15°

29°

inceneritore

Stop all'aumento dei rifiuti: la Regione non interverrà

L'inceneritore di Ugozzolo

L'inceneritore di Ugozzolo

Ricevi gratis le news
10

La Regione non può bloccare gli iter autorizzativi per il potenziamento degli inceneritori di Parma e di Forlì. Lo ha detto, nell’aula del Consiglio regionale, l’assessore all’Ambiente Paola Gazzolo, rispondendo ad una richiesta del consigliere del Movimento 5 Stelle Gian Luca Sassi.
«La facoltà di sospendere gli iter autorizzativi in corso - ha spiegato Gazzolo - è in capo ad altre amministrazioni, non rientra tuttavia tra i compiti della Regione». L’Emilia-Romagna, tuttavia, ha già fatto presente che il piano regionale dei rifiuti «ha tra i suoi obiettivi l’autosufficienza allo smaltimento dei rifiuti urbani e speciali prodotti sul territorio regionale, per cui la capacità dell’impiantistica è strettamente commisurata a questa esigenza».
La richiesta avanzata da Sassi fa riferimento alla possibilità contenuta dallo "Sblocca Italia" di far confluire rifiuti di altre regioni in Emilia-Romagna. Possibilità che ha portato i gestori, Iren per Parma ed Hera per Forlì, ad avviare l'iter per arrivare ad un ampliamento delle capacità di smaltimento degli inceneritori: portare, cioè, Parma da 130 a 195 tonnellate e Forlì da 120 a 180.
«Dobbiamo prendere atto - ha detto Sassi - che la Regione non ha nè la volontà, nè i poteri per agire. Ci troviamo quindi in un limbo che non dà certezze, dove si subiscono le decisioni assunte dalle Province, mentre la Regione fa melina. E’ tuttavia evidente, almeno a noi, che è assolutamente necessario evitare la trasformazione e il potenziamento di questi impianti».

La risposta

Risposta in aula dell’assessore Gazzolo all’interrogazione presentata dai consiglieri regionali del M5S, Gian Luca Sassi ed Andrea Bertani. Dalla Regione nessuna certezza sulla riclassificazione degli impianti: “Questione competenza utilizzata per nascondere la poca volontà di intervenire, servono impegni concreti. Il progetto della produzione energetica è un fallimento in partenza ed economicamente insostenibile”.

“Solo pensare che impianti che nascono per la gestione dei rifiuti possano un giorno produrre energia per altri, visto che oggi non riescono a nemmeno ad alimentare se stessi, è pura utopia oltre ad essere un’operazione economicamente insostenibile”. Nessuna certezza sulla riclassificazione degli inceneritori di Parma e di Forlì, e di conseguenza sull’aumento delle quantità di rifiuti bruciati: è questa la sintesi della risposta che l’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo, ha fornito questa mattina in aula ad una interrogazione presentata dai consiglieri del M5S Gian Luca Sassi ed Andrea Bertani. Nella loro interrogazione i due esponenti del M5S avevano chiesto, alla luce della grande incertezza normativa che ruota attorno agli impianti di incenerimento dei rifiuti (tra procedure di infrazione europee, decreto Sblocca Italia e riordino delle competenze delle Province) che fossero congelate le autorizzazioni per l’aumento delle tonnellate di rifiuti bruciati negli inceneritori di Parma e Forlì. “L’assessore Gazzolo ha detto in aula che la Regione non agirà in alcun modo verso le Province, nonostante vi sia in atto il riordino istituzionale regionale che varia le competenze in materia. Crediamo però che sia un aspetto positivo il fatto che si sia espressa contro l’applicazione dell’art.35 ma dopo questa presa di posizione ci aspettiamo che arrivino dei fatti concreti, come un efficace pressing sul Governo e delle conferme normative all’interno del piano regionale rifiuti. – spiegano i consiglieri Sassi e Bertani – Fare melina, tergiversare sulle autorizzazioni, non fa altro che aumentare il senso di incertezza e le paure dei cittadini. Condizione aggravata ancora di più dal limbo e vuoto normativo in cui ci troviamo. La soluzione, a nostro avviso, era semplice e chiara visto che solo parlare di produzione di energia per gli inceneritori è un controsenso – concludono – Avallare queste richieste significa, oltre a mettere ulteriormente a rischio l’ambiente e la nostra salute, anche rassegnarsi a un aumento delle tariffe che saranno sempre più salate. Altro che risparmi e autosufficienza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la camola

