17°

32°

Emilia-Romagna

Inceneritore, Legambiente attacca politici e multiutility

Inceneritore di Ugozzolo

Inceneritore di Ugozzolo

Ricevi gratis le news
1

Legambiente contesta i progetti di ampliamento degli inceneritori di Parma e Forlì e attacca le multiutility Hera e Iren. L'associazione critica gli enti pubblici, in particolare "la totale mancanza di possibilità (o volontà) delle amministrazioni pubbliche di controllare queste aziende e di guidarne l’operato nel rispetto delle reali volontà e aspettative della collettività". Il comunicato di Legambiente attacca anche "l’arroganza di multiutility che si dicono a servizio del territorio, infischiandosi però delle indicazioni date da amministrazioni locali e Regione".

Ecco il comunicato integrale di Legambiente: 

L’approvazione dello Sbloccaitalia, norma che contiene nel suo articolo 35 il rilancio della tecnologia dell’incenerimento, ha fatto scattare in Emilia Romagna la corsa delle due grandi multiutility locali, Hera ed Iren, all’ampliamento dei loro impianti di incenerimento, scavalcando con arroganza la volontà dei cittadini e delle amministrazioni locali di andare verso una gestione dei rifiuti basata su riduzione dello smaltimento e raccolta differenziata.

In queste settimane sul tema degli inceneritori stanno uscendo prepotentemente tutte le contraddizioni del governo delle multyutility a maggioranza pubblica della nostra regione.
Con l’articolo 35 dello Sbloccaitalia, il governo impartisce un colpo durissimo alla gestione efficiente dei rifiuti facendo la scelta sbagliata di scaricare i problemi nazionali su pochi territori, e rilanciando sulla nostra regione una tecnologia declinante, proprio quando la gestione virtuosa dei rifiuti in molti Comuni sta già mettendo fuori mercato gli inceneritori attuali.
Alla luce di questa norma che permette di ampliare le potenzialità in tonnellate degli impianti, sia IREN che HERA hanno presentato richiesta (e diffide?) per ampliare la potenzialità di loro impianti.

Questo nel momento in cui il Piano Regionale Rifiuti (adottato dalla precedente giunta, ma non ancora approvato), aveva già segnalato che la dotazione impiantistica di questa regione era più che sufficiente, indicando addirittura la possibilità di chiudere gli impianti di Piacenza e Ravenna entro il 2020. Una beffa, quindi, perpetrata dalle aziende ai danni della pianificazione regionale, giustificata dalla ricerca del mero profitto e dell’aumento dei fatturati e dei dividendi per i Comuni, che intende utilizzare gli impianti in una logica di puro business.
In particolare le richieste riguardano l’impianto di Parma che dovrebbe essere portato a circa 190.000 t contro le 130.000 t attuali, e quello di Forlì che da 120.000 t potrebbe arrivare a circa 180.000 t, a seconda del potere calorifico dei rifiuti bruciati.
Una situazione che evidenzia, da una parte, la totale mancanza di possibilità (o volontà) delle amministrazioni pubbliche di controllare queste aziende, e di guidarne l’operato nel rispetto delle reali volontà e aspettative della collettività, dall’altra, l’arroganza di multiutility che si dicono a servizio del territorio, infischiandosi però delle indicazioni date da amministrazioni locali e Regione.

Poiché suona incredibile che aziende in cui il pubblico è ancora socio di maggioranza, possano agire in palese contraddizione a tale mandato, si avvalora l’ipotesi di un gioco delle tre carte da parte dei sindaci.

Da tempo Legambiente segnala che difficilmente i Comuni potranno esercitare un ruolo di indirizzo e di vero controllo delle multiutility se continueranno ad incassare gli ingenti utili derivanti dalle scelte di queste aziende (e l’impiantistica sui rifiuti è sicuramente un settore lucrativo). Il risultato di questa anomalia è un rilevante problema di trasparenza nella governance.

Nel chiedere innanzitutto alle aziende di ritirare le loro istanze di ampliamento delle potenzialità di incenerimento, Legambiente rinnova con forza la richiesta alla Regione di farsi garante del coordinamento tra le azioni dei sindaci azionisti, indirizzandone le scelte nel rispetto del bene della collettività e non di una mera logica di profitto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti