11°

17°

Parma

Montanara: corteo antifascista e riunione a Casa Pound senza incidenti - E il dibattito prosegue fra i nostri lettori

Montanara: corteo antifascista e riunione a Casa Pound senza incidenti - E il dibattito prosegue fra i nostri lettori
Ricevi gratis le news
90

LA CRONACA  - Partito il corteo antifascista. Partecipazione folta. Ovviamente presenti le forze dell'ordine. Per ora tutto tranquillo.

Alle 17 era in programma la riunione della stessa associazione di estrema destra.  Ma la manifestazione, che non si è ancora conclusa, è transitata all'altezza della sede di via Jacchia senza incidenti: tutto si è limitato ad alcuni slogan. Nel parco Montermini si sono svolte alcune letture antifasciste. Ha preso la parola anche Renato Lori, in rappresentanza dell'Associazione Partigiani.

Altri slogan alle 17,30 all'incrocio via Manzoni-via Campioni. Poi il corteo (di cui a questo punto nessuno sembra conoscere bene itinerario e orario di conclusione. I manifestanti si sono spostati versi via Carmignani, ed è stata disposta la chiusura di via Montanara. Ovviamente, in questa situazione,  ci sono anche problemi per il traffico.

Alle 18,20 gli ultimi interventi nel corteo, e poi la conclusione della manifestazione: fra gli altri gli interventi di Albertina Soliani e di Adelmo Cervi (figlio di uno dei 7 fratelli Cervi).

Oggi due pagine con immagini e interviste sulla Gazzetta di Parma in edicola

Libertà di pensiero e limiti della Costituzione: partecipa alla discussione nel nostro spazio commenti

LA VIGILIA - Nel quartiere Montanara si preannuncia un sabato ad alta tensione: da una parte il corteo del Comitato antifascista per dire no, ancora una volta, alla presenza di Casa Pound in città. Dall'altra, l'arrivo nel centro sociale di via Iacchia del leader nazionale di Casa Pound, Gianluca Iannone.

Gli orari dei due appuntamenti sono «pericolosamente» vicini: il corteo partità alle 14.30 da largo 8 Marzo. Alle 17 inizierà invece la riunione del gruppo di estrema destra, come è stato annunciato ieri. «La manifestazione vuole essere uno stimolo di fronte all’assenza di risposte da parte delle istituzioni», diceva ieri mattina Stefano Manici del Comitato antifascista. «La nostra non sarà una contromanifestazione», fanno sapere da Casa Pound.

La speranza, ovviamente, è che ci si limiti ad un confronto di idee, e che i contrapposti appuntamenti del pomeriggio non sfocino in incidenti che riportino la città al clima degli anni '70. La zona, fin da questa mattina, è presidiata dalle forze dell'ordine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luca

    27 Novembre @ 16.01

    In Polonia è stata presentata una legge per mettere al bando tutti i simboli del comunismo. A questo punto anche indossare t-shirt con l'immagine di Che Guevara o solamente canticchiare l'Internazionale nelle strade di Varsavia sarà considerato un crimine. Molti storici polacchi concordano sul fatto che quello comunista fu un sistema terribile e omicida che causò la morte di milioni di vite. Ha dichiarato lo storico Wojciech Roszkowski. «Non è sbagliata la comparazione con il nazismo - sottolinea lo studioso polacco - e per questo i due sistemi e i loro simboli devono essere trattati allo stesso modo». Nelle scorse settimane la Polonia infatti è stato il Paese che più si è battuto contro la candidatura di Massimo D'Alema a Ministro degli Esteri dell'Ue definendo baffino «un problema» per il suo passato comunista. Ma guarda un pò che matti sti polacchi...

    Rispondi

  • ROBERT

    24 Novembre @ 10.53

    Quando vedo queste "pagliacciate" sono sempre più convinto che bisogna votare a destra...

    Rispondi

  • Luca

    23 Novembre @ 14.01

    Floris, io non casco proprio. 1. non ho mai accomunato Marx a Stalin (sarebbe impossibile farlo visto che il primo è un filosofo-economista e il secondo un sanguinario dittatore). Ritengo, anzi, il lavoro di Marx importante ed interessante. Legga con attenzione prima di accendersi e accusare. 2. ho citato Guevara per il semplice fatto che c'è gente che lo prende ad esempio/mito ignorando i morti di Castro e Guevara (ma lei può liberamente negarli). Ricordo che non vi furono solo esecuzioni, ma anche deportazioni e lavori forzati nei campi sotto la sorveglianza armata delle forze armate della rivoluzione. Lo stesso Guevara ammise le fucilazioni (assemblea ONU del '64). Citare Guevara è d'attualità alla pari del fascismo. 3. "quelli come lei" non è offensivo, va inteso come coloro i quali (ma naturalmente lei può offendersi quanto le pare). 4. di comunisti nostalgici di Stalin ce ne sono e ne ho conosciuti (tra questi un professore di scuola superiore); fatto grave quanto inneggiare a Hitler. Se a lei sono noti solo i fanatici di Hitler non significa che gli staliniani non esistano. 5. a lei non basterebbero nemmeno i morti riesumati come prova "inoppugnabile" dei crimini della dittatura castrista. Se le citassi le fonti lei direbbe che sono montature della CIA. Gli interessati, tanto per iniziare, possono leggersi gli scritti di Alvaro Vargas Llosa. Chi è stato a Cuba (non nel villaggio vacanza) sa benissimo in che condizioni viva il popolo cubano. E' fatto di questi giorni la violenza subita dalla blogger Yoani Sanchez, che è stata prelevata a forza e picchiata dalla polizia cubana. E' stata insignita di vari premi ma non può andare a ritirarli perché le è vietato uscire dal paese. Allora si capisce come mai questi poveri disperati affrontino l'oceano su zattere di fortuna pur di scappare dal paradiso creato da Castro e Guevara. 6. E' vero che le ideologie nazista e comunista era radicalmente differenti (c'è qualcuno che afferma il contrario?), ma le sofferenze che hanno provocato sono le medesime.

    Rispondi

  • Marco

    23 Novembre @ 11.56

    Bravo piripicchio, tu continua pure a immaginare, che intanto il mondo reale va avanti...

    Rispondi

  • Matteo

    23 Novembre @ 11.49

    X Piripicchio: o non hai letto la mia mail o non l’hai capita. A me di CP frega non più del sapere di aver fatto 1 al Superenalotto, ridicoli loro come altri. Quindi il mio pensiero non è per nulla scontato, anche se ad onor del vero è quanto di più lontano, ma democraticamente ammissibile e degnamente coerente, ci sia (forse) dal vostro, che ancora avete il coraggio di ostentare. Ed il perché è stato (penso) esaustivamente e razionalmente giustificato. Purtroppo, ma ormai è una costante quando si parla di certi argomenti, sembra che l’antifascismo debba essere la priorità ancora oggi per qualcuno, a scapito di problemi ben più tangibili e reali. Secondo me la vs manifestazione ha avuto il valore che avrebbe potuto assumere una manifestazione contro la possibile rinascita dell’Impero Ottomano o dell’Impero Romano d’Occidente, ma obbiettivamente non rientrando nei vs schemi mentali non mi preoccupo più di tanto. Perché? Perché qualora tra 10-15 anni qualcuno chiederà conto del perché la gente non si sia mossa nel 2010 per arginare il crescente problema dell’immigrazione incontrollata a favore di autentiche fesserie e sciocchezze, non sarò io a dovermi giustificare. In compenso magari io sarò tra quelli che (letteralmente esausto ma non con il manganello in mano) verranno a bussare alle vs porte. Sono onestamente e serenamente contento per te se non percepisci questo pericolo. Peccato che da tutte le parti si senta il bisogno di porvi rimedio.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

1commento

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va