10°

22°

Emilia-Romagna

Inceneritore, Legambiente attacca politici e multiutility

Inceneritore di Ugozzolo

Inceneritore di Ugozzolo

Ricevi gratis le news
1

Legambiente contesta i progetti di ampliamento degli inceneritori di Parma e Forlì e attacca le multiutility Hera e Iren. L'associazione critica gli enti pubblici, in particolare "la totale mancanza di possibilità (o volontà) delle amministrazioni pubbliche di controllare queste aziende e di guidarne l’operato nel rispetto delle reali volontà e aspettative della collettività". Il comunicato di Legambiente attacca anche "l’arroganza di multiutility che si dicono a servizio del territorio, infischiandosi però delle indicazioni date da amministrazioni locali e Regione".

Ecco il comunicato integrale di Legambiente: 

L’approvazione dello Sbloccaitalia, norma che contiene nel suo articolo 35 il rilancio della tecnologia dell’incenerimento, ha fatto scattare in Emilia Romagna la corsa delle due grandi multiutility locali, Hera ed Iren, all’ampliamento dei loro impianti di incenerimento, scavalcando con arroganza la volontà dei cittadini e delle amministrazioni locali di andare verso una gestione dei rifiuti basata su riduzione dello smaltimento e raccolta differenziata.

In queste settimane sul tema degli inceneritori stanno uscendo prepotentemente tutte le contraddizioni del governo delle multyutility a maggioranza pubblica della nostra regione.
Con l’articolo 35 dello Sbloccaitalia, il governo impartisce un colpo durissimo alla gestione efficiente dei rifiuti facendo la scelta sbagliata di scaricare i problemi nazionali su pochi territori, e rilanciando sulla nostra regione una tecnologia declinante, proprio quando la gestione virtuosa dei rifiuti in molti Comuni sta già mettendo fuori mercato gli inceneritori attuali.
Alla luce di questa norma che permette di ampliare le potenzialità in tonnellate degli impianti, sia IREN che HERA hanno presentato richiesta (e diffide?) per ampliare la potenzialità di loro impianti.

Questo nel momento in cui il Piano Regionale Rifiuti (adottato dalla precedente giunta, ma non ancora approvato), aveva già segnalato che la dotazione impiantistica di questa regione era più che sufficiente, indicando addirittura la possibilità di chiudere gli impianti di Piacenza e Ravenna entro il 2020. Una beffa, quindi, perpetrata dalle aziende ai danni della pianificazione regionale, giustificata dalla ricerca del mero profitto e dell’aumento dei fatturati e dei dividendi per i Comuni, che intende utilizzare gli impianti in una logica di puro business.
In particolare le richieste riguardano l’impianto di Parma che dovrebbe essere portato a circa 190.000 t contro le 130.000 t attuali, e quello di Forlì che da 120.000 t potrebbe arrivare a circa 180.000 t, a seconda del potere calorifico dei rifiuti bruciati.
Una situazione che evidenzia, da una parte, la totale mancanza di possibilità (o volontà) delle amministrazioni pubbliche di controllare queste aziende, e di guidarne l’operato nel rispetto delle reali volontà e aspettative della collettività, dall’altra, l’arroganza di multiutility che si dicono a servizio del territorio, infischiandosi però delle indicazioni date da amministrazioni locali e Regione.

Poiché suona incredibile che aziende in cui il pubblico è ancora socio di maggioranza, possano agire in palese contraddizione a tale mandato, si avvalora l’ipotesi di un gioco delle tre carte da parte dei sindaci.

Da tempo Legambiente segnala che difficilmente i Comuni potranno esercitare un ruolo di indirizzo e di vero controllo delle multiutility se continueranno ad incassare gli ingenti utili derivanti dalle scelte di queste aziende (e l’impiantistica sui rifiuti è sicuramente un settore lucrativo). Il risultato di questa anomalia è un rilevante problema di trasparenza nella governance.

Nel chiedere innanzitutto alle aziende di ritirare le loro istanze di ampliamento delle potenzialità di incenerimento, Legambiente rinnova con forza la richiesta alla Regione di farsi garante del coordinamento tra le azioni dei sindaci azionisti, indirizzandone le scelte nel rispetto del bene della collettività e non di una mera logica di profitto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

55 offerte di lavoro

OPPORTUNITA'

55 nuove offerte di lavoro

Lealtrenotizie

Furto in vialla a Langhirano

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

5commenti

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

2commenti

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto Video

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

9commenti

Monticelli

Obbligo di firma, ma scappa con scooter rubato

1commento

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

1commento

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

SPORT

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

Calcio

Spareggi Mondiali: Italia con la Svezia

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel