19°

29°

ambiente

Smog, Parma maglia nera. Nel mirino il riscaldamento

Smog, Parma maglia nera. Nel mirino il riscaldamento
Ricevi gratis le news
10

Nel giorno in cui il rapporto di Legambiente sull'inquinamento delle città dà la maglia nera a Parma, il Comune passa all'attacco anche sul fronte riscaldamento.

 

Inquinamento: il Comune annuncia "guerra" anche nel settore del riscaldamento. Ecco il comunicato:

L’emergenza smog richiede interventi urgenti per rientrare nei limiti di legge, allo scopo di non pregiudicare la salute dei cittadini.
Il principale piano di azione riguarda il traffico, e su questo il Comune, insieme ad Arpa, ha già preannunciato l’adozione imminente di misure straordinarie, se non altro per superare il periodo più critico.
Peraltro Parma, che si trova proprio nell’epicentro della zona più inquinata di’Italia, ha registrato il più alto numero di sforamenti a livello regionale per le emissioni di PM 10.
Per questo si lavora anche sull’altro importante filone, quello del riscaldamento, responsabile di circa il 35% dello smog che ci perseguita nei mesi invernali.
Anche in questa materia il Comune non è rimasto inerte: l’Agenzia per l’energia sugli impianti termici civili, attiva dal 2011, ha censito oltre 55.000 impianti termici.
Lo stesso ente ha provveduto ad accertamenti d’ufficio sul 10% degli impianti censiti, ha inviato 400 richieste di messa a norma dell’impianto termico e sono state sanate il 99% delle criticità emerse.
Inoltre sono state inviate 200 richieste di adeguamento ai responsabili di centrali termiche e sono state effettuate 205 ispezioni direttamente sugli impianti termici.
Il Comune di Parma ha anche adottato misure aggiuntive rispetto a quelle previste nel protocollo regionale: l’ordinanza che fissa il limite del riscaldamento a 19 ° (che sarà inserito nel pacchetto del prossimo protocollo regionale) e la chiusura delle porte dei negozi quando il riscaldamento è in funzione (per il mancato rispetto di quest’ultimo provvedimento sono state elevate finora 23 contravvenzioni).
“Vorrei ribadire la necessità di rispettare sia l'ordinanza dei 19° che quella delle porte chiuse esercizi pubblici – puntualizza l’assessore all’ambiente Gabriele Folli - perché in questa situazione non ci possiamo permettere di sottovalutare nessuna misura utile a migliorare l’aria che respiriamo. Per questa ragione intensificheremo i controlli da parte della Polizia Municipale, ma soprattutto facciamo appello al senso civico dei cittadini, raccomandando il massimo impegno ad evitare sprechi di energia”
A questo proposito il Comune richiama l'attenzione sul fatto che dall'anno prossimo sarà obbligatoria (questa volta in forza di una legge nazionale) l’installazione dei “contabilizzatori” di calore per i condomini serviti da impianti centralizzati.

Il rapporto di Legambiente: inquinamento fuori controllo. E Parma ha il primato

(ANSA) - ROMA, 30 GEN - Inquinamento atmosferico, polveri e ozono fuori controllo, responsabili di patologie e morti premature. Situazione critica nell’area della pianura padana e nelle grandi città del centro-sud. Questo il quadro disegnato dal rapporto 'Mal'aria 2015' messo a punto da Legambiente, in cui si punta l’indice sul «trasporto su strada» tra le "principali fonti inquinanti in città».
Proprio le aree urbane sono quelle più in sofferenza per lo smog: 32 capoluoghi hanno registrato dall’inizio dell’anno oltre 10 giorni di superamento della soglia massima quotidiana consentita di PM10, (cioè micro particelle, per le quali il limite è di 35 superamenti in un anno); in testa alla classifica per le polveri sottili ci sono Frosinone e Parma con 20 giorni di superamento del limite. Ma anche alcune grandi città del centro-sud come Roma (12 giorni di superamento) e Napoli (11).
Secondo il monitoraggio di Legambiente nel 2014 ci sono stati 33 capoluoghi su 88 (37%) in cui almeno una centralina urbana ha superato il limite di giorni consentiti. Prima è ancora Frosinone con 110 giorni di superamento; seguono Alessandria (86) e Torino, Vicenza e Benevento (77). Tra le situazioni più preoccupanti per il PM10, il Veneto dove il 92% delle centraline supera il limite dei 35 giorni consentiti (a parte Belluno), poi Lombardia (68%), Piemonte (50%), Campania (44%), Lazio (33%), Emilia Romagna (30%). Per Legambiente «i livelli di esposizione dei cittadini rimangono elevati», per questo chiede un Piano urgente di intervento. (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Asterix

    30 Gennaio @ 19.17

    Invece io penso che la soluzione l'abbiamo già sotto gli occhi. L'inceneritore che preleva aria dall'autostrada e la migliora. Ne facciamo tre uno a ovest uno a est e l,ultimo a sud ... La città così sara sotto una cappa di aria "migliorata". Con tre inceneritori spegnano tutte le caldaie della città e delle frazioni con li fantastico teleriscaldamento che va già da dio. Prendiamo rifiuti da tutta Italia e risolviamo il problema delle multe UE per le discariche. Facciamo energia elettrica a la vendiamo ai modenesi e ai cremonesi. Con i soldi che arriveranno dai benefici rifiuti faremo ponti a go go sulla Parma metteremo rose al posto che viole risolveremo tutti i problemi del welfare apriremo cantieri in tutta la città e daremo lavoro a tutti e dico TUTTI (x chi vuol capire) poi daremo rimborsi d'oro all'auser altro che il misero caffè. Speriamo che a breve tornino gli altri e questi grillini vadano a casa.

    Rispondi

  • sabry

    30 Gennaio @ 18.35

    Assolutamente d'accordo con Stefano!! Se si chiudessero tutti i centri commerciali alla domenica porteremmo un buon contributo sotto tutti i fronti! Niente riscaldamento in funzione....i lavoratori a casa con le proprie famiglie e meno auto in giro a "cazzeggiare" per i centri commerciali..

    Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    30 Gennaio @ 18.06

    fuochino... ci state arrivando, finalmente...

    Rispondi

  • Maurizio

    30 Gennaio @ 17.10

    L’assessore Folli dice bene sull’obbligatorietà dei regolatori di calore negli impianti centralizzati però fate attenzione ai tecnici specializzati poco corretti, a me è capitato che il tecnico mi spacciasse l’installazione dei regolatori su singolo calorifero come obbligo per tutti i privati impianto centralizzato o termoautonomo che sia mentre non è vero, l’obbligo è giustamente per gli impianti centralizzati (ci sono molti che in casa devono stare in mezze maniche perché la temperatura talvolta è anche di 25 gradi…) ma non per chi ha il riscaldamento autonomo… io ho mandato gentilmente a quel paese il tecnico e per il prossimo anno mi affiderò ad altri

    Rispondi

  • Maurizio

    30 Gennaio @ 17.05

    Interessante il comunicato del comune ma siamo sicuri che gli impianti comunali siano a norma? Se andate a controllare gli impianti dei privati perché non controllate anche i vostri provvedendo alla normale manutenzione? Avete fatto analisi fumi e la pulizia delle vostre caldaie o centrali termiche? Penso di no….

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

Moto

Travolto dopo l'incidente, paura per Federico Caricasulo

SOCIETA'

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

curiosità

Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti