-3°

Parma

E intanto arriva la proposta del Borgo e di Parma Domani: "Perché non fare una metropolitana di superficie?"

E intanto arriva la proposta del Borgo e di Parma Domani: "Perché non fare una metropolitana di superficie?"
Ricevi gratis le news
17

Una metropolitana di superficie. Come quella di Montpellier, Strasburgo, Friburgo. Questa la proposta del Circolo culturale "Il Borgo" e del Gruppo "Parma Domani" condivisa da Legambiente e Wwf parmigiani per superare la situazione di impasse attuale legata alla questione metro.
"Continuiamo a pensare che la soluzione corretta per Parma sia quella di una mobilità che abbia come elemento portante un nuovo sistema di trasporto pubblico di superficie, a guida vincolata, articolato a rete - scrivono in una nota -  E’ una scelta che presuppone progettualità, una profonda conoscenza e valutazione del sistema urbano, la volontà di coordinare più interventi ed esigenze, a cominciare da quelli del traffico veicolare, e soprattutto di quello ciclabile. Ma è una strada necessaria, che non tradisce la finalità alla base dell’idea di metropolitana; rispetto alla metropolitana sotterranea. una metrotramvia di superficie ne migliora radicalmente la capacità di attrazione dell’utenza, con costi di costruzione e di gestione drasticamente più contenuti".

Il documento fa poi riferimento a Firenze, dove è nata una società mista pubblico-privata per la realizzazione dell'opera e la sua futura gestione "che favorisca l’ingresso di capitali e di competenze in soccorso di una finanza pubblica che anche a Parma soffre di carenza di risorse". Il progetto - si precisa - dovrebbe coordinarsi con i grandi progetti in corso in città, dalla nuova Stazione a piazza Ghiaia alle Greenways". "Occorrerà fare presto e sarà importante che ciascuno faccia la sua parte. Se la città di Parma avrà il coraggio di puntare  su un sistema di tramvia di superfici - continua il testo - anche gli enti sovraordinati, Regione e Provincia in particolare, devono assumersi il compito di accelerare i processi di realizzazione del già previsto sistema di trasporto su ferro di scala provinciale per collegare la città ai centri limitrofi".

Il circolo culturale Il Borgo e il Gruppo Parma Domani partono dal presupposto che il momento di stand-by possa rappresentare un'occasione "preziosa per approfondire le prospettive di una mobilità sostenibile a Parma". Secondo gli scriventi, le perplessità eran legate alla sottostima dei costi di realizzazione, dalla sovrastima della previsione di domanda, ovvero del numero di utenti, dall'inadeguatezza della infrastruttura, pure a fronte di un investimento enorme di risorse, in relazione al sistema locale e di mobilità.
"L’obiettivo oggi deve essere quello di conservare alla città ed in particolare al capitolo del trasporto pubblico e della mobilità sostenibile i finanziamenti già erogati - spiega il documento - elaborando proposte alternative efficaci, senza tradire le finalità generali del progetto. Riteniamo tuttavia che l’unica strada possibile sia quella una rivisitazione radicale del progetto, che ne mantenga quelle finalità che hanno reso possibile il suo inserimento tra le opere strategiche nazionali e quindi l’erogazione del contributo. Se questo potesse essere un pensiero condiviso, la città dovrebbe sentirsi collettivamente impegnata verso uno sforzo comune di rinegoziazione del finanziamento con lo Stato, tramite il Ministero e CIPE, valutando nel contempo il ruolo concreto, che oggi assume il Contraente Generale, che è evidentemente, a pieno titolo, parte in causa".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Elena

    20 Novembre @ 20.04

    E poi dove la fate passare? Ma è possibile scrivere certe proposte? Il tratto del centro storico si deve fare in sotterranea e solo in questo modo potremo fare concorrenza alle auto, non per obbligo ma per convenienza, velocità, praticità!

    Rispondi

  • mauro

    19 Novembre @ 19.22

    vabbe' facciamo un gioco cosa buttiamo dalla torre? la metropolitana di parma o il ponte sullo stretto? i mostricciattoli della modernita'

    Rispondi

  • Marco

    19 Novembre @ 14.39

    Credo che nessuna metropolitana di superficie potrebbe andare alla stessa velocità di una sotterranea per motivi di sicurezza, quindi alla fine sarebbe un normale tram, ma allora dove è il miglioramento? Cinque minuti in meno rispetto all'autobus?

    Rispondi

  • Giangi

    19 Novembre @ 13.01

    Sono stato a Strasburgo ho visto la loro metro di superfice, un progetto così deve prevedere la completa rivisitazione del traffico e delle abitudini di tutti, coi nostrii ingorghi un simile trasporto non regge, i parmigiani devono mutare le loro pessime abitudini, basti guardare la mattina il Lungoparma.....lasciare le auto a casa, usare la metro leggera e le bici come fanno in nord Europa dove il cliime non è certo mite come il nostro! e l'aria meno inquinata.

    Rispondi

  • popsylon

    19 Novembre @ 10.13

    Forse mi sbaglio, ma non esiste un progetto di metro leggera da realizzarsi sul Lungoparma?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Arresti carabinieri

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

5commenti

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

2commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia questa mattina

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Evasione di tasse in Olanda: l'Unione europea apre un'indagine su Ikea

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento