22°

Parma

De Bortoli a Parma: "I nuovi media sono straordinari. Ma non perdano la qualità"

De Bortoli a Parma: "I nuovi media sono straordinari. Ma non perdano la qualità"
Ricevi gratis le news
2

di Andrea Violi

I nuovi media proliferano e questo è un gran bene, secondo il direttore del Corriere della sera Ferruccio de Bortoli. È una rivoluzione che rende straordinario il momento storico nel quale viviamo. Un modo per confrontarsi sempre di più e sempre meglio con chi non la pensa come noi. Problemi ed errori non mancano, ma l'importante è che i giornalisti svolgano sempre il loro ruolo con onestà, nel rispetto per il lettore e per le persone in generale. Regole, queste, che valgono a prescindere.
de Bortoli ne ha parlato con gli studenti di Parma. Nell'aula magna dell'Università si è svolto il primo dei dibattiti di «Inchiostri d'autore». Al tavolo dei relatori, lo scrittore Guido Conti, l'assessore comunale Lorenzo Lasagna, il prorettore Guido Cristini e il direttore di Tv Parma Andrea Gavazzoli, che ha coordinato la discussione su «Scrittura e giornalismo».

«PIU' CONFRONTO CON I NEW MEDIA». Sono state toccate tante sfaccettature del lavoro dei giornalisti e il tema dei nuovi media (e l'apprezzamento di de Bortoli al riguardo) è emerso subito. Il direttore del Corriere sottolinea che il linguaggio giornalistico è stato la fucina di grandi scrittori. E attraverso questo linguaggio «l'Italia ha imparato a parlare». Oggi il linguaggio giornalistico è sempre più protagonista grazie a siti internet e altri nuovi media. «Non è che la scrittura venga dimnuita e svilita dai tanti mezzi di comunicazione moderna e dalla multimedialità - spiega de Bortoli -. I nuovi strumenti sono straordinari e rilanciano la comunicazione. Le e-mail hanno rilanciato una corrispondenza epistolare prima quasi abbandonata. Pensate - dice il direttore agli studenti - a quanta varietà di comunicazione abbiamo a disposizione. È un momento storico staordinario. Ci sono rivoluzioni di tutti i tipi. Nel 1969 la notizia della strage di Piazza Fontana fu data dal giornale del pomeriggio! La notizia del terremoto in Abruzzo invece è stata data nei primi minuti su Twitter».
L'aumento della comunicazione è positivo ma, avverte il direttore, non bisogna perdere di vista la qualità: «Conta l'onestà di quello che leggiamo e la correttezza di ciò che facciamo (come giornalisti, ndr). Le nostre responsabilità di comunicatori sono aumentate». Qui si pone il problema della verifica delle notizie, che resta indispensabile nonostante i tempi molto più veloci che in passato. Velocità non deve fare rima con approssimazione. Un aneddoto. Una volta, prima di un dibattito, il moderatore presentò de Bortoli leggendo il suo profilo professionale scaricato da un sito. Peccato che ci fossero diversi errori. E in passato un'imprecisione costò una querela (finita in condanna) anche al protagonista del dibattito.
Dare notizie su internet significa anche decidere rapidamente se e come pubblicare una notizia. L'ospite attinge all'esperienza di Corriere.it: «Ci poniamo spesso il dilemma: dare subito una notizia sul sito oppure aspettare». Ma è anche vero che ormai una notizia «non si può nascondere»; non come decenni fa, quando si poteva anche tenere nel cassetto una notizia, magari per non turbare l'ordine pubblico. De Bortoli approva convinto. E sottolinea che i nuovi media sono «una grande occasione per confrontarsi di più con gli altri che non la pensano come noi. Qualche volta invece si sono diffusi molto di più i sospetti e gli odi».

GIORNALISMO E POLITICA. La “chiacchierata” di Ferruccio de Bortoli con gli studenti parmigiani ha comunque spaziato sui temi di attualità. E' emersa la necessità di una migliore formazione dei giovani: «Non è mai stato fatto in questo Paese un giorno dedicato alla scuola e all'Università. Non si può avere una risposta solo con la scuola privata. Il grande tema della crescita del nostro Paese è la sua capacità di dare più formazione. E non finisce tutto con la laurea triennale, serve una formazione continua».
Sulla Costituzione: «La prima parte è stata scritta da una generazione che ha dato la vita e non accetto di buttarla tutta nel cestino. Però non è vero che nemmeno possa essere cambiata. È la “casa di tutti” e dev'essere preservata anche per le prossime generazioni. Se per ragioni di potere distruggo la casa comune, al di là della polemica di questi giorni, io la metto a repentaglio e passo ai giovani una casa che traballa».
Scottante il rapporto fra politica, magistratura e giornalismo. E un aneddoto fa capire quanto possa rivelarsi complesso. Un giorno un procuratore chiese ai giornali di non dare la notizia di un rapimento: rendendo pubblica la notizia si rischiava di far uccidere l'ostaggio. I direttori dei grandi giornali accettarono ma poco dopo cambiarono idea: un ministro, spiega de Bortoli, dichiarò che grazie al suo governo non c'erano più rapimenti. De Bortoli chiamò il magistrato per conto di tutti i direttori, avvertendolo che il patto non valeva più e la notizia - con le cautele del caso - sarebbe stata pubblicata. Il procuratore non la prese bene, De Bortoli ammette di aver temuto per le conseguenze, «ma per fortuna il rapimento finì bene».
Altro tema: chi si occupa di informazione non deve dimenticare «che esistono dei gradi di giudizio e delle garanzie per l'imputato» (da qui le critiche di de Bortoli a un certo giustizialismo del passato).
È capitato che persone con incarichi istituzionali abbiano querelato giornalisti: un atteggiamento che secondo il direttore del Corriere è dannoso. E può capitare che ci siano giornalisti militanti: scelta sbagliata, secondo il direttore del Corriere, che raccomanda di «non indossare una divisa o un elmetto». Meglio «fare i giornalisti e basta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Caterina

    20 Ottobre @ 20.31

    Volevo fare un'aggiunta: oltre i giornalisti spero che tutti ne tengano conto.

    Rispondi

  • Caterina

    20 Ottobre @ 20.29

    Condivido il contenuto e l'imparzialità di FERRUCCIO BORTOLI e spero che i giornalisti tengono conto di questo per una stampa corretta.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

9commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Economia

Rinnovato il contratto tra Number1 logistics Group e Barilla

"Obiettivi aziendali ma anche condivisione di valori"

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»