14°

28°

Lettera aperta

Il turismo a Parma? Un disastro

Il turismo a Parma? Un disastro
Ricevi gratis le news
27

Il fotografo Edoardo Fornaciari ha scritto agli assessori Ferraris e Casa questa lettera aperta su come Parma si presenta ai turisti:

Gentili Assessori Ferraris e Casa,
è con immenso rammarico che noto da tempo lo stato di progressiva ed inarrestabile consunzione di questa nostra amata città di Parma.
Non solo molti negozi hanno chiuso e stanno chiudendo i battenti, ma moltissimi commercianti ogni giorno mi testimoniano la loro amarezza, le loro difficoltà e la loro totale sfiducia in una ripresa, anche sia pure progressiva, a medio termine.
I Parmigiani sono saturi di millanterie, sia nazionali che locali, e impoveriti da prezzi e tasse esagerati oltre che dalla crisi economica in atto.
Una risorsa potenziale importante è rappresentata, a detta di persone competenti, dal turismo.
I turisti non arrivano, come dovrebbero, perché disinformati e non-attratti dal nostro fascino non adeguatamente pubblicizzato e sbandierato.
A Parma si sentono snobati, a stento sopportati.
Stendhal e la sua Certosa di Parma sono caduti nel dimenticatoio generale tanto quanto Bernardo Bertolucci e il suo Novecento. Per lunghi periodi, nel passato, hanno provocato curiosità ed interesse.
A Lucca Giacomo Puccini è sbandierato ed osannato, a Parma (e a Busseto) Giuseppe Verdi è privatizzato, quasi zittito, dai più dimenticato, da qualcuno a vanvera strombazzato..
L'Antelami, il Correggio e il Parmigianino sono stati surclassati dai vicini Mantegna e Giulio Romano (Mantova).
Il Teatro Regio è in un momento di stagnazione da cui difficilmente potrà risorgere.
Il Parmigiano-Reggiano, il prosciutto, il culatello, il salame di Felino non giustificano più un viaggio a Parma in quanto li si può apprezzare, anche in modo eccelso, ormai ovunque in Europa.
I ristoranti, antico vanto della città sono, in gran parte, decaduti e comunque troppo spesso troppo cari e chiusi nei giorni di festa.
Il risultato è che le vicine Mantova e Lucca sono vivaci e piene zeppe di gente per strada, di turisti che spendono e mangiano e Parma, ahimé, è deserta e triste. Ma se fosse solo triste basterebbe imparare a sorridersi, a guardar per aria. Il guaio è che è anche improduttiva, decadente.
Domenica 9 agosto alle tre del pomeriggio nella desolata piazza della Pace (il pratone della Pilotta) un giovane turista straniero con l'aria istruita mi ha domandato dove fosse il Teatro Farnese e se fosse aperto. Non ci sono indicazioni. La mia risposta è stata puntuale (cortile della Pilotta, scalone, primo piano e....«purtroppo chiude alle 14,00»). Insistendo, il turista mi ha chiesto anche dove poter comprare una punta di formaggio, un salame, ..... e io gli ho risposto che «domani mattina....lunedì..... forse.....».
Si è allontanato scuotendo la testa. Questo avviene spessissimo.
La lunga esperienza al soldo di Panorama Travel, i frequentissimi miei viaggi in Italia e all'estero, la conoscenza di quel che avviene altrove, l'amore per questa nostra città e la preoccupazione per il suo inarrestabile declino mi impongono di dare la mia disponibilità per contribuire all'uscita da questo insopportabile degrado. Parma non si promuove, forse per presunzione, non accoglie, non si rende disponibile nei confronti di chi viene da fuori, del turismo che, come ben sappiamo, può essere fonte di inesauribile prosperità. Un forte e veloce turnover di utenza non può che migliorare l'economia locale.
Il Comune non ha un centesimo, la Camera di Commercio glissa, la Provincia, nel bene o nel male, non esiste più, le associazioni di categoria latitano.
Credo che sia indispensabile provocare un dibattito, muovere un po' le acque, ossigenarle. Bisogna scuotere i Parmigiani da questo torpore in cui sono caduti, torpore che può portare, col tempo, solo ad un sonno irreversibile.
E' necessario riposizionare Parma sull'emergenza culturale, monumentale, gastronomica in cui è, per un lungo periodo, nel passato, stata.
Trento e Bolzano sabato 8 agosto erano piene di gente e certo quattro vestitini tirolesi e il Castello del Buonconsiglio non sono neanche paragonabili alle nostre ricchezze. I Comuni e le associazioni dei commercianti delle Province Autonome valgono più noi? Si muovono meglio? Spendono meglio i loro soldi? O vogliamo dare la colpa al clima? A Bolzano c'erano 37 gradi, umidi.
Domenica 26 Luglio Lucca era piena di gente (turisti? stranieri? Italiani? gitanti?), i negozi erano aperti e attivi. Anche i Toscani sono meglio di noi? O vogliamo dare il merito alla vicina Forte dei Marmi? Un gran bel mare!
La ridicola e penosa disputa sui concerti in piazza del Duomo, avvenuta nello scorso mese di Luglio non ha certo giovato al buon nome, al bel vivere e alle attività commerciali della città. Il perenne bivacco di sfaccendati nel cortile della Pilotta (ingresso alla città monumentale), intorno al monumento a Verdi e ora anche in piazza del Duomo (sulle panche del Battistero), il continuo stillicidio di miriadi di accattoni, la presenza costante di rumorosi e puzzolenti «camion del rudo» nelle vie del centro in pieno giorno, l'assenza di indicazioni turistiche (mappe, cartelli, itinerari, orari) non aiutano ad apprezzare ciò che di meglio abbiamo da offrire.
Ma non si può continuare a criticare senza offrire soluzioni, senza fare proposte. Sarebbe auspicabile l'istituzione di un comitato permanente composto da Voi e da consulenti specializzati volontari non retribuiti (turismo, viabilità, arredo urbano, comunicazione, marketing territoriale) che si rapporti con le categorie produttive per tentare di migliorare le cose. Fare parte di questo comitato dovrebbe essere un onore, costituire vanto. I «saggi» non esistono più, ma i «competenti» esistono ancora, bisogna cercarli, ma si trovano.
Vi sarei grato se provaste a battere «Parma» su Google. Escono tre link: «Parma - Wikipedia», «Informazioni turistiche su Parma e provincia», «Comune di Parma». Guardateli con attenzione, con l'attenzione propria di chi della nostra città non sa nulla, ne ha sentito solo parlare e vuole scoprirla prima su internet e poi, magari, di persona. Nello stesso laghetto il pescatore che prende più pesci è quello che ha le esche migliori.
Se Voi foste francesi, inglesi, russi o americani sareste invogliati a venire a Parma dopo aver visto quei siti? La Vostra curiosità sarebbe stuzzicata?
Avete idea di quali siano gli orari di apertura di Teatro Farnese, Pinacoteca Nazionale, Camera di San Paolo, Duomo, Battistero e San Giovanni?
Secondo me la nostra storia, il nostro patrimonio monumentale ed artistico, la nostra comunità e anche la nostra gastronomia meritano ben altro.
Ho inteso parlare di Rinascimento Parmigiano. Si, auspicabile! ma quando?
La Gazzetta di Parma qualche giorno fa ha pubblicato un articolo in cui si sosteneva che il turismo va bene, è in aumento. Se anche fosse, se i numeri dessero ragione, come spero, al quotidiano locale, è necessario sempre tenere presente che il turismo di massa, quello giornaliero che arriva con i pullmann e scarica nel centro storico torme di pensionati vocianti, non costituisce un plusvalore, ma anzi un debito. Costa in termini di fastidio, di pulizia, di declassamento della località / meta. Il solo turismo che conta, che produce è quello individuale, colto e consapevole, che visita, mangia dorme, compra. Certo non si può sbarrare la strada ai torpedoni, tanto quanto non si possono arrestare i flussi di immigrazione, ma si possono fare dei distinguo, attribuire il giusto valore alle cose.
Nel ringraziarVi per la lunga attenzione, Vi invio cordiali saluti.

Edoardo Fornaciari

Che cosa ne pensate? Dite la vostra nello spazio commenti sotto questo articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marco

    31 Agosto @ 14.06

    Rispettabile Signor Edorado, sono pienamente d'accordo con lei. Io sono un parmigiano residente in Spagna da 25 anni e realmente solo si conosce la nostra città solo per il Parmigiano Reggiano, il prosciutto e per la nostra amata squadra di calcio del cuore (nel bene e nel male). Stop, niente di più. Guardi, io sono rappresentante in Spagna di una impresa italiana lider nel mondo in trasmissioni live-streaming, in parole povere, trasmette immagini in diretta in internet con webcam di alta definizione: SkylineWebcams. La impresa utilizza fondamentalmente tali webcams a scopo promozionale culturale, trasmettendo immagini di piazze, paesaggi, spiagge, monumenti etc. Io, come parmigiano, ho provato in varie occasioni contattare la officina turistica del Comune di Parma e al non ricevere alcuna risposta, provai anche con ill Signor Pizzarotti, che tanto si promuove in Facebook invitando a scrivere al suo mail. Questo accadde qualche mese fa, e ancora sto apettando una risposta. La mia semplice proposizione era sostituire "Gratuitamente" la webcam esistente in Piazza Garibaldi di una tecnología desfasata nel tempo, con una della impresa che rappresento di ultima generazione con il fine di stimulare il turismo e apportare un granello di sabbia alle arche di Parma. Personalmente, credo che una impresa con 8 miglioni di viste mensili, più di 300 clienti soddisfatti, presente in 12 paesi e essendo gratuito il mezzo offerto, sia pur sempre una buona inversione. Milano, Roma, Venezia, Madrid, Dubai, etc. etc. sono solamente alcune delle città che sono entrate nel nostro progetto e aumentano le loro presenze visti i benefici che apportano. Vista la potenzialitá del mezzo, le città stanno contrattando ulteriori camere, segnale di una ottima inversione per la città stessa. Questa mail solo vuole essere un riflesso dell'interesse dei politici per loro stesse città, dove, a quanto pare, sembra che l'unico motivo che li spinge a fare o a promuovere qualcosa di utile sia l'interesse economico, e essendo la mia offerta gratuita, non apporta tale interesse. Mi rattrista tutto questo ma sono sicuro che, grazie a lo spirito di noi parmigiani e mi riferisco ai cittadini, Parma uscirà un giorno dal quel tunnel che è entrata da tempo e riesca a rivedere un poco di luce. Un abbraccio affettuoso alla NOSTRA città.

    Rispondi

  • RENZ

    30 Agosto @ 14.39

    R E N Z

    Se pensiamo che il solo modo che bbiamo trovato per mettere a frutto il TEATRO REGIO, è stato di aprire il BAR... coi tavoli bianchi stile centro Torri... ma stesi fra le pisciate ristagnanti sotto gli archi a fianco del Teatro, che i soliti sbevazzoni lasciano alla sera... e nessuno al mattino pulisce. (ne gli operatori, nè le cooperative, nè i dipendenti del Regio, né le pulizie del bar)

    Rispondi

  • Giumaz

    30 Agosto @ 12.34

    Povero Fornaciari, che illuso. Ha scritto ai cinquestalle dalle pagine della Gazzetta, ma non sa che ai talebani del web ci si rivolge solo con Tuitter o Fessbuc? E poi sono così impegnati ad insegnare alle gente come di differenzia il rudo (pare che da Ur-Ano verranno a farselo spiegare da Pizzarotti) che non hanno tempo per pensare alla Cultura, quella vera con la C maiuscola.

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    30 Agosto @ 01.13

    la rivolta di atlante

    IL RISULTATO DI TRENI PERSI E UTOPIE CONSIDERATE IDEE.... RIMEDI? LAVORI PUBBLICI PER LA CITTÀ E NON OTTUSI PRINCIPI SOCIALI. LAVORARE PER IL TERRITORIO E PER IL BENESSERE DEI CITTADINI. PIÙ AMMINISTRAZIONE E MENO AGGRESSIONE POLITICA. UN BUON SINDACO E UNA BUONA GIUNTA DEVONO STUDIARE E APPLICARE LE MIGLIORI ESPERIENZE. NON SERVE INVENTARE SEMPRE NUOVE STRATEGIE IN TUTTI I CAMPI. RACCOGLIERE IL MEGLIO DI PASSATE GIUNTE NON PREGIUDICA IL PROPRIO LAVORO. PURTROPPO IL TEMPO CHE VI RIMANE È POCO E MOLTI ALTRI PAESI E CITTÀ HANNO SEMINATO IN MODO PIÙ SEMPLICE E IMPRENDITORIALE. ARRIVEDERCI A MAI PIÙ.

    Rispondi

  • Caronte

    29 Agosto @ 22.55

    Condivido lo spunto di Fornaciari e l'idea di un comitato permanente ma il resto della lettera è molto negativo e nulla aggiunge a una situazione nota da tempo. Provo a dare qualche spunto. Le città se vogliono fare turismo hanno bisogno di farlo organizzare a persone che lo fanno di mestiere, non possiamo aspettarci che sindaco e assessori possano fare tutto. Loro devono avere le idee e poi farle realizare ad altri. Agenzie di marketing, comitati di esperti, investimenti in strutture ad hoc Certo costano ma sono investimenti che nel lungo ripagano. Sono Parmigiano da sempre e Parma in agosto, nella parte centrale è sempre stata deserta S E M P R E. E' uno stile parmigiano , un modo di essere . In Agosto la città insomma si svuota. Quindi se vuoi attrarre turisti in agosto devi renderti conto che bisogna cambiare la testa a tanti lavoratori abituati diversamente. Paragonare quindi Parma con Bolzano e Trento che per loro collocazione naturale in estate sono vicine a zone frequentatissime, è sbagliato. Dire invece che Parma può fare di più è doveroso. I turisti vengono in primavera e autunno, bene tiriamo a lustro la città in questi periodi, fontane accese, luci di colore sul lungoparma, feste gastronomiche in centro, musei aperti fino a mezzanotte, ristoranti a prezzi etici,etc...Da qui partiamo per avere sempre più turisti anche in Agosto. Quanto ai prezzi in centro, questo mi sembra fuori luogo, d'altronde gli stessi negozianti hanno capito che la concorrenza è in periferia o verso fidenza, se vogliono sopravvivere dovranno fare i loro conti con i prezzi esibiti dalle loro vetrine.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti