-3°

parma

Capitale della cultura 2017? Ecco i progetti del Comune

Capitale della cultura 2017? Ecco i progetti del Comune
1

Il dossier è stato consegnato al Governo il 30 marzo scorso: da lì è partita la candidatura di Parma a “capitale italiana della cultura” per l'anno 2017. L'impresa non è facile, i concorrenti sono molti e agguerriti, ma intanto si coltiva la speranza di entrare nel lotto delle finaliste. E comunque vada, resterà un progetto, un'idea di città, da consegnare in eredità anche a chi verrà dopo la conclusione della tornata amministrativa.
Le linee del progetto sono state illustrate lunedì sera a Casa della Musica dall'assessore Laura Maria Ferraris davanti ad un parterre composto da amministratori, parlamentari di Parma, rappresentanti di fondazioni e istituzioni culturali, insomma da tutti coloro – e sono tanti e qualificati – che hanno deciso di partecipare a questa affascinante “avventura” proposta dal Comune.

Il sindaco: parole d'ordine “bellezza, inclusione, sostenibilità”

“Con la partecipazione a questa iniziativa – ha affermato il sindaco Federico Pizzarotti in apertura dell'incontro – vogliamo delineare un'attività progettuale per Parma incentrata su bellezza, inclusione e sostenibilità, con l'auspicio che sia solo il primo passo di un'operazione destinata ad avere ulteriori sviluppi. Il filo conduttore della proposta – ha continuato il sindaco – è un ideale ponte fra passato e futuro, che collega le idee per proiettarci in avanti, per delineare i passi da compiere in vista di un obiettivo da raggiungere da parte di chi verrà dopo di noi: sarà questo il nostro messaggio e il regalo più bello per la città”.

Ferraris: Il 2017 sarà per Parma un compleanno molto speciale

“Nel 2017 – ha affermato l'assessore Laura Maria Ferraris – Parma festeggerà i 2.200 anni dalla sua fondazione. Partiamo da lì per proporre la nostra partecipazione al bando proposto dal Governo e proporci come capitale italiana della cultura e rappresentare così l'intera nazione. Vogliamo prendere coscienza del presente per individuare insieme le linee di sviluppo del futuro”.
L'assessore ha quindi declinato i temi che stanno alla base del progetto. Il primo è quello dell'ascolto. Conoscenza, creatività e innovazione, valorizzazione del patrimonio e cultura digitale saranno al centro dell'azione del Comune per creare una città accogliente e sostenibile, con una forte capacità attrattiva, capace di rappresentare al meglio ciò che vuole essere l'Italia.
Gli obiettivi indicati da Ferraris si possono sintetizzare in quattro punti: nuova relazione fra cittadini e patrimonio culturale, cultura come “economia della conoscenza”, produzione del sapere e motore della rigenerazione urbana; bellezza sostenibile, intesa come tutela ambientale e sostenibilità anche etica e morale, oltre che dello sviluppo economico; comunità diffusa, per rendere Parma sempre più coesa e accogliente, capace di utilizzare anche la cultura per rompere le barriere della solitudine, di affermare il diritto e il dovere di ciascuno di essere protagonista della propria vita.

L'assessore Ferraris ha quindi spiegato perché è stato scelto il “ponte” come filo conduttore del progetto: “Il ponte indica il passaggio, l'andare oltre, il superare gli ostacoli, e per Parma si va dal Ponte Romano, cardine di uno degli interventi di rigenerazione urbana che stanno alla base della proposta, al ponte a nord, il grande incompiuto, che non siamo ancora riusciti a metabolizzare”.

I progetti

Da qui, da questa idea generale di città nascono i progetti che vengono proposti da realizzare a sostegno della candidatura di Parma.
Il primo è quello relativo alla rigenerazione e qualificazione del centro storico, puntando sul progetto “Aemilia 187 a.C., con la valorizzazione del ponte Romano e la creazione di un sistema museale integrato.
Il secondo progetto è dedicato al cinema, che con Parma ha un rapporto molto speciale, “Ciak si rigenera””, che prevede la creazione di un distretto di cinematografia documentaria al Cinghio e l'acquisizione dell'Archivio Bertolucci.
“Il Giardino ritrovato” dovrà restituire una nuova identità al Parco Ducale, con interventi incentrati su Palazzetto Eucherio Sanvitale e Serre.
Infine il “Programma d'ascolto”, incentrato sulla musica, altro brand di Parma, con i 150 anni dalla nascita di Arturo Toscanini e un concorso per direttori d'orchestra, un festival della musica barocca e il festival Verdi 2017; inoltre, sempre legati al tema dell'ascolto, ci saranno un “novembre dell'innovazione digitale” e l'incontro fra giovani e grandi artisti.
E' prevista anche l'identificazione di 2.200 persone come testimonial di Parma per il 2.200° compleanno della città.
Cooperazione fra pubblico e privato, orgoglio, identità condivisa, riscoperta dei valori come comunità saranno le leve su cui poggerà questo piano strategico, che guarda ben oltre il 2017: “Spero – ha concluso Ferraris – che nessuno di voi voglia rinunciare a proseguire questo viaggio che oggi si trova sul punto di partenza”.

Paolo Verri, consulente di Matera: “Non esiste tradizione senza innovazione”

Alla presentazione ha partecipato Paolo Verri, torinese, organizzatore di eventi e consulente di Matera, già designata capitale europea della cultura 2019: “Accettare le sfide, avere voglia di fare squadra, tenere insieme ciò che ci accomuna – ha affermato Verri - sono gli ingredienti giusti per arrivare a centrare il risultato. Il brand Parma è fortissimo – ha proseguito – siete seduti su un forziere, con patrimoni come Verdi e Toscanini, musica e cinema, ma sono opportunità da cogliere, non certezze acquisite che arrivano da sole. La candidatura della città – ha concluso – va vissuta collettivamente, serve per capire se c'è accordo sull'idea di comunità e quale contributo può dare il prodotto Parma al sistema Paese”.
Parma, insomma, l'ha presa sul serio, considera comunque la candidatura come occasione importante per il suo futuro indipendentemente dal risultato finale, che comunque non avrebbe effetti trascurabili, sia dal punto di vista economico che promozionale.
Nelle prossime settimane si conosceranno i nomi delle città finaliste e in estate sapremo chi sarà la “capitale italiana della cultura 2017: per Parma sarebbe il più bel regalo di compleanno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • enrico

    28 Aprile @ 12.24

    Iniziativa stupenda, che non può che ridare un po di carica alla nostra città. Ne aveva bisogno. Bravo Pizzarotti e la sua giunta. Così la gente vi vuole. Enrico, ex elettore di sinistra.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Libri e dischi, non si sbaglia mai: la cultura è sotto l’albero

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

Lealtrenotizie

Una patente

Una patente di guida

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

3commenti

tg parma

Abusi ripetuti su due bimbe, pedofilo condannato a 6 anni Video

Violenze nei confronti della cuginetta e di una nipote

anteprima gazzetta

Il caso di via D'Azeglio: "Il supermercato non deve chiudere" Video

Allarme povertà, la comunità di Sant'Egidio raddoppia il pranzo di Natale

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

3commenti

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

In piazza garibaldi

Continua "Come una volta", il gran mercato della biodiversità

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Salute

L'influenza ha già messo a letto quasi 500 mila italiani

I contagi aumentano durante le feste. La campagna vaccinale continua fino a fine dicembre

politica

Bilancio del Comune, Alfieri attacca: "Cittadini spremuti?"

"Ci hanno detto che eravamo pieni di debiti, tasse e tariffe dovevano essere al massimo. Ora compare un tesoretto di 138 milioni di euro?"

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Calciomercato

Il Parma voleva Castagnetti. Ma era legato a Vagnati

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

in pillole

Ford Kuga:
il facelift