento

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

tg parma

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore: protesta sulle due sponde del Po Video

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

PROMO NATALE

Abbonarsi conviene: la Gazzetta digitale con lo sconto del 28%

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande