12°

Parma

Parmense: siamo 437mila, con 50mila stranieri

Parmense: siamo 437mila, con 50mila stranieri
Ricevi gratis le news
17

Comunicato stampa

 Continua a crescere la popolazione della nostra provincia, anche se a un ritmo minore di quello (elevatissimo) dell’anno scorso: oltre 437mila i residenti al 1° gennaio 2010. Stesso trend (incremento deciso ma più contenuto di quello dell’anno scorso) per gli stranieri e per le famiglie, che sfiorano le 200mila unità ma sono sempre più piccole: quelle fino a due componenti rappresentano ormai il 65% del totale. Queste alcune delle indicazioni contenute nel Rapporto annuale della Provincia sulla popolazione del nostro territorio, curato dall’Ufficio statistica: numeri al primo gennaio 2010 presentati questa mattina in piazza della Pace.

“Il ritratto che esce da questi dati? Quello di una provincia che cresce in popolazione, anche se non più ai ritmi del passato. Una provincia in cui gli stranieri hanno raggiunto quota 50mila, e per oltre il 50% sono donne: un dato, questo, che conferma una tendenza sempre più massiccia, e che va legato al tema della cura degli anziani. Una provincia in cui le famiglie sono sempre più piccole e in cui quelle numerose si attestano sul 4%: in valori assoluti sono oltre 7mila famiglie, rispetto alle quali credo sia giusto confermare politiche mirate di sostegno e di valorizzazione. Il ritratto di una provincia dove la capacità di costruire reti e di offrire occasioni di lavoro e di vita ha consentito un processo armonico dell’immigrazione”, ha detto l’assessore alle Politiche sociali Marcella Saccani. “Questi dati – ha aggiunto - non sono solo numeri: sono tendenza, sono spaccati di vita. Li consegniamo al territorio, che ne farà la lettura che serve per organizzare o riorganizzare i servizi: sono uno strumento fondamentale da usare come base per la pianificazione e la programmazione, perché sempre meno si navighi a vista”.

Le cifre sono state illustrate nel dettaglio da Andrea Gaiani, responsabile dell’Ufficio statistica della Provincia. “È vero che quest’anno la popolazione è cresciuta meno del precedente, ma si tratta comunque del quarto aumento in valore assoluto registrato negli ultimi decenni. La popolazione cresce ininterrottamente da circa 15 anni: oggi ci sono circa 45mila residenti in più del 1995. Siamo quindi in presenza di una modificazione demografica di carattere profondo, sia dal punto di vista quantitativo sia da quello della composizione – ha osservato Gaiani - visto che l’aumento è stato determinato in gran parte dalla crescita degli stranieri, che hanno anche contribuito in modo decisivo al ringiovanimento della popolazione”.

La popolazione complessiva
La popolazione della nostra provincia aumenta anche quest’anno, ma a un ritmo minore di quello dell’anno precedente: al 1° gennaio 2010 contiamo 437.308 residenti, con una crescita rispetto all’anno scorso di 4.212 unità, +1%.  Si tratta comunque del 4° aumento in valore assoluto registrato negli ultimi decenni. Ininterrotta la crescita negli ultimi 15 anni, con un aumento complessivo di oltre 45.000 persone. Per quanto riguarda i singoli comuni, quelli in cui si è riscontrato l’aumento maggiore sono Mezzani e Trecasali, con valori per entrambi pari o superiori al 3%; al 3° posto (+2,7%) Lesignano e Bore. L’area più dinamica dal punto di vista demografico si conferma in generale quella del capoluogo e della sua cintura, mentre il calo più pesante s’è registrato a Pellegrino (-4,5%), seguito da Varsi e Valmozzola (–2,1% e –2,8%).

Gli stranieri
Gli stranieri residenti al 1° gennaio 2010 sono 50.147, l’11,5% della popolazione complessiva, con un aumento del 9% in un anno: 4.153 persone in più. Anche in questo caso si tratta di una crescita significativamente più limitata di quella dell’anno precedente, che aveva fatto registrare un aumento percentuale del 17,5%.
La popolazione straniera è aumentata nell’ultimo anno nella maggior parte dei comuni della provincia; è diminuita (ma di poco) solo in 6 comuni della montagna, ma va rilevato che proprio i comuni montani sono quelli che presentano gli aumenti percentuali più alti: incrementi  superiori al 20% a Tornolo, Albareto e Bedonia.
Analizzando la percentuale di stranieri rispetto al totale della popolazione, le cifre più alte, superiori al 15%, si trovano nei comuni di Calestano, Colorno, Fornovo e Langhirano.
Anche quest’anno si conferma la crescita della presenza femminile, che ha ormai raggiunto il 50,7% del totale degli stranieri (nel 1996 le donne rappresentavano solo il 38% del totale della popolazione straniera). Per quanto riguarda le cittadinanze, al primo posto troviamo gli albanesi, seguiti da moldavi e rumeni: queste tre cittadinanze da sole rappresentano il 33,5% di tutta la popolazione straniera. Ormai le persone provenienti dai Paesi dell’Est Europa rappresentano il gruppo più numeroso.

Gli anziani
I “grandi anziani” (da 75 anni in avanti) continuano ad aumentare, anche se a un ritmo rallentato rispetto al passato: si è passati da incrementi di oltre il 2% annuo fino al 2002 ad aumenti più limitati negli ultimi anni. Le persone con 80 anni e oltre sono passate da 23.433 al 1° gennaio del 2000 a 31.396 al 1° gennaio del 2010, con un aumento del 34%. Va sottolineato che nel 2010 abbiamo raggiunto nella nostra provincia il massimo numero mai registrato di ultracentenari: 134.

Le famiglie
Il numero delle famiglie prosegue la sua crescita e raggiunge nel 2010 la cifra di 199.099; anche qui, però, si tratta di un incremento più contenuto che negli anni precedenti: circa 2.000 unità in più rispetto all’anno scorso. Dal 1998 s’è registrata comunque una crescita complessiva di oltre 34.000 famiglie, con un aumento del 20,7%.  Le famiglie tendono ad essere sempre più piccole: non a caso proprio quelle con un solo componente hanno avuto nell’ultimo anno il più alto incremento in valore assoluto (+1.285). Le famiglie di piccola dimensione (fino a 2 componenti) rappresentano ormai oltre il 65% del totale.

In fondo al'articolo le statistiche fornite dall'Ufficio stampa Provincia

Per saperne di più,  vai al sito della Provincia 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mirko

    15 Marzo @ 08.05

    437000 totali .... 50000 extra .... togli i meridionali ....alla fine rimane la gente per una briscola in cinque???

    Rispondi

  • ERIO

    14 Marzo @ 12.02

    Per Muurizio,riquardo alle leggi che chiedi ieri ho fatto l'esempio delle prestazioni odontoiatriche perchè è capitato a me, per gli aiuti ,casa,bollette,ecc., non ci sono leggi specifiche ma sono costi ingentissimi, che come dice Giuliana , i Comuni devono sostenere,ma li nascondono bene, per aiutare i bisognosi,che ci sono sempre stati (a causa di disgrazie ,malattie gravi, indigenze,dis.mentali,ecc..) e giustamente la collettivita' deve dare una mano,ma ora i conti esplodono anche a causa dei troppi extra che pretendono senza avere versato un € di contributi. Lo sai ,fonte ISTAT,che un terzo delle P.Iva intestate agli extra non hanno conto corrente? Lo sai cosa significa? Lavorano in nero! Invece tu paghi tutto. Pensioni,ti sbagli, la pensione è un titolo personale a prescindere dalla residenza,cosi' come gli emigranti Italiani di ritorno ricevono la somma in Italia gli stranieri in regola riscuotono dove risiedono.La CGIL ti avra' detto che c'era una proposta della Lega di non erogare all'estero ,ma non è mai neanche stata discussa. Il conteggio delle pensioni agli extra,al 01\02\2010,è di 152.000 assegni riscossi in Italia(media 707 €/mese) e di 37.000 spediti nei paesi d'origine(media 311 €/mese) . Questi ultimi in maggior parte sono il frutto di un colpo di genio del tuo amico Prodi(indimenticato scippatore della stazione mediopadana a Parma) in quanto decise che dopo il ricongiungimento familiare gli over 65 parenti degli extra avessero diritto all'assegno sociale senza avere versato un € di contributo. E li paghi anche tu con le trattenute, e sai chi imbastiva le loro domande ? la CGIL ! Tu ti lamenti giustamente del tuo stipendio , ma la CGIL , e non solo,di queste furbate ne hanno promosse e sposate talmente tante che se oggi non ci fossero tutte quelle trattenute dovute a sostenere quei costituffa la tua paga sarebbe senz'altro dignitosa e lavoreresti con piu' soddisfazione e piu' stimolo. ciao

    Rispondi

  • Ario Leonardis

    14 Marzo @ 01.35

    Carissimo " Spillo ", sono daccordo con te, ringrazio la " Provvidenza " che fornisce di occhi per vedere e mente per capire almeno qualche abitante di questa bellissima città, che era, Parma. Grazie "Spillo " ! Per favore continua a far conoscere a chi non ha occhi per vedere ciò a cui conduce tutto questo ! L' Italia agli italiani ! ( e il Piave, mormorò, non passa lo straniero ... E folle, di stranieri, vennero dal mare del profondo Sud, riversandosi illuse e ! "affamate di progresso e insano consumismo " . Disperdendosi in ogni regione del " Bel Paese " e contribuendo alla formazione della " Nuova Babele ". Cammino per Parma, che tanto Amo, e non sento che da pochissimi anziani parlare in parmigiano. Ad ogniuno di voi , l'ardua sentenza ... E' giusto far scomparire il nostro linguaggio nazionale, soffocandolo in una babele di lingue e dialetti esteri ? Buona giornata a tutti, parmigiani e non ! Ario Leonardis Via Lertora 5 Chiavari ( GE ) Email arioleonardis@gmail.com

    Rispondi

  • Geronimo

    13 Marzo @ 21.14

    Spillo sto ancora aspettando le leggi, della casa gratis, delle bollette, e di ogni,. Piccolo ragionamento per le pensioni, l'extracomunitario cosa fa in italia? lavora onestamente e paga le pensioni dell'attuale pensionato, lavora 10 o 20 anni e ritorna nel suo paese. Risultato ha pagato giustamente le pensioni degli attuali pensionati però non riscuoterà la pensione (cavoli suoi, è sua la scelta di tornare nel suo paese). Quindi mi sembra che le favole di bersani ed epifani non siano tanto balle. A me non piacciono alcune cose dei sindacati però devo ammettere che la CGIL anche se è politicizzata è l'unico sindacato rimasto a difendere i lavoratori. Se io dovessi credere a tutte le balle che mi raccontano i gironali e i politici dovrei essere ricco, sono metalmeccanico, parto da uno stipendio di 1100 euro al mese, lavoro da 7 anni, ho avuto un passaggio di livello e 3 scatti di anzianità. Secondo le notizie che danno i giornali il mio stipendio si alza di circa il 3% all'anno (mettiamo 30 euro l'anno), ho avuto 3 rinnovi contrattuali metalmeccanci rispettivamente di 130 euro, 150 euro e 180 euro. calcolando aumento di 30 euro netti l'anno ho un aumento di 210 euro al mese solo per i 7 anni di lavoro, mettiamoci i 3 rinnovi del contratto, dovrei avere uno stipendio medio quasi 1800 euro al mese. Perchè prendo circa 1200 euro al mese? Non è forse che qualcosa non va? Ho capito, forse è quel malandrino di prodi che continua a rubarmi i sodli....

    Rispondi

  • ERIO

    13 Marzo @ 19.43

    OK , G.B. grazie

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS