-3°

Politica

Nuzzo: "Referendum, ritardi dovuti all'Amministrazione"

Mauro Nuzzo, consigliere comunale di Parma

Il consigliere comunale Mauro Nuzzo

Ricevi gratis le news
3

Il consigliere del Movimento 5 Stelle Mauro Nuzzo critica, attraverso una nota, l'Amministrazione comunale sulla questione del referendum sugli asili. La nota di Nuzzo è intitolata "Il divorzio dalle consultazioni popolari". Secondo il consigliere - che elogia il comitato AttivarSi per l'infanzia "per la caparbietà e la bontà del loro agire" - i ritardi sul referendum proposto al Comune sono riconducibili alla volontà dell'amministrazione stessa. 

Scrive Nuzzo: 

“Volete voi che il Comune di Parma mantenga la gestione diretta di tutte le scuole dell’infanzia comunali che il Comune stesso ha gestito direttamente nell’anno scolastico 2014/2015, adottando tutte le azioni e gli atti a tal fine necessari?”
Questo è il quesito referendario che il Comitato AttivarSi per l'Infanzia, dopo il passaggio notarile, ha proposto al Comune di Parma in data 3 maggio 2015. 

Dopo 30 giorni vi sarebbe dovuto essere il parere sulla legittimità del quesito da parte della Commissione preposta. Se il parere fosse stato positivo, nei 60 giorni successivi il Comitato avrebbe dovuto raccogliere cinquemila firme certificate. Se lo avesse fatto, il referendum si sarebbe tenuto e i cittadini di Parma si sarebbero potuti esprimere sul tema, per il primo referendum consultivo senza quorum.

Dopo trenta giorni invece, il 3 giugno 2015, non si ha il parere di alcuna commissione ma è il giorno in cui l’Amministrazione comunale invia la prima lettera con la quale richiede a Ordine degli Avvocati e Università di proporre una rosa di candidati per la composizione della Commissione dei Garanti. Un mese intero prima di attivarsi per la costituzione della Commissione dei Garanti, un mese intero per una missiva che, a mio avviso, poteva e doveva essere scritta e inviata immediatamente dopo il deposito del quesito referendario.

Più delle parole quindi le date di un carteggio possono dare indicazioni, possono mettere d’accordo, le date, sull’interpretazione di una vicenda, contribuiscono ad evitare che vi siano letture differenti e a volte distorte. Ascoltavo dubbioso il sindaco dire in Consiglio comunale (ottobre 2015) che i ritardi non erano riconducibili alla volontà di chi amministra e ora che ho letto il carteggio e posto attenzione alla cronologia delle varie lettere, sono certo del contrario. 
Se, di fronte alla richiesta di una consultazione popolare si dovrebbe agire con solerzia e sentire l’urgenza di dare riposta ai cittadini che la propongono e per conto dei quali si amministra, perché un ritardo simile?

Di lettera in lettera di mesi ora ne sono passati sette e la Commissione prima di trovare il suo assetto attuale, che auguriamo definitivo, si è composta e scomposta più volte. Per certi versi un intrigante romanzo epistolare. Vi sono state diverse legittime rinunce per incompatibilità, e addirittura, forse per fretta, il tentativo maldestro di inserimento di un professionista nella rosa degli avvocati per chiamata diretta, senza che l’Ordine avesse agito in tal senso. Il buon senso aiuta a risolvere anche cose apparentemente complesse ed una Commissione ad oggi composta secondo regola e norma l’abbiamo.
Intanto però in data 7 agosto il bando per la gestione delle scuole dell’infanzia comunali ha concluso il suo iter e le scuole per l’infanzia, anche quelle che erano precedentemente a gestione pubblica sono state affidate in gestione al privato.

E’ venuto meno quindi l’oggetto del contendere, si è svuotato di senso il quesito referendario per impossibilità di pronunciamento nei tempi necessari e con questo leso ed impedito il diritto alla partecipazione popolare. Si è preferito procedere senza attendere il parere dei cittadini e facendo poco perché gli stessi potessero esprimerlo in tempo.

L’ultima comunicazione che il Comitato ha ricevuto dal Comune di Parma risale al 30 giugno, svariati mesi di silenzio a condire il tutto, lunghi quanto incomprensibili.

In attesa di un parere per un fatto che più non sussiste, un augurio alla Commissione dei Garanti per il lavoro che si apprestano a fare, anche se il frutto del loro lavoro giungerà a tempo scaduto e a partita già conclusa. Un plauso al Comitato AttivarSi per l'Infanzia per la caparbietà e la bontà del loro agire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    01 Dicembre @ 12.23

    Questa storia dimostra chiaramente, oltre all'incapacità dell'amministrazione, anche la sua totale mala fede e disonestà intellettuale. Sbaglia Nuzzo, quando afferma "...una missiva che, a mio avviso, poteva e doveva essere scritta e inviata immediatamente dopo il deposito del quesito referendario.": la missiva andava inviata prima, al posto di vanagloriarsi comunicando di aver messo a statuto il referendum, ma facendo in modo che tutto fosse pronto nel caso qualcuno pensasse di indirlo. E, benché Nuzzo e Savani siano una spanna sopra tutti i loro colleghi di giunta (ma ci vuole davvero poco) non sono immuni da colpe, perché se avessero davvero la schiena dritta, per non dire le palle, si sarebbero già dimessi, con l'unico atto concreto che davvero li avrebbe differenziati.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Ex Eridania

Rubata di nuovo la bacchetta di Toscanini

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

AMMINISTRATIVE

Nasce il progetto civico «Siamo Salso»: «Insieme per costruire il futuro»

Traversetolo

I profughi spalano la neve: tregua tra Comune e Betania

VIADANA

Sequestrato un furgone carico di agnelli maltrattati

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

PARMA 2020

Capitale della cultura: svelati tutti i progetti

felino

Ladri sbadati beccati dalla polizia grazie al gps Video

METEO

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Buran Video

Enel e energia ellettrica: una task force per fronteggiare i disagi (leggi)

7commenti

APPENNINO

Il sindaco Lucchi: "Gelo e neve in arrivo, lunedì scuole chiuse a Berceto e Ghiare"

Serie B: 27a giornata

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

APPENNINO

Frana sulla strada fra Varsi e Ponte Lamberti: operai al lavoro Video

VIABILITA'

Buche in A1: problemi anche nel tratto parmense dell'autostrada

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Uccide il suo datore di lavoro dopo una lite per 100 euro

ORVIETO

E' morto Folco Quilici: il grande documentarista aveva 87 anni

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

MODA

Borsalino, la finanza sequestra il marchio: si può vendere Foto: star di Hollywood

Irruzione

Lo streaker più famoso colpisce (ancora) alle Olimpiadi Gallery

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day