    16 Giugno @ 18.48

    Se per caso aumentasse la quantità di rifiuti bruciati, proveniente anche da altre regioni chi prenderebbe i soldi ? quali partiti o quali persone ad essi iscritti ne avrebbero benefici ?. è stato sincero quel presidente di provincia che andava affermando che non sarebbero MAI stati bruciati rifiuti provenienti da altre regioni ?

    Rispondi

    • Vercingetorige

      17 Giugno @ 10.18

      Quel "Presidente di Provincia" , a quel tempo era sincero , perchè parlava di cose che , all' epoca , potevano rientrare nelle sue competenze . Oggi non più , perchè è subentrato lo Stato.

      Rispondi

      • Maurizio

        17 Giugno @ 15.51

        Aggiungo che quel presidente della provincia in campagna elettorale per diventare sindaco di parma è stato l'unico candidato sindaco sempre coerente a parlare della vicenda, altri a partire da pizzarotti passando per ghiretti hanno raccontato frottole, il primo dicendo che lo avrebbe smontato o che avrebbe portato i rifiuti da un’altra parte (bravo, li porti ad inquinare da altre parti inquinando anche nel trasportarli…) e il secondo l’unico a parlare di affamarlo e che adesso critica la giunta perché lo vuole affamare… bisogna commentare altri candidati sindaci che davano la colpa a bernazzoli giocando sull’equivoco di autorizzazione provinciale?

        Rispondi

    • Vercingetorige

      17 Giugno @ 10.08

      I soldi per i rifiuti bruciati provenienti da altre Regioni non andrebbero a "partiti o a persone ad essi iscritti " , ma alle Società che svolgeranno questo lavoro , compresa IREN , di cui il Comune di Parma è azionista , e che , perciò , parteciperà alla spartizione del dividendo .

      Rispondi

  • salamandra

    16 Giugno @ 18.06

    Il PD a Roma ha deciso che dobbiamo diventare la pattumiera d'Italia e il PD della regione non si oppone (tanto il sedere è il nostro).

    Rispondi

    • Vercingetorige

      17 Giugno @ 10.01

      IL PD a Roma non ha deciso niente ! LA DECISIONE E' STATA PRESA DAL GOVERNO , che si regge su una maggioranza di coalizione del PD con la Destra . A prescindere dal fatto che l' attuale Segretario Nazionale del PD è un democristiano . "Pattumiera d' Italia" , se così la vogliamo chiamare , diventeranno le Regioni che dispongono di più inceneritori , le quali dovranno bruciare , oltre ai propri , anche i rifiuti di quelle che non ne hanno ( o ne hanno meno) . In prima linea ci sono la Lombardia ( governata dalla Lega ) , l' Emilia - Romagna e la Toscana ( governate dal PD ) . I "PD della Regione" non hanno nessuna facoltà di "opporsi" ad una Legge dello Stato !

      Rispondi

  • Samuele

    16 Giugno @ 16.04

    Vediamo se il pd di parma ha il coraggio di prendersi la responsabilità di far aumentare i rifiuti bruciati con il rudo che viene da fuori provincia loro che ci tengono al bene dei parmigiani...

    Rispondi

    • Vercingetorige

      17 Giugno @ 09.43

      La decisione di far bruciare , laddove ci sono più inceneritori , i rifiuti di chi ne ha meno, o non ne ha affatto , E' DEL GOVERNO , NON DEL PD DI PARMA , che deve rispettare la Legge , come tutti gli altri , "grillamento" compreso .

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Magiafuoco/2

monchio

Se in Appennino arriva Mangiafuoco Video

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

6commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

2commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

22commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti