-3°

Emilia-Romagna

Inceneritore, Legambiente attacca politici e multiutility

Inceneritore di Ugozzolo

Inceneritore di Ugozzolo

Ricevi gratis le news
1

Legambiente contesta i progetti di ampliamento degli inceneritori di Parma e Forlì e attacca le multiutility Hera e Iren. L'associazione critica gli enti pubblici, in particolare "la totale mancanza di possibilità (o volontà) delle amministrazioni pubbliche di controllare queste aziende e di guidarne l’operato nel rispetto delle reali volontà e aspettative della collettività". Il comunicato di Legambiente attacca anche "l’arroganza di multiutility che si dicono a servizio del territorio, infischiandosi però delle indicazioni date da amministrazioni locali e Regione".

Ecco il comunicato integrale di Legambiente: 

L’approvazione dello Sbloccaitalia, norma che contiene nel suo articolo 35 il rilancio della tecnologia dell’incenerimento, ha fatto scattare in Emilia Romagna la corsa delle due grandi multiutility locali, Hera ed Iren, all’ampliamento dei loro impianti di incenerimento, scavalcando con arroganza la volontà dei cittadini e delle amministrazioni locali di andare verso una gestione dei rifiuti basata su riduzione dello smaltimento e raccolta differenziata.

In queste settimane sul tema degli inceneritori stanno uscendo prepotentemente tutte le contraddizioni del governo delle multyutility a maggioranza pubblica della nostra regione.
Con l’articolo 35 dello Sbloccaitalia, il governo impartisce un colpo durissimo alla gestione efficiente dei rifiuti facendo la scelta sbagliata di scaricare i problemi nazionali su pochi territori, e rilanciando sulla nostra regione una tecnologia declinante, proprio quando la gestione virtuosa dei rifiuti in molti Comuni sta già mettendo fuori mercato gli inceneritori attuali.
Alla luce di questa norma che permette di ampliare le potenzialità in tonnellate degli impianti, sia IREN che HERA hanno presentato richiesta (e diffide?) per ampliare la potenzialità di loro impianti.

Questo nel momento in cui il Piano Regionale Rifiuti (adottato dalla precedente giunta, ma non ancora approvato), aveva già segnalato che la dotazione impiantistica di questa regione era più che sufficiente, indicando addirittura la possibilità di chiudere gli impianti di Piacenza e Ravenna entro il 2020. Una beffa, quindi, perpetrata dalle aziende ai danni della pianificazione regionale, giustificata dalla ricerca del mero profitto e dell’aumento dei fatturati e dei dividendi per i Comuni, che intende utilizzare gli impianti in una logica di puro business.
In particolare le richieste riguardano l’impianto di Parma che dovrebbe essere portato a circa 190.000 t contro le 130.000 t attuali, e quello di Forlì che da 120.000 t potrebbe arrivare a circa 180.000 t, a seconda del potere calorifico dei rifiuti bruciati.
Una situazione che evidenzia, da una parte, la totale mancanza di possibilità (o volontà) delle amministrazioni pubbliche di controllare queste aziende, e di guidarne l’operato nel rispetto delle reali volontà e aspettative della collettività, dall’altra, l’arroganza di multiutility che si dicono a servizio del territorio, infischiandosi però delle indicazioni date da amministrazioni locali e Regione.

Poiché suona incredibile che aziende in cui il pubblico è ancora socio di maggioranza, possano agire in palese contraddizione a tale mandato, si avvalora l’ipotesi di un gioco delle tre carte da parte dei sindaci.

Da tempo Legambiente segnala che difficilmente i Comuni potranno esercitare un ruolo di indirizzo e di vero controllo delle multiutility se continueranno ad incassare gli ingenti utili derivanti dalle scelte di queste aziende (e l’impiantistica sui rifiuti è sicuramente un settore lucrativo). Il risultato di questa anomalia è un rilevante problema di trasparenza nella governance.

Nel chiedere innanzitutto alle aziende di ritirare le loro istanze di ampliamento delle potenzialità di incenerimento, Legambiente rinnova con forza la richiesta alla Regione di farsi garante del coordinamento tra le azioni dei sindaci azionisti, indirizzandone le scelte nel rispetto del bene della collettività e non di una mera logica di profitto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Arresti carabinieri

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

5commenti

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

2commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia questa mattina

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento