21°

35°

cantieri

Ghiretti: "Teleriscaldamento, troppi disagi"

Ghiretti Teleriscaldamento
23

Un comunicato stampa di Roberto Ghiretti riapre nel fine settimana la polemica sui cantieri del teleriscaldamento. Ecco il testo:

Sono già intervenuto in tempi recenti per segnalare il disastro dei cantieri per il Teleriscaldamento che hanno sventrato in più punti la città e molti dei quali non hanno rispettato assolutamente la tempistica di lavorazione. Si inserisce in questo contesto la segnalazione di un gruppo di cittadini residenti di via Corini che il 15 ottobre scorso mi ha contattato per segnalarmi una serie di problematiche relative al cantiere di via Corini.
In particolare il gruppo segnala che il cantiere è aperto da due mesi e mezzo, pare a causa di alcune problematiche emerse in corso d'opera, alcune delle quali, se confermate, assolutamente prevedibili. Parlo ad esempio della limitata dimensione della carreggiata stradale che avrebbe comportato una serie di difficoltà per operai e mezzi.
Sempre i cittadini lamentano il fatto che il cantiere a più riprese è stato chiuso e riaperto, con l'ovvio risultato di rendere permanente il disagio dei residenti, i quali spesso hanno dovuto fare i conti anche con la mancata raccolta dei rifiuti.
Ora pare che il cantiere sia fermo in attesa di un non ben precisato pezzo che dovrebbe arrivare dalla Germania e che serve ad ultimare la posa delle tubature.
Che dire? L'impressione che si sia all'improvvisazione totale è forte ed è per questo motivo che ho depositato un'interrogazione all'assessore Folli per avere delucidazioni sulla vicenda. In attesa di poterla discutere qualche considerazione si può comunque fare e riguarda principalmente il rapporto tra Comune e Iren. La sensazione che non esista un controllo da parte dell'amministrazione sull'operato della multiutility è ormai più che fondata. Com'è possibile che via Baganza sia ancora chiusa al traffico? Che il cantiere di piazzale Marsala sia rimasto aperto per un tempo infinito? Per non parlare poi di via Parigi e del Parco Ducale, completamente sventrato e rabberciato in qualche modo in attesa di mettere in opera un progetto di riqualificazione di cui vedremo gli esiti. E adesso via Corini. Quello che mi chiedo è se esistano clausole per inadempienza legate alle tempistiche dei cantieri per il Teleriscaldamento e se nel caso le si intenda far valere. In questa vicenda Iren è un fornitore del Comune, vale a dire della collettività; deve esserci un rispetto delle tempistiche concordate, altrimenti è il caos. Che, a sensazione, è proprio quello in cui versa la nostra città, e certo non solo da quest'estate.

Roberto Ghiretti
Parma Unita

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • stefano

    24 Ottobre @ 18.55

    Il teleresicaldamento dovrebbe essere vietato per legge. In km e km di tubature avete idea della dispersione di calore e quindi di spreco? Il centralizzato se contabilizzato funziona bene solo se è per condiminio e non per una intera città.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      25 Ottobre @ 11.36

      INTANTO LO STANNO FACENDO , SE NON DAPPERTUTTO , QUASI . Le dispersioni ci sono anche negli acquedotti , nei metanodotti e nelle reti elettriche . Vietiamo anche quelle ?

      Rispondi

      • stefano

        25 Ottobre @ 13.37

        Non difendere il teleriscaldamento se non sai di che cosa si parla. In un condominio nuovo con una caldaia centralizzata di ultima generazione si calcola un 10% minimo di dispersione di calore ma non perchè i tubi gocciolano come l'acquedotto, perchè una parte viene assorbita dall'ambiente, quindi figurati km di tubature quanto calore disperdono al suolo durante il tragitto dell'acqua calda. è più conveniente caldaia centralizzata. Tempo fa la contabilizzazione era il mio mestiere.

        Rispondi

        • Vercingetorige

          26 Ottobre @ 11.52

          Io non "difendo" il teleriscaldamento . Io descrivo quello che vedo , e che sta avvenendo , Dovrebbero aprire gli occhi anche quelli che "sanno di cosa si parla" !

          Rispondi

        • Vercingetorige

          26 Ottobre @ 11.48

          La "contabilizzazione" può darsi . La progettazione di condotte no !

          Rispondi

  • Marco

    24 Ottobre @ 17.57

    Gli scavi di alcuni anni fa con la realizzazione di un primo ramo di rete teleriscaldamento sono stati probabilmente fallimentari per Iren, ricordo via Solferino chiusa per mesi senza che nessuno stabile si sia allacciato al servizio. Perché insistono? Hanno di fatto obbligato le scuole ad allacciarsi, non si sa con che convenienza. Probabilmente diverrà un obbligo per gli uffici pubblici, così da giustificare l'esistenza della rete. Perché si sa, Iren è una società privata controllata da enti pubblici, e la correttezza delle scelte operative, la meritocrazia, il "chi sbaglia paga" non fanno parte delle sue logiche.

    Rispondi

  • Betti

    24 Ottobre @ 15.16

    Tra l'altro non comporta risparmi, quindi non ha veramente senso allacciarsi al teleriscaldamento

    Rispondi

    • Vercingetorige

      24 Ottobre @ 15.50

      Quindi IREN starebbe spendendo decine di milioni per beneficenza.

      Rispondi

      • Maurizio

        24 Ottobre @ 19.58

        Betti ha ragione, la convenienza c'è solamente per chi ha ancora l'impianto centralizzato a gasolio, attualmente l'acqua viene riscaldata dalle centrali dove viene bruciato metano, arriva nei palazzi ma avrà perso temperatura perchè non esistono coibentazioni tali da conservare per tanti chilometri la temperatura, nel palazzo ci saranno minicaldaie che scalderanno l'acqua quindi il risparmio è minimo, se hai una caldaia moderna il risparmio è nullo o forse spendi di più. Se si andrà a regime con il riscaldamento dall'inceneritore cambierà poco, almeno si risparmierà il metano che si brucia adesso nelle centrali, soldi che risparmierà iren e che dubità vi restituirà.... Tra l'altro andrà mai in funzione la produzione di acqua calda ed energia nell'inceneritore? Chi ha chiesto l'autorizzazione, iren con il beneplacito della giunta ubaldi, ha chiesto semplicemente un'autorizzazione per bruciare rifiuti senza produzione di nulla

        Rispondi

        • Vercingetorige

          25 Ottobre @ 11.38

          VEDERE risposta a "Betti" .

          Rispondi

  • Immanuel

    24 Ottobre @ 14.47

    @Alberto : mal comune mezzo gaudio? Ma dici sul serio? Ma perché hai fatto questo commento? La buttate sempre in politica. Come se ne fregasse qualcosa alla maggior parte della gente ... come se per capire se una cosa è giusta o sbagliata si dovesse sentire cosa ne pensa il partito. Bell'esperienza i 5 stelle

    Rispondi

  • Elli70

    24 Ottobre @ 13.17

    @Parma, consolati. Sembra che, il sindaco, non abbia dato il permesso per allacciare il termovalorizzatore alla rete! Benissimo. Così si spreca energia per niente. Visto che è attaccata al turbogas. Se fosse veramente così, ci sarebbe da piangere. Speriamo che qualcuno ci illumini!!!

    Rispondi

    • Maurizio

      24 Ottobre @ 20.09

      Sembra che il sindaco? Il sindaco non ha nessuna competenza, iren deve chiedere una modifica sostanziale alla provincia e questa eventualmente autorizzerà iren a produrre energia, quello che dico son tutte cose verificabili anche su internet, altro che SEMBRA CHE IL SINDACO....

      Rispondi

    • Vercingetorige

      24 Ottobre @ 15.48

      "ALLACCIARE LA RETE DEL TELERISCALDAMENTO AL TERMOVALORIZZATORE " NON RICHIEDE IL PERMESSO DEL SINDACO ! Crede che stiano devastando tutta la Città alla ricerca di reperti archeologici ? Il Sindaco avrebbe potuto negare ad IREN il permesso di sbudellare tutte le strade di Parma , ma non lo ha fatto ! Sembra che nessuno pensi di far funzionare il teleriscaldamento con le bombole del liquigas ! Quanto all' "illuminazione" il termovalorizzatore produrrà anche energia elettrica .

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

francia

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

Clooney vende il marchio della sua tequila per un miliardo di dollari

Clooney con la moglie Amal. (foto d'archivio)

Il caso

Clooney vende il marchio della sua tequila per un miliardo di dollari

elefantino che rincorre gli uccelli

natura

L'elefantino che rincorre gli uccelli Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Rapina in stazione con sequestro, identificati i tre responsabili

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

GUARDIA DI FINANZA

Guardia di finanza: in 5 mesi scoperti 20 evasori totali. Tutti i numeri della Gdf

Durante la cerimonia del 240° della fondazione del Corpo 

polizia

Ladri scatenati, doppio colpo: presi di mira una tabaccheria e una ditta

sorbolo levante

Folla e commozione per i funerali di Matteo

Il 42 enne stroncato da un malore martedì dopo il calcetto

emergenza

Via Giovenale, via Muratori, piazzale Erodoto in balia dei vandali/ladri di automobili

Incendio

«La mia casa a un passo dal rogo»

Piazza Garibaldi

Pizzarotti-Scarpa, incontro/scontro, scintille e...immagini - Gallery (e battute)

VERSO IL VOTO

Sicurezza, rispondono Pizzarotti e Scarpa

3commenti

paura

Rotatoria strada Argini/via Pastrengo, incidente: code e traffico a rilento

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

calcio

Un altro (grande) ex si fa avanti, Marchionni: "Parma, perchè no"

1commento

Il caso

Cassano fa sempre discutere

1commento

Noceto

Ha un malore mentre guida, esce di strada e muore

TRAVERSETOLO

Operazione mercato pulito: sei ambulanti multati

1commento

MAGGIORANZA SPACCATA

Il sindaco di Pellegrino: «Potrei dimettermi»

CONSERVATORIO

Pietro Magnani, alla Camera

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

modena

Uccide a coltellate il compagno e chiama la polizia

sanità

Bimbo di 6 anni muore per le complicanze del morbillo

SOCIETA'

GUSTO

I tortelli diversi: ecco le ricette

1commento

la ricetta

La ricéta p'r i tordéj d'arbètta in djalètt Pramzàn

SPORT

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

calcio

Rivoluzione: la U20 cinese giocherà la serie D tedesca

MOTORI

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...

novità

Volkswagen Arteon, salutate l'ammiraglia