-1°

Parma

Proseguono le indagini sulla morte di "Guri", il 18enne indiano accoltellato davanti all'Ipsia

Proseguono le indagini sulla morte di "Guri", il 18enne indiano accoltellato davanti all'Ipsia
Ricevi gratis le news
69

E' morto alla vigilia di Natale nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Maggiore Gurinder Saini, 18 anni compiuti lo scorso 2 novembre. Il ragazzo, di origine indiana ma residente da qualche anno a Carzeto di Soragna, era stato accoltellato lunedì da un albanese ventunenne all’esterno dell’istituto Ipsia di Parma.
Gurinder ("Guri" per gli amici) aveva perso molto sangue ed era stato operato d’urgenza nel tentativo di ricostruire l’arteria femorale lesionata da un fendente: le sue condizioni erano state subito giudicate gravissime. Il giovane aveva poi subito un secondo intervento.

PROSEGUONO LE INDAGINI. I carabinieri proseguono le indagini sull'accoltellamento avvenuto davanti all'Ipsia. I militari di via delle Fonderie hanno sentito gli amici di "Guri", per far luce sull'accoltellamento e sulle cause che hanno portato all'aggressione. Resta da chiarire anche se qualcuno abbia aiutato il ragazzo albanese che ha sferrato il fendente (ora è in carcere e attende l'interrogatorio di garanzia) e se effettivamente ci fossero screzi che duravano da tempo fra i due gruppi di ragazzi (come sostenuto anche da un nostro lettore).

LA SUA PASSIONE ERA IL CALCIO - In Italia da qualche anno, il ragazzo da due giocava nella squadra Juniores del Soragna. "I suoi compagni sono sconvolti - dice Gian Franco Faroldi, direttore sportivo della società - , con loro aveva legato parecchio.  Il suo comportamento è sempre stato esemplare: non ha mai creato problemi né dentro né fuori dal campo, era felicissimo di giocare nella squadra e non mancava mai di ringraziare allenatore e dirigenza per avergli dato questa opportunità". 

QUEI PROBLEMI CON "GLI ALBANESI" - Dal racconto di Faroldi, però, emerge un particolare inquietante: Gurinder, infatti, a qualcuno aveva parlato già un mese fa di "problemi con degli albanesi" che sarebbero sorti a scuola. Il ragazzo non aveva specificato che tipo di screzi aveva avuto.

UN LETTORE: "FAIDA APERTA DA MESI" - Che più di qualcuno fosse a conoscenza di tensioni fra "Guri" e altri ragazzi sembra emergere dal commento di un lettore. Il giovane scrive infatti che "tutti sanno, tutti tacciono" e parla addirittura dell'esistenza di un gruppo di ragazzi italiani che negli ultimi tempi  all'uscita da scuola avrebbe incitato albanesi e indiani a scontrarsi fra loro.
Questo il commento arrivato in redazione: "All'Ipsia di Parma succedono da sempre gravi episodi....Tutti lo sanno....questa faida albanesi-indiani è aperta da mesi, quasi ogni giorno nell'istituto i docenti dividono ragazzi che si aggrediscono... Nessuno fa nulla...Tutti sanno, tutti tacciono..... E poi, i ragazzi ITALIANI, all'uscita sono sempre ben felici qnd questa faida organizza una rissa... Sono tutti lì a incitarli, a schierarsi, a tifare per l'una o per l'altra causa.... E' davvero una situazione triste... La preside minimizza dicendo: non ci sono mai stati problemi in questa scuola... 2 anni fa una docente in ospedale e un ragazzo pestato a sangue, poi una rissa a settimana durante l'ora d'uscita, mai una pattuglia, l'importante è stare zitti e tacere, ne va del buon nome della scuola.... Invito chi ha dei figli in quella scuola, a fare un giro nell'istituto, vedere quello che succede veramente, aprire gli occhi....salvate gli altri ragazzi, per questo purtroppo è tardi...Nessuno ha fatto niente per evitarlo....

DIMESSO IL SECONDO RAGAZZO COLPITO - L'altro diciottenne, anch’egli di origine indiana abitante a Mortechiarugolo, ferito ad una coscia e al volto nell’aggressione è invece stato dimesso. L’albanese, che aveva colpito con un coltello a serramanico, aveva tentato la fuga ed era stato poi bloccato dai carabinieri. Accusato in un primo momento di tentato omicidio dal pm Paola Dal Monte, ora dovrà rispondere dell’omicidio del diciottenne. L'aggressione era avvenuta sotto il porticato di un edificio a pochi metri di distanza dalla scuola. Secondo la ricostruzione dei militari, si sarebbe trattato di un litigio verbale per futili motivi, poi degenerato nel duplice accoltellamento.

L'INDAGINE DEI CARABINIERI - I carabinieri intanto stanno ricostruendo le dinamica dell’aggressione. «Dalle prime indicazioni possiamo ritenere che si sia trattato di un litigio verbale che poi è degenerato nell’aggressione – ha spiegato il colonnello Giorgio Sulpizi del comando provinciale dei carabinieri di Parma – Dobbiamo comunque ancora ricostruire esattamente la vicenda, ma riteniamo di poter escludere qualsiasi altro tipo di motivazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angela

    28 Dicembre @ 22.52

    Vorrei, se mi consentite, rispondere a Mauro e a tutti coloro che forse hanno interpretato in maniera errata le mie parole : il "a prescindere dalla loro provenienza" è scaturito proprio dalla lettura di tutti quei commenti che hanno preceduto il mio, commenti non sempre corretti nei confronti dei ragazzi non italiani, spesso offensivi contro chi viene da altri paesi.E' morto un ragazzo indiano e sarebbe stata la stessa tragedia se fosse stato italiano:la provenienza, di certo, non conta in nessun caso.Certamente il colpevole verrà punito e mi auguro che, in questo caso, ci sia la certezza della pena a chi ha tolto la vita ad un ragazzo innocente.

    Rispondi

  • mauro

    28 Dicembre @ 21.02

    cari razzisti, ma fate funzionare un po' il vostro cervellino, il cuore no perche' non ce l'avete "a prescindere dalla loro provenienza" scrive la professoressa dell'IPSIA ci vuole tanto a capirlo? L'assassino verra' condannato perche' e' un omicida non perche' e' un albanese e condanneranno lui e se ci sono i complici

    Rispondi

  • mauro

    28 Dicembre @ 21.01

    cari razzisti, ma fate funzionare un po' il vostro cervellino, il cuore no perche' non ce l'avete "a prescindere dalla loro provenienza" scrive la professoressa dell'IPSIA ci vuole tanto a capirlo? L'assassino verra' condannato perche' e' un omicida non perche' e' un albanese e condanneranno lui e se ci sono i complici

    Rispondi

  • massimo

    28 Dicembre @ 16.21

    Accoglienza si, ma non di un disadattato non piú recuperabile a 21 anni.

    Rispondi

  • Angela

    27 Dicembre @ 23.12

    Questa immane tragedia che si è appena consumata non deve farci perdere di vista che due giovani, a prescindere dalla loro provenienza,ne sono usciti sconfitti: uno ha ammazzato, l'altro, la vittima, non c'è più.E questo deve pur insegnarci qualcosa, la morte di Guri non può e non deve passare inosservata: guai se lo fosse! Un pensiero personale va alla sua famiglia,una condivisione di un dolore che, in un momento come questo, solo una madre può ad un'altra madre. Come prof dell'Ipsia posso dire che ogni giorno, con le mie allieve ed allievi,non si fa solo la classica lezione ma, soprattutto, si parla della VITA, del valore di essa, dell'importanza dell'accoglienza, del dialogo, dei problemi di tutti i giorni, dei problemi dei giovani, della famiglia,dell'amore, del rispetto cercando di confrontarci e di star bene a scuola con tutti i problemi che si presentano quotidianamente. E' vero, bisogna fare sempre di più, perchè dinnanzi a queste tragedie ci si rende conto che quello che si trasmette a questi nostri ragazzi non è mai abbastanza.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

confartigianato

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

Panicucci

TELEVISIONE

Insulti fuorionda, le scuse della Panicucci - Guarda i due video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Lealtrenotizie

Parma,  confronto tra giocatori, staff e proprietà: al momento D'Aversa resta Video

serie b

Parma, confronto tra giocatori, staff e proprietà: al momento D'Aversa resta Video

6commenti

Ko a Empoli

Parma rosso di vergogna

fidenza

Con una borsa modificata ruba vestiti per 6mila euro all'outlet: arrestato

1commento

serie B

Il Frosinone vince e (con l'Empoli) vola in fuga La classifica

1commento

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

15commenti

domenica

Carnevale, ultimo atto. E poi favole, ciaspole e mercatini: l'agenda

evento

Carnevale di Sorbolo rinviato a domenica prossima

INTERVISTA

Pizzarotti e Guerra: «Ora siamo un modello»

10commenti

ko ad empoli

La società: "Partita vergognosa, scusa ai tifosi". Lucarelli: "Servono più amore e più passione" Video

9commenti

Scuola

Troppi studenti maleducati: aumentano le insufficienze in condotta

2commenti

tg parma

Patrich Tognoni, il parmigiano che ha conquista la 150 Artic Winter Race Video

Colorno

Treno bloccato per un principio d'incendio

sport e cucina

Lo chef Oldani celebra (con pasta Barilla) Federer n.1 al mondo Video: la ricetta

maltempo

Allerta meteo, in arrivo pioggia e neve

il caso

Forza Nuova in una sala civica, l'Anpi: "A rischio la collaborazione col Comune"

La nota del Comune: "Avremmo violato la normativa"

18commenti

tg parma

Busseto: cinque ragazzini denunciati per furto e danneggiamenti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

reggio emilia

Gli propone sesso ma gli ruba il finto Rolex: denunciata 25enne

il caso

Zanforlini sospeso dal M5S via whatsapp. Ma nessun provvedimento

SPORT

TENNIS

Federer demolisce anche Dimitrov. Il numero uno sbanca Rotterdam

olimpiadi

Giochi, nuova delusione Italia. Tonetti illude, Hirscher Gigante

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Kia Ceed, svelata la terza generazione Fotogallery

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto