-1°

Parma

Lettera aperta - I genitori di Giorgia ringraziano commossi

Lettera aperta - I genitori di Giorgia ringraziano commossi
Ricevi gratis le news
3
"Non riusciamo più a contarli; non siamo più in grado di stimare quanti – effettivamente – siano le mamme e i papà, i nonni e i nipoti che conoscono e amano la nostra bambina. 
Siamo costretti ad approssimare, basandoci sul totalizzatore di un sito che ha regalato a Giorgia, quindi a noi, una notorietà tutta positiva ma non richiesta. Diamo un senso a ogni giorno, schiacciato da un dolore che proviamo a soffocare, grazie ai messaggi e ai gesti di questo esercito apparentemente infinito di parenti acquisiti. 
Non sappiamo più come esprimere loro gratitudine tanto è commovente la partecipazione di chi – pur attraverso una tastiera – c’è, e si fa sentire; dà il buongiorno a Giorgia, le offre un biscotto fabbricato con l’immaginazione – dolcissimo – e una tazza di latte fumante; a metà mattina le accarezza il viso e a pranzo avvicina il seggiolone al desco per renderla protagonista, unica, del pranzo di famiglia; il pomeriggio è il turno della merenda e dei cartoni animati che qualsiasi grande guarda accanto a lei con inaspettata presenza; a sera la cena e un bacio a labbra umide sulle sue guance tonde ma piccolissime come una bambina di 16 mesi non dovrebbe avere.
Sono con Giorgia grazie a un computer i nostri centomila parenti, ma è come se – prima - fossero stati in un salone immenso accanto al nostro “monolocale” nell’ospedale di Parma, pronti a turnarsi senza sosta per assicurare cucchiai di pappa e giocattoli alla piccola, e ora fossero a Parigi, stipati negli alberghi nei dintorni del Necker per continuare a garantirle cure da mamme e da nonni.
Siamo circondati, felicemente sopraffatti da un affetto per risarcire il quale i “grazie” sembrano non avere più il significato che vorremmo; non vorremmo si sbiadisse per il troppo reiterarlo, ma non possiamo fare diversamente. 
Sappiate quindi, nostri commoventi “parenti”, che ogni grazie che dice Giorgia (lo pensa e lo traduce in mani che si tendono), che sospira Elisa, che conferma Salvatore, e Tamara e Daniela, e tutti i parenti d’anagrafe della nostra bimba, è un grazie che vale come il primo, detto al principio col valore che hanno tutte le cose fatte e dette una volta sola.
Siete la nostra maniglia, l’appiglio a cui ci sorreggiamo perché il dolore che taglia le gambe, che accende la schiena con brividi mai provati, non ci sfianchi. Siete una maniglia di rara fattura; la immaginiamo di metallo pregiatissimo, solida, che mai abbandona chi ha bisogno di un sostegno. Però cari “zii” reali e virtuali - e siamo sicuri comprendiate fino in fondo il senso di queste parole - quella maniglia non l’avremmo voluta; non avremmo voluto essere una “Notizia”, una foto appesa negli uffici, un conto corrente segnato sull’agenda, una fila in banca, un pensiero costante che accompagna il cappuccino, l’attesa al semaforo, i panni da asciugare. Non abbiamo richiesto quella notorietà che deve arrivare dai libri e dai dischi, non dalla complessità di una malattia che, purtroppo, accende l’interesse (e il sentimento) quanto più è difficile da contrastare. Avremmo desiderato essere anonimi, amati da dieci persone e non da centomila, avremmo voluto perfino i non apprezzamenti per la bellezza della nostra bimba che, non fosse stata sfregiata da questo male, sarebbe stata notata solo da parenti e amici incontrati tra le luminarie della festa.
Quella maniglia però ci è stata offerta da un destino con cui facciamo i conti e niente più; spesso gli urliamo contro, ma senza esternarlo, consapevoli che serva solo ad assecondare il bisogno fisiologico di uno sfogo. Non ci abbandoniamo all’interrogativo che spegne ogni resistenza, al “perché proprio a noi” che – se ascoltato – porta a tirare i remi in barca e a farsi travolgere dalle onde.
Il sostegno primo è la fede, la fiducia nella Provvidenza che dispone al meglio le cose, creando dal nulla – per esempio – la maniglia dei nostri motivatori. 
Non vogliamo soffermarci, in questo appello implicito, sulla necessità dei tantissimi soldi di cui sapete, ma sulla “strategia” migliore da usare per aiutare concretamente Giorgia.
Vi ringraziamo ancor più di quanto siamo capaci di fare, cari Amici, se misura ed equilibrio – mai polemiche - continueranno a caratterizzare ogni gesto per la bambina. Ogni messaggio su Internet, ogni passaggio sui giornali, ogni frase detta per strada condiziona il fragilissimo equilibrio costruito intorno a Giorgia. 
Siamo infinitamente grati a tutti, da chi lascia sulla bacheca della nostra “casa digitale” la frase di sostegno più breve a chi ci aiuta a diffondere nei media la nostra storia, a chi – nel silenzio, ricoprendo nella società ruoli fino ai più importanti – si spende ogni giorno per rendere meno sdrucciolevole la strada su cui - speriamo presto - sgambetterà Giorgia.
Non sappiamo affrontare, da famiglia ordinaria quale siamo, i sospetti delle truffe, i commenti obliqui, le considerazioni sommarie che nostro malgrado ci mettono in grave difficoltà.
Non abbiamo una squadra di legali, di giornalisti, di psicologi con cui combattere questa battaglia. Abbiamo solo una maniglia di platino, forgiata da Voi. Che domani, quando Giorgia si dibatterà tra equazioni e motorini, fonderemo nella testiera del suo letto, perché possa dormire il più vicino possibile al cuore della Vostra bambina".
Famiglia Pagano Barone   ( I genitori di Giorgia)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • katia

    21 Maggio @ 05.07

    come fare per prendere un appuntamento all ospedale necker grazie katia

    Rispondi

  • Donnicola Marcello

    24 Dicembre @ 15.50

    Buone feste piccola Giorgia,la tua mamma il tuo papà,e tutte le persone che ti vogliono bene ti saranno sempre vicinni..................ciao

    Rispondi

  • Raffaele G.Pluchino

    24 Dicembre @ 02.03

    Buon Natale, dolcissima Giorgia!Gesù Bambino porti serenità e speranza a te e ai tuoi cari genitori.Auguri!Un nonno!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bafta, vincono Guadagnino, Gary Oldman e Frances McDormand

CINEMA

Bafta, vincono Guadagnino, Gary Oldman e Frances McDormand

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

confartigianato

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Lealtrenotizie

Parma,  confronto tra giocatori, staff e proprietà: al momento D'Aversa resta Video

serie b

Parma, confronto tra giocatori, staff e proprietà: al momento D'Aversa resta Video

6commenti

Ko a Empoli

Parma rosso di vergogna

fidenza

Con una borsa modificata ruba vestiti per 6mila euro all'outlet: arrestato

1commento

serie B

Il Frosinone vince e (con l'Empoli) vola in fuga La classifica

1commento

anteprima gazzetta

Parma capitale della cultura 2020, parlano le eccellenze della nostra città

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

15commenti

domenica

Carnevale, ultimo atto. E poi favole, ciaspole e mercatini: l'agenda

INTERVISTA

Pizzarotti e Guerra: «Ora siamo un modello»

10commenti

evento

Carnevale di Sorbolo rinviato a domenica prossima

ko ad empoli

La società: "Partita vergognosa, scusa ai tifosi". Lucarelli: "Servono più amore e più passione" Video

9commenti

Scuola

Troppi studenti maleducati: aumentano le insufficienze in condotta

2commenti

GAZZAFUN

Empoli - Parma: fate le vostre pagelle

Colorno

Treno bloccato per un principio d'incendio

sport e cucina

Lo chef Oldani celebra (con pasta Barilla) Federer n.1 al mondo Video: la ricetta

maltempo

Allerta meteo, in arrivo pioggia e neve

il caso

Forza Nuova in una sala civica, l'Anpi: "A rischio la collaborazione col Comune"

La nota del Comune: "Avremmo violato la normativa"

18commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

reggio emilia

Gli propone sesso ma gli ruba il finto Rolex: denunciata 25enne

domenica nera

Valanghe: tre morti e tre feriti in Svizzera, Alto Adige e in Alta Savoia

SPORT

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

TENNIS

Federer demolisce anche Dimitrov. Il numero uno sbanca Rotterdam

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa