Parma

Editoriale - Il Pd alle Regionali: risorgere o morire

Ricevi gratis le news
5

Giuliano Molossi

Il progetto del Pd è fallito. Non lo diciamo noi, lo dicono loro, gli stessi democratici annichiliti dalle ultime figuracce del partito.
Matteo Renzi, giovane e rampante sindaco di Firenze: «Siamo lontani, astratti, autoreferenziali, non sappiamo parlare né alla pancia né al cuore della gente». Sergio Chiamparino: «Siamo avvitati su noi stessi, prigionieri di gruppi e gruppetti, di correnti e sottocorrenti, dopo le Regionali bisogna rifare tutto, bisogna pensare a un nuovo Ulivo, questo Pd è finito». Barbara Palombelli: «Manca una strategia politica, non ho mai creduto nel Pd. E' stato un grave errore fondere a tavolino Ds e Margherita. I fatti mi hanno dato ragione. Il Pd adesso è in agonia, morirà». Pierluigi Castagnetti: «Il Pd esisterà ancora dopo le Regionali? E chi lo sa? Chi può dirlo?».
Il Pd oggi è come un pugile in grave difficoltà, alle corde, che lotta per non andare al tappeto. Dopo la vergognosa pagina del caso Marrazzo e la paradossale vicenda Bonino (che corre col Pd nel Lazio e contro il Pd in Lombardia), nel giro di 48 ore ha subito un micidiale uno-due con il pasticciaccio pugliese (Boccia, il candidato di Bersani e D'Alema, umiliato da Vendola alle primarie) e con lo scandalo di Bologna che ha costretto alle dimissioni il sindaco Delbono. Domani il segretario del Pd sarà a Bologna per quella che si annuncia una tempestosa riunione delle direzione regionale del partito. C'è da scegliere il candidato sindaco da opporre all'ex direttore del «Carlino», Giancarlo Mazzuca, designato dal Pdl. E ancora non è chiaro se si passerà attraverso le primarie oppure no. Questa delle primarie è diventata una farsa. O si decide di farle dappertutto (almeno dove sono presenti più candidature) o non si fanno. Non si può pensare di farle solo dove conviene e imporre un candidato dall'alto negli altri posti. Non si può subirle per la pressione della base, dopo averle rifiutate. Agli elettori del Pd le primarie piacciono, lo dimostrano i 200 mila pugliesi che sono corsi a votare Vendola contro le indicazioni del partito. Se fatte seriamente, sono uno strumento di democrazia. E tra l'altro consentono al Pd di dire: «Vedete, noi i candidati li facciamo scegliere alla gente, mica come Berlusconi che li sceglie da solo a Palazzo Grazioli». Un tempo, a Bologna, la sinistra poteva candidare chiunque ed essere sicura di vincere. Oggi non è più così: con l'appoggio della Lega e delle liste civiche Mazzuca diventa un avversario da non prendere troppo sottogamba. Ma Bologna è solo uno dei tanti problemi di Bersani, nemmeno quello più grave. Nel Pd ci sono mille focolai di tensione, scontri e divisioni fra ex comunisti e cattolici, rischio di altre dimissioni dopo gli abbandoni di Carra e Lusetti.
C'è soprattutto da sciogliere il nodo principale, quello della strategia politica: si va verso il centro moderato, coinvolgendo l'Udc come in Piemonte e in Liguria, o ci si allea con l'Italia dei Valori, come nelle altre undici regioni? E se si sceglie, come pare, questa seconda strada non c'è il pericolo di allevarsi una serpe (Di Pietro) in seno?
Una cosa è sicura: da solo, questo Pd non vincerà mai. Per sperare di sconfiggere Berlusconi deve allargare il più possibile la coalizione. Per un partito smarrito e confuso, come è oggi il Pd, quello delle Regionali del 28 marzo sarà un appuntamento decisivo. Può risorgere o morire. Se tiene solo le quattro regioni rosse (Emilia, Toscana, Umbria e Marche) e perde in tutte le altre, Bersani va a casa. Ma una disfatta del genere è piuttosto improbabile. E' più facile immaginare che il Pd, grazie all'appoggio di Casini, vinca anche in Liguria e Piemonte. E fanno 6. Poi c'è la Basilicata, tutto sommato alla portata, e la Puglia dove il centrodestra, correndo diviso, va incontro ad un suicidio annunciato. E siamo a 8. Ecco, se ce la farà a conquistare almeno 7-8 regioni, il Pd potrà risollevarsi. Ma a partire dal giorno dopo, dovrà decidere cosa fare da grande. E con chi stare.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    01 Febbraio @ 14.53

