-0°

12°

Parma

Picelli avrà il suo monumento

Picelli avrà il suo monumento
Ricevi gratis le news
7

Oggi si celebrava il 73° della morte di Guido Picelli, e l'assessore Sommi - intervenuto alla cerimonia - ha annunciato che l'eroe delle Barricate avrà un suo monumento dopo l'estate:  guarda il servizio del Tg Parma 

Pino Agnetti, sulla Gazzetta di Parma oggi in edicola, gli aveva dedicato la rubrica "VistodaParma":

Pino Agnetti

Con buona pace di Giuseppe Verdi, è stato l’unico parmigiano (e forse anche l’unico italiano) ad essersi meritato ben tre funerali di Stato. Uno più oceanico dell’altro. 

E, come se non bastasse, celebrati lontano dalla sua terra natia: Madrid, Valencia e Barcellona. Le tre «capitali» della seconda patria per cui Guido Picelli combatté e, combattendo, morì. Fulminato però sulle colline di Guadalajara non da una pallottola franchista, come l’agiografia comunista ha perseverato a propagandare in pratica fino a ieri (ma siamo sicuri che sia finita?). Bensì, dal «fuoco amico». Che, nel caso dell’eroe delle Barricate di Parma, intervenne a togliere di torno una figura, al tempo stesso, troppo amata e amante della libertà. 
Come tale, insopportabilmente scomoda. Tanto che, in epoca ancora recente, qualcuno è arrivato perfino a «dimenticarsi», nel fondo di un armadio di partito la sua maschera mortuaria. Che, per chi l’ha vista, ci restituisce l’immagine di un uomo straordinariamente nobile e bello, probabilmente adorato sia dagli uomini che dalle donne. 
Ancora più affascinante, insomma, del Gary Cooper protagonista della versione cinematografica dell’indimenticabile «Per chi suona la campana» di Hemingway.
Tra i soliti misteri mai definitivamente chiariti e gli ancor più soliti quanto ridicoli e inaccettabili imbarazzi, Parma celebrerà oggi l’anniversario della morte dell’uomo che, nell’arco della sua leggendaria ancorché breve esistenza, tenne testa a Italo Balbo e a Mussolini, alla polizia segreta di Stalin e a Togliatti. Prima di andare incontro al suo destino nell’inferno della guerra civile spagnola. Dove Guido Picelli - apprendista orologiaio, attore e autore teatrale, volontario della Croce Rossa Italiana nella Grande Guerra, medaglia di Bronzo al Valor militare, poi Sottotenente del regio esercito, fondatore degli Arditi del Popolo, comandante vittorioso e invitto delle «cinque giornate» di Parma contro le soldataglie fasciste, parlamentare socialista e quindi ancora deputato indipendente comunista, condannato a cinque anni di confino dal regime fascista ed esule in Unione sovietica da dove fuggirà un attimo prima di finire deportato a vita in un gulag - stupirà sia i nemici che i compagni di diversa nazionalità ai suoi ordini combattendo, ancora una volta, dalla «parte giusta». 
Il che non lo preservò - non poteva preservarlo - da quel fatale «colpo vagante» che riuscì dove neppure le camicie nere e le spie franchiste erano riuscite prima.
In suo onore, sono state intitolate decine di piazze, vie e lapidi. Ne manca ancora solo una. Quella su cui bisognerà che, prima o poi, qualcuno si decida a scrivere: «Ucciso a tradimento». Ma speriamo che ciò accada presto e proprio nella sua città natale. Magari, avendo cura di incidere quella verità tanto scomoda e a lungo negata ai piedi di un monumento che questo eroe puro e romantico non avrebbe mai chiesto e voluto per sé. Ma che, a maggior ragione, gli dobbiamo. Prima che qualcuno torni a nascondere nel fondo ovattato e buio di un armadio il «no» alle dittature di qualsiasi colore o ideologia dell’eroe delle Barricate. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Guido

    06 Gennaio @ 17.22

    Un grande combattente del popolo, per il comunismo e la libertà, che sputerebbe sulle insinuazioni di un pennivendolo qualsiasi

    Rispondi

  • Crociato82

    06 Gennaio @ 09.22

    amante della libertà,fu un grande parmigiano

    Rispondi

  • Stefano Longo

    05 Gennaio @ 21.22

    Era ora che si dedicasse un monumento a uno dei più grandi uomini italiani che hanno fatto la storia e che per primi hanno tracciato il solco poi percorso con lotte, sacrifici e tanti lutti, i nostri amati Partigiani con la lotta di Liberazione dal nazifascismo. Io sono Parmigiano ma ora vivo a Novara per lavoro ma quando leggo queste iniziative sento tutto l'orgoglio di appartenere alla città che diede i natali a Picelli e se mi è permesso, a tutti coloro che grazie al suo esempio, hanno preso il testimone da lui per continuare la lotta di emancipazione del proletariato. Stefano Longo Partito Socialista Italiano-Sinistra Ecologia e Libertà Novara

    Rispondi

  • luca

    05 Gennaio @ 20.16

    Bravo Pino, tu che c'eri, coraggioso come sempre, lo sai sicuramente, com'è andata.

    Rispondi

  • fausto tinello

    05 Gennaio @ 15.06

    l'articolo è molto bello e descrive una figura che merita di essere valorizzata e identificata come la ribellione a ogni forma di dittatura realizzatanel nome del fascismo o del comunismo , in tempi di libertà e democrazia non è anacronistica la sua testimonianza di ricerca della libertà ,vorrei segnalare, se mi è concesso, che di recente un gruppo folk rock giovane di Parma "emily county folk " ha deciaco al comandante picelli un brano musicale molto trascinante e narrativo della vicenda delle barricate a parma ..

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Incidente Corcagnano

Incidente

Pedone investito a Corcagnano sulla Massese: ragazza in gravi condizioni

protezione civile

L'Enza fa paura: il ponte di Sorbolo resterà chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

4commenti

autostrada

Auto si capovolge in A1 a Campegine: conducente illeso Foto

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

squadra mobile

Vicofertile, quattro kg di droga in casa del pusher "impenitente" Video

2commenti

legambiente

La Brescia-Parma tra le peggiori linee ferroviarie d'Italia con la Circumvesuviana e l'Agrigento-Palermo

1commento

ieri sera

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

26commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

4commenti

GAZZAFUN

Dagli ex alle coppe vinte: 10 quiz per sapere tutto del Parma

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

1commento

tg parma

Guerra: "Per Fedez nessuna location bocciata. In settimana l'annuncio"

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

sos animali

Sospetto avvelenamento di un cane in Cittadella

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

sondrio

Passanti travolti al mercatino di Natale: "Ne dovevo uccidere di più"

birmania

Metodici stupri dell'esercito sulle donne Rohingya: l'indagine dell'Ap Le foto-simbolo

1commento

SPORT

Basket

Pugno all'avversaria: cestista squalificata per tre mesi

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

cultura

L’Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS