12°

Parma

A cena con...Patrizia D'Addario

A cena con...Patrizia D'Addario
Ricevi gratis le news
19

Mercoledì 17 febbraio la rassegna “A cena con...” del circolo arci “Fuori Orario” di Taneto di Gattatico avrà come ospite Patrizia D'Addario. Intervistata da Peter Gomez – giornalista e firma de “Il Fatto Quotidiano” - la D'Addario presenterà il libro scritto con Maddalena Tulanti “Gradisca, Presidente – tutta la verità della escort più famosa al mondo”, pubblicato da Aliberti Editore.
La cena-incontro avrà inizio alle ore 20.30. Per info e prenotazioni 0522.671970, oppure www.arcifuori.it

PATRIZIA D'ADDARIO - Patrizia D'Addario (Bari, 1967) si occupa di spettacoli da quando era piccola. Le sue specializzazioni sono l'illusionismo e il trasformismo ma è anche presentatrice. Fino al 1997 ha girato l'Italia con la sua piccola compagnia di magia con cinque assistenti. Poi la compagnia si è sciolta e per lei è iniziato un periodo in salita. Ha ammesso lei stessa agli inquirenti di aver lavorato come escort. Nel 2009 è stata candidata con il Pdl alle elezioni comunali con la lista “Puglia prima di tutto”, fondata dal ministro Raffaele Fitto nel 2005. Le piace mangiare, soprattutto la pasta e I dolci. Ha una figlia. Il suo sogno è riuscire a costruire il residence che la famiglia aspetta da anni e poterlo gestire.

IL LIBRO - "Gradisca, Presidente – Tutta la verità della escort più famosa al mondo” (Aliberti Editore)
Patrizia D'Addario non ha bisogno di presentazioni. Suo malgrado, è in questo momento la donna italiana più famosa al mondo.
Crediamo, o ci hanno fatto credere, di sapere tutto di lei. Il suo mestiere. La sua vita. Il suo passato. La sua moralità. E quella notte con il presidente, di cui tutto il mondo ha parlato e continua a parlare, tra il divertito, lo scandalizzato e lo stupito.
Stavolta, però, ha deciso di parlare lei. Di raccontare la verità dal suo punto di vista. Che è poi l'unico in grado di farci capire davvero come sono andate le cose. Perchè è il punto di vista, la voce di una donna su cui è già stato detto di tutto e di più: e che, perciò, non ha nulla da perdere. Patrizia D'Addario non è una escort. È molto di più. La parabola della sua vita descritta in questo libro autobiografico è una storia esemplare di come il ruolo della donna, il suo corpo e la sua dignità vengano considerati oggi in Italia.
La vita di Patrizia è come un film, i cui fotogrammi da mesi scorrono sugli schermi di tutto il mondo. Una ragazzina del Sud di straordinaria bellezza, che ben presto conosce il dolore e le tragedie familiari. Il suicidio del padre, solo l'ultimo dei drammi che segnano la sua gioventù.
Il suo corpo che diventa per lei colpa e riscatto: modella, poi accompagnatrice e infine escort. Fino all'incontro che le cambierà la vita. Il mecenate, il principe azzurro, il sultano: Silvio Berlusconi. Il cuore di questo libro-verità è la relazione con il premier, che per la prima volta la D'Addario racconta dal suo punto di vista di donna, svelando le emozioni, le ansie e le speranze nate dall'incontro con l'uomo più potente d'Italia. Questa è soprattutto la storia di una bugia e di un'illusione. Le promesse non mantenute si spingono fino alla carriera politica: Patrizia viene candidata alle elezioni comunali, in un'improbabile lista elettorale in cui si mescolano clientelismi e favori sessuali. Ecco perchè la storia di Patrizia D'Addario è diventata un simbolo del rapporto tra le donne e il potere nel nostro Paese. Ed ecco perchè, fino a oggi, da noi non è stato possibile raccontarla. Ha fatto il giro del mondo, è uscita sulle maggiori testate del pianeta, dal «Guardian» al «Times», dall'«Irish Times» al «País», e su tutte le televisioni. Ma in Italia, complice il filtro di un'informazione viziata, Patrizia fino a oggi è stata considerata solo la escort di una notte, e una mitomane.

MADDALENA TULANTI
- Maddalena Tulanti (San Felice a Cancello, 1954). Vice direttora del «Corriere del Mezzogiorno» della Puglia, dorso del «Corriere della Sera», dirige il quotidiano dal 2000, anno della fondazione. Prima di questo incarico ha lavorato solo a «l'Unità» dove ha iniziato come cronista a Napoli, la città della sua crescita, direttore Alfredo Reichlin. Alla chiusura della redazione napoletana si trasferisce a Roma dove sale i gradini della carriera interna al quotidiano fondato da Antonio Gramsci fino a diventare redattore capo centrale. La Francia per ragioni sentimentali, la Russia per affinità elettive sono le sue seconde patrie. Dal 1994 al 1998 ha vissuto a Mosca. È stata la prima giornalista italiana ad arrivare in Cecenia, l'unica a essere presente quando a Groznij arrivavano i carri armati russi. Ancora l'unica italiana ad avere intervistato il presidente Dudaev nel bunker sotto le bombe. Gradisca, Presidente è il suo primo libro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Ippotommaso

    13 Febbraio @ 15.32

    Chi ha sdoganato (dicono che si deve dire così) il velinismo, l'escortismo e il gossip? Chi è causa del suo male pianga sé stesso cari signori. Troppo comodo gettare fango sugli altri e cercare invece, maldestramente, di nascondere i fatti quando si tratta dei propri "amichetti". La D'Addario andava bene per palazzo Grazioli, per i voli di Stato pagati dai cittadini, per il lettone di Putin ma non per il Fuori Orario? A me pare vero l'esatto opposto. Interessante il post di Vercingetorige.

    Rispondi

  • Giorgio Ossimprandi

    12 Febbraio @ 23.17

    nessuno, penso,voglia privare la D'Addario della libertà di esprimersi,come meglio gli pare, ma ci sarà pure la libertà di sternutire,in presenza di cattivi odori.

    Rispondi

  • luca

    12 Febbraio @ 19.59

    Andrea, in parte hai ragione. Solo che se io vado a scrivere le mie memorie scommetto che nessuno me le pubblica. Il morboso attaccamento a vicende gossippare in Italia è accentuato. Sarebbe bello che leggessimo di più e meglio e che ci interessassimo ai problemi reali (anche se la morale non è nel mio stile). Poi ognuno può fare quel che vuole anche se non nego che sarei soddisfatto se la tiratura di certi libri fosse rasente lo zero....

    Rispondi

  • gianni

    12 Febbraio @ 19.56

    Si può chiedere alla D'addario se finita la cena se ne torna a casa oppure...........rimane in città alcune ore????

    Rispondi

  • roberto

    12 Febbraio @ 19.26

    Premesso che non sono un bigotto, che non sono politicante schierato o impegnato e quindi parlo da comune cittadino, non vedo perchè una del suo corpo non ne possa fare quello che vuole e perchè altri cerchino di violare la sua libertà personale. Se una vuole scrivere le sue memorie lo può fare, se ad uno non piace non va alla presentazione e neppure compra il libro. Io non vedo cosa ci sia di tanto scandaloso. A me personalmente, al momento, non mi interessa e non vado, ma se domani mi interesserà andrò, ma non ne faccio ne un problema nazionale ma neppure di piccolo paese sperduto di montagna!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I regali di Natale per lui

PGN

I regali di Natale per lui

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

1commento

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

2commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

carabinieri

Traffico rifiuti a Livorno, sei arresti. Intercettazioni choc: "I bambini? Che muoiano"

1commento

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260