    Il PD purtroppo è ormai morto, verrà votato solo da coloro che hanno interessi di bottega, se è vero affermare che nel PDL convivono vari partiti con un sultano, ma non credo che tutte le teorie della lega siano strampalate, dove sono i principi o i valori tanto decantati dal PD ? Difendere i delinquenti ? i dico ? Luxuria ? la farsa delle primarie ? molti mi fanno sorgere la sensazione di facinorosi alla costante caccia della sedia. Ho visto quando sono saliti allo scranno con Prodi cosa succedeva in periferia. Andatevi a rivedere l'ultima puntata di REPORT di dicembre , poi c'è da vergognarsi a parlare di valori, a meno che si intenda danari ! Con questo non voglio fare di tutta l'erba un fascio, nel PD come negli altri partiti ci sono persone valide, integre moralmente e con idee interessanti come per esempio Cacciari, chi lo ha ascoltato in questi 15 anni capisce perfettamente perchè uscirà dal PD e non può che approvare la sua scelta. E' un bene che il PD muoia e speriamo che nasca qualcosa di migliore.

    Rispondi

  • fly

    01 Febbraio @ 10.12

    Il male dei nostri ex-comunisti è quello di pensare solo ed esclusivamente ad annientare Berlusconi. Quello che dovrebbero fare per essere CREDIBILI agli occhi dell'elettorato è pensare a costruire un partito che abbia un vero programma rivolto a risolvere i tanti problemi che affliggono l'Italia e che li coinvolga in un'organizzazione partitica riformista e moderna dove correnti e sottocorrenti non possano trovare spazio e minare le fondamenta del partito. Dopo la fine della prima repubblica hanno creduto di poter dominare la scena politica italiana spostandosi politicamente al centro per recuperare i voti di ex-democristiani e ex-socialisti senza pensare che quello non è il loro posto e la nascita di tutte queste correnti e sottocorrenti ne è la prova. Il PD di democratico non ha nulla perchè sono ancora ancorati ai vecchi schemi politici e non basta sbandierare le primarie per far vedere che sono DEMOCRATICI e che i rappresentanti li sceglie il popolo. Personalmente credo che le primarie siano una farsa perchè i rappresentanti vengono scelti dagli organismi che reggono le sezioni dei partiti e non dai citadini. L'odio (verso Berlusconi) è una brutta bestia che acceca e non permette al cervello di funzionare al meglio.

    Rispondi

  • Angelo T.

    01 Febbraio @ 01.08

    Caro Direttore, se ragioniamo un momento sul perchè si concentrano (giustamente) tante critiche sul PD, ci rendiamo conto che succede perchè si fatica ad accettare che un grande Partito, veramente - qualcuno dice esageratamente - democratico, vicino alla gente onesta, ai lavoratori che pagano le tasse ed ai pensionati, possa compiere tanti errori di strategia politica ed i suoi rappresentanti possano fare figuracce di scarsa moralità davanti ai propri elettori. Detto questo, occcore però guardare dall'altra parte, dove sono bastati 15 anni , tanti soldi e molti programmi TV per fare accettare e considerare normale un partito monarchico come il PDL (ex Forza Italia), dove non esiste democrazia interna, dove si gareggia non a fare buona politica ma a raccogliere i favori del sultano prevenendone i desideri, dove si accettano senza commenti tutte le strampalate teorie leghiste, dove convivono - in totale silenzio - ex liberali. ex socialisti, ex fascisti, ex democristiani , tutti pronti a seguire senza discutere le direttive del Capo e quando è possibile fare i propri interessi. Non si può governare come fa questo Governo e pretendere di essere il Nuovo, di non avere mai sbagliato, di cancellare ogni forma di critica o dissenso, di conciliare il diavolo (leaders che divorziano, che vanno con prostitute, che prendono tangenti, che frequentano ambienti mafiosi) con l'acqua santa (difesa dei principi cattolici, lotta alla corruzione, aiuto alle famiglie, ai disoccupati ed agli immigrati). In conclusione, chi crede che la verità e al giustizia siano solo dalla propria parte o è incosciente o in malafede. In ogni caso porta alla malora questo Paese. Cordialmente Angelo

    Rispondi

  • mauro

    31 Gennaio @ 22.46

    non e' che questo editoriale mi abbia aiutato molto a districarmi nel casino che c'e' in questo partito.

    Rispondi

  • Lorenzo

    31 Gennaio @ 18.41

    Certo che considerare Di Pietro (sarebbe più corretto dire l'Italia dei Valori) una serpe in seno... beh... allora si ha proprio una cultura politica da telegiornale! E' rimasto l'unico partito che fa Vera Opposizione: il PD (e mi dispiace molto per chi ancora s'illude che sia un partito che fa gli interessi della gente) è un gruppetto di inciucisti ormai morto e sepolto da un pezzo!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

3commenti

